Overwatch League Playoffs – Semifinali giorno 1

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Spitfire e Fusion si portano in vantaggio nella prima giornata di semifinali

Nella notte si sono scontrate per la prima volta le semifinaliste della Overwatch League, andiamo ad analizzare i risultati:

Philadelphia Fusion 3 – New York Excelsior 0

Vittoria dominante per i Fusion che portano a casa il vantaggio contro i NYXL senza perdere una sola mappa.

Dorado PHF 3 – NYE 2

Mappa estremamente combattuta, entrambi i team arrivano in Overtime ad un passo dal punto 3 ma sono i Fusion che prevalgono. Complice lo spawn vicino e il grandissimo lavoro di Hotba che lascia poco spazio di manovra agli avversari. Pine convincente (ovviamente) su Widowmaker ma meno su Genji.

Oasis PHF 2 – NYE 1

Anche Oasis é estremamente combattuta. Primo punto ai Fusion grazie all’ottimo lavoro di Hotba e Eqo, ma gli Excel pareggiano il risultato nella seconda sfida. Sul CP finale salva il vantaggio una D.Va Bomb di Hotba, che trova tre eliminazioni sugli avversari e consolida il vantaggio per i ragazzi di Philly.

Eichenwalde PHF 3 – NYE 1

Eichenwalde mappa decisiva per il match, e sono i Fusion a portarsela a casa con una egregia difesa del carico. Dopo un emozionante attacco dei ragazzi in arancio, che porta a casa i tre punti, durante la loro difesa i NYXL sono poco incisivi. Conquistano il CP ma nulla da fare, la mappa e il match sono persi.

  • MVP: Hotba. Fa il suo lavoro e lo fa dannatamente bene. Grande capacità di zonare gli avversari e ottime qualità come offtank. Una bestia in azione.
  • LVP: Sabyeolbe. Una prestazione indubbiamente da pro, ma dalla “miglior Tracer della OWL” ci aspettavamo di meglio. Poco incisivo.

Replica: Clicca qui!

London Spitfire 3 – Los Angeles Valiant 1

Gli “underdog” di questi playoff dimostrano, dopo la vittoria contro i Gladiators, di poter dare ancora spettacolo. Si mette male per i primi della divisione pacifica.

Junkertown SPI 3 – LAV 1

Nessuna difficoltà nel vincere questa mappa per gli Spitfire, ma i Valiant sembrano addormentati. Quando si tratta di difendere, i giocatori di LA lasciano passare il payload per l’intero secondo punto quasi senza contestarlo. Le kill non arrivano e, infine, i londinesi si portano in meritato vantaggio.

Lijiang Tower SPI 2 – LAV 1

I Valiant si portano per primi in positivo su questa mappa scontrandosi con una fiera resistenza, ma ride bene chi ride ultimo. Gli Spitfire, infatti, si rimboccano le maniche e riprendono in mano il gioco riparando allo svantaggio e allungando il distacco dai Valiant con due mappe a zero.

King’s Row SPI 0 – LAV 1

Qui i Valiant risorgono e dimostrano di essere un team che ha ancora tanto da dimostrare. Tengono a bada gli inglesi sul primo punto concedendo loro solo due terzi del controllo e da li la via é spianata. Per il team di Los Angeles, infatti, conquistare il 67 percento del CP é abbastanza semplice.

Hanamura SPI 1 – LAV 1

Hanamura termina in pareggio, e i Valiant si ritrovano all’improvviso senza possibilità di vittoria. Una mappa estremamente combattuta e molto incerta, ma alla fine nessuno riesce a schiodare l’avversaria dal secondo CP.

Dorado SPI 3 – LAV 2

Si ritorna alla prima mappa per lo spareggio, ed anche stavolta gli Spitfire si dimostrano in grado di sfruttare al meglio le linee di tiro e la geometria del paesaggio. I Valiant offrono una fiera resistenza ma alla fine devono capitolare alla potenza di fuoco inglese.

  • MVP: Fury. Devastante, in tre mappe su cinque é il giocatore con più kill, arrivando a doppiare il migliore dei Valiant. Una macchina da guerra.
  • LVP: Soon. Solo perché devo scegliere un LVP, Soon finisce in questa categoria. Incisivo, ma non stellare, di certo non il DPS che siamo abituati a vedere.

Replica: Clicca qui!

Gabriele "theGabro" Colombi

Nerd. Amante di giochi e videogiochi, Gabriele spende la sua infanzia tra un monitor e una console, e all'università scopre il fantastico mondo degli [email protected]_ su Twitter.