Overwatch League : i New York Excelsior sono i campioni dello stage 3!

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Si è concluso infine lo stage 3 dell’ Overwatch League, con i playoff che per la prima volta hanno visto quattro squadre, e non tre, partecipare alla festa. Ebbene, per la seconda volta di fila sono i New York Excelsior a vincere la pagnotta, senza peraltro perdere una singola mappa. I due team di Los Angeles si sono entrambi fermati alle semifinali, e nessuno dei due si è rivelato una vera minaccia per Boston e New York. Entrambi questi due team hanno riempito il pubblico di aspettative durante la season 3, ma per tutto l’incontro gli Uprising sono sempre un passo indietro rispetto rispetto agli Excelsior.

Los Angeles Gladiators 0 – Boston Uprising 3

Mappe

  • Junkertown
  • Ilios
  • Temple of Anubis

I Boston Uprising si erano mostrati molto sicuri di sé nello scegliere i Gladiators come propri avversari ai playoff, e a ragione. Essendo questi ultimi un po’ il fanalino di coda dei playoff, pur avendo fatto scintille durante questo stage, era abbastanza probabile che il team che detiene il record di imbattibilità per tutto lo stage non facesse molta fatica a batterli.
Il cuore dello show è sicuramente il duo DPS Striker – Mistakes: il primo, al seguito della frontline della propria squadra, fa carne da macello della difesa dei Gladiators sia con Tracer che con Genji, mentre il secondo con la sua Widowmaker gioca la partita della vita, quasi doppiando la sua controparte dei Gladiators, Surefour, in termini di danni inflitti.
Se i due DPS di Boston, insieme a Gamsu, sono il perno attorno a cui gira il team, quello dei Gladiators dovrebbe essere il duo tank FissureBischu, una delle migliori coppie della competizione, che però stavolta si trova in seria difficoltà, non riuscendo mai ad emergere.

Replica – Clicca qui

Los Angeles Valiant 0 – New York Excelsior 3

Mappe

  • Junkertown
  • Ilios
  • Temple of Anubis

Anche ai Valiant spetta lo stesso destino dei propri cugini: contro un team come i New York Excelsior c’è davvero poco da fare, e il 3 a 0 arriva come una sentenza inesorabile. Al contrario dei Boston Uprising però, che fanno il loro gioco a testa bassa, i NYXL si divertono a counterare i propri avversari con delle formazioni non proprio in meta, vedesi la triple tank – double sniper adottata su Junkertown, che permette loro di tagliare la difesa Valiant come burro. Il merito è per buona parte di Libero, che con Hanzo spacca il team avversario. Il DPS Excelsior continua poi a fare la differenza su ogni mappa, chiudendo i chokepoint su Ilios grazie alla sua Pharah e tenendo una solida difesa con Junkrat su Anubis.
Un risultato così categorico è comunque un peccato, data la buona partenza dei Valiant, che su Junkertown prendono bene il controllo della mappa a inizio partita, soprattutto grazie ai loro DPS. Almeno finchè in tre di loro non si beccano una D.va Bomb in faccia da parte del buon MekO, che ristabilisce l’ordine gerarchico in campo e mette fine alle speranze dei Valiant.

New York Excelsior 3 – Boston Uprising 0

Mappe

  • Route 66
  • Nepal
  • Volskaya Industries
  • Numbani

Come scritto sopra, i Boston Uprising, pur essendo imbattuti nello stage, rimangono un passo indietro a quello che si conferma ancora il team più forte dell’ Overwatch League: i New York Excelsior. Nonostante l’ottima prova degli Uprising, questi ultimi si trovano su ogni mappa a sfiorare la vittoria senza mai raggiungerla, a causa della ferrea difesa di New York.
Il primo game vede infatti Boston ad un passo dal terzo punto che garantirebbe loro il vantaggio, dopodichè il pareggio viene loro negato su Nepal pur raggiungendo essi il 99% sia su Village che su Sanctum. Il game 3 finisce in parità, mentre su Numbani di nuovo il payload si ferma a pochi metri dalla salvezza.
Sappiamo tutti quale sia il fattore determinante in un incontro del genere: i New York Excelsior sono un roster completo, con infinite possibilità di adattamento, i cui membri possono giocare praticamente tutti gli eroi ad altissimo livello. Esemplare il fatto che sia Pine che Libero che Saebyeolbe giochino Widowmaker durante il match, tutti e tre ad un livello altissimo, cosa che permette al team una flessibilità impareggiabile in tutta la League.
Infine quindi i New York Excelsior si aggiudicano questi playoff, e il premio di 100.000 dollari.
Lo stage 4 avrà invece inizio il 16 maggio, dopo soltanto una settimana di pausa dallo stage 3.

Roberto "Robertstein" Venezia

Diplomato al Liceo Classico, è ora studente di Game Programming presso Event Horizon School a Padova. Appassionato di videogames, cinema, libri e fumetti, ha l'obiettivo di promuovere gli esport in Italia.