Overwatch, i cambiamenti sembrano positivi, ma i PRO invitano alla prudenza!

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Sono passate solamente 24 ore da quando è stata diffusa la lista di note della patch che ha introdotto una quantità davvero molto importante di bilanciamenti sul PTR di Overwatch.

Moltissimi sono stati gli eroi colpiti, e tra questi non possiamo certamente non menzionare i nerf che hanno caratterizzato il celebre eroe Tank Sigma o i buff decisi invece per altri eroi come Winston e D.Va che hanno certamente rilanciato l’ipotesi di un eventuale ritorno della Dive Comp.

In linea generale comunque, sembra che le modifiche scelte dagli sviluppatori siano state gradite sul PTR, con molti giocatori che hanno però preferito invitare tutti alla calma, chiarendo che le 2/3 settimane di test all’interno del reame pubblico di prova chiariranno per davvero, ed in modo assolutamente limpido, quali potrebbero essere (e quali saranno) i nuovi equilibri del meta competitivo.

L’opinione di Reinforce (Ex pro svedese ed ora caster di Overwatch)

Una patch di questa portata può certamente alterare (in modo anche drastico) il meta di Overwatch, e certamente questi bilanciamenti impatteranno sullo “Shield Meta” dato che la patch avrà delle conseguenze dirette sia su Orisa che su Sigma (due dei principali protagonisti al momento nelle classificate) mentre certamente regalerà un bel boost alla coppia di eroi composta dai tank Winston e D.Va.

Quick look at the tracer falloff buff 🙂 from Competitiveoverwatch

Questo fattore, secondo l’opinione di molti esperti, potrebbe influenzare un ritorno alla Dive Comp (una strategia che schiera in campo Winston, D.Va, Tracer, Genji, Mercy e Lúcio) dato che dei 6 personaggi che caratterizzano proprio la Dive ben 5 hanno ricevuto dei potenziamenti e dei buff.

L’opinione di Jake (Pro degli Houston Outlaws)

Cosa ne pensate voi di tutti questi cambiamenti? Avete avuto modo di provare le modifiche applicate sul PTR?
La discussione è aperta!

Marco "Stak" Cresta

Sono un appassionato di videogiochi fin da quando ne abbia ricordo e credo nella bontà del progresso che scaturirà grazie agli eSports anche a livello sociale. L'altra mia grande passione è da sempre stata l'attualità e la storia, motivo per il quale ho concluso il mio percorso di studi con la laurea in Scienze Politiche nell'Università calabrese di Cosenza.