Overwatch: Lucio scalzato dal ruolo di re dei support!

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Dall’uscita di Overwatch abbiamo visto molti meta diversi e molte teamcomp diverse, ma un eroe è sempre rimasto sulla cresta dell’onda, risultando sempre la scelta giusta per ogni situazione: Lucio.
Durante questa settimana abbiamo visto dopo molto tempo i pro cimentarsi con l’attuale patch di Overwatch, e per la prima volta il dj brasiliano è stato detronizzato. Mai era sceso al di sotto del 70% di pick rate, e vederlo scivolare al 13% fornisce qualcosa su cui riflettere.

Lucio, come sappiamo, ha ricevuto diversi cambiamenti in modo da diventare un eroe meno passivo e leggermente più difficile da sfruttare al massimo delle sue potenzialità, ma ciò non gli ha impedito di rimanere uno degli eroi più efficaci del gioco. Finchè non è arrivato il rework di Mercy.

 


L’efficacia di questa nuova Mercy non solo ha scalzato Lucio dal titolo di support per eccellenza, ma lo ha addirittura fatto scivolare dietro Zenyatta semplicemente perché quest’ultimo sinergizza meglio con il medico svizzero, fornendo quella cura in più dalla distanza che Lucio non può più offrire dopo il nerf al range della sua passiva. E così vediamo il pick rate di Zenyatta impennarsi fino a raggiungere l’82%.

E perché non Ana al posto di Zenyatta, direte voi? Range maggiore, potenziale di cura maggiore eccetera. Semplice: finchè D.Va e Winston saranno così giocati, i proiettili di Ana finiranno mangiati dalla matrice difensiva della prima o intercettati dalla bolla del secondo, e addio potenziale di cura.

Parlando di bassi livelli di gioco, Bronzo e Silver per intenderci, il rework non ha avuto un enorme impatto semplicemente perché Mercy era già molto usata, ma se lo sguardo si sposta verso i livelli più alti si nota un incremento pazzesco del suo pick-rate.

Ora che anche i pro giocano sulla stessa nostra patch l’impatto di Mercy è più che evidente. Durante gli APAC è stata presente in quasi ogni comp, anche quelle che non prevedevano Pharah, e i team che non l’hanno inclusa nella propria composizione se la sono vista relativamente scura.

Ma perché Mercy è tanto più utile rispetto a prima? Perché prima era troppo dipendente dal proprio team (a differenza dei suoi colleghi support) e investiva tutto il suo potenziale in un unico push. Ricordate? All-in, gli avversari concatenano le Ultimate per pulire il tuo team mentre tu stai nascosto dietro al muro, poi ez big rez e il fight viene ribaltato. Ora invece, essendo il res un’abilità con un preciso cooldown, Mercy è capace di salvare ogni fight del proprio team semplicemente annullando i pick avversari e quindi lo svantaggio numerico in cui incorrerebbe il proprio team. Poichè come tutti sappiamo, un fight che parte con un uomo in meno è un fight perso al 90%.

Esaminando poi la sua nuova Q, c’è da dire che è potente almeno quanto il vecchio res. Tutte le Mercy viste durante il torneo erano praticamente imprendibili mentre utilizzavano la Valkyrie, il che si traduceva in cure e buff per tutto il team per 20 secondi, più res multipli. E 20 secondi sono una marea di tempo.

Fonte: Overbuff

Roberto "Robertstein" Venezia

Diplomato al Liceo Classico, è ora studente di Game Programming presso Event Horizon School a Padova. Appassionato di videogames, cinema, libri e fumetti, ha l'obiettivo di promuovere gli esport in Italia.

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701