Overwatch League: stanotte vincono solo le attese, ma i cambiamenti al timer delle Assault concedono due pareggi su queste mappe

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Vincono Spitfire, Seoul, Valiant e Spark; per questa serata non ci sono sorprese.

Nonostante i risultati abbastanza attesi la serata di ieri della Overwatch League ha dato molti punti di riflessione per team e tifosi: innanzitutto sui cambiamenti dei timer nelle mappe Assault ma anche su come questo quarto Stage sia probabilmente quello più equilibrato che abbiamo visto finora. Ma andiamo a vedere come si sono svolti i match della serata:

Houston Outlaws 1 – London Spitfire 3

Gli Outlaws non smettono di deludere: si vede ad occhio nudo che questo team non riesce a giocare al 100%, ed il team di Londra ne approfitta a mani basse portando a casa una vittoria importantissima per rimanere nella Top 6. I texani, come al solito, deludono nel momento sbagliato: sia su Lijiang che su Volakaya che ancora su King’s Row, gli Outlaws arrivano sempre ad un centimetro dal pareggiare o addirittura vincere lo scontro con i rivali. Ottime timebank, vantaggio di Ultimate, tutto è pronto…. E poi Houston cade rovinosamente senza nessuna ragione apparente. Si salva solo Route 66, la mappa della bandiera, che vale un magro punto alla formazione americana, con questa sconfitta ormai definitivamente eliminata da ogni speranza Playoff.

Seoul Dynasty 2 – Toronto Defiant 1

I Defiant nell’ultimo periodo sono sembrati molto forti grazie alle nuove aggiunte in rosa, ma non abbastanza per contrastare un team sempre difficile come i Dynasty. Qui infatti nessuna delle due formazioni risparmia i colpi: il match è una lotta senza quartiere nella quale sia Toronto che Seoul gettano tutto quello che hanno a disposizione per vincere, ed infatti le mappe sono tutte estremamente vicine in termini di punteggio. Lijiang infatti si chiude sul 2-1 mentre Blizzard World finisce con un 4-3, ma il risultato simbolo della serata è il pareggio su Volskaya, gentilmente concesso dalle nuove regole sul timer delle mappe Assalto. Ai Defiant un premio di consolazione nell’ultima mappa, Junkertown, ma Seoul è la più felice: questa vittoria tiene aperte le porte dei Playoff.

Florida Mayhem 1 – Los Angeles Valiant 2

I Mayem ci provano sempre, e combattono aspramente e duramente contro i Valiant, ma la determinazione di questi ultimi a rimanere in zona Playoff vale loro la vittoria. Anche questo match è estremamente equilibrato: i due team lottano senza esclusione di colpi, dimostrando anche delle capacità individuali incredibili. Ilios viene conquistata dai Valiant mentre Anubis, la Assault di questo scontro, finisce ancora una volta in parità, ma è su Hollywood che i Mayhem dimostrano che questa rosa può fare molto: Gargoyle su Roadhog ha un eccezionale 93% di ganci a segno ed i Valiant vengono fullholdati. Su Junkertown, però, nemmeno le prestazioni eccezionali di Sayaplayer possono nulla contro i Valiant, che giocano compatti e coesi portando a casa un’importantissima vittoria.

Chengdu Hunters 1 – Hangzhou Spark 3

Gli hunters continuano a dimostrarsi un team temibile nonostante i risultati scarsi delle scorse settimane, e gli Hunters non possono far nulla se non capitolare davanti alla potenza avversaria. Nonostante la buona partenza con la conquista di Ilios, infatti, il team di Chengdu dimostra molta fatica nel portare a segno le mappe successive: GIà su Anubis, infatti, si può notare come gli Spark siano in grado di riprendersi bene dalle sconfitte e di contrattaccare, assicurandosi un fullhold sulla mappa Assault e gli altri due punti necessari per la vittoria su Hollywood e Junkertown. Si tratta comunque di una ottima prestazione per entrambe le formazioni cinesi, dimostrando come sia gli Spark che gli Hunters siano cresciuti molto nel corso di questa Overwatch League.


Overwatch League: stanotte vincono solo le attese, ma i cambiamenti al timer delle Assault concedono due pareggi su queste mappe
Gabriele "theGabro" Colombi

Nerd. Amante di giochi e videogiochi, Gabriele spende la sua infanzia tra un monitor e una console, e all'università scopre il fantastico mondo degli eSport. @theGabro_ su Twitter.

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701