Overwatch League: le prime impressioni sulla grande rivoluzione dell’eSport Blizz

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Durante la prima giornata della Blizzcon è stata annunciata una delle notizie più importanti della storia degli eSports che sicuramente impatterà sul nostro settore con una potenza inaudita e che, molto probabilmente, è stata “poco” considerata vista la quantità enorme di novità estremamente interessanti per il gioco (su tutte…l’attesissima Sombra la cui presentazione è stata una vera e propria liberazione per tutta la community).

L’Overwatch League è stata “lanciata” sulla community in diretta planetaria ed ha già scatenato, tra gli addetti ai lavori, una discussione che difficilmente potrà essere risolta in pochi giorni.
Come molti di voi sapranno infatti, dall’anno prossimo le capitali di diversi stati del mondo avranno una loro squadra che le rappresenterà all’interno della Lega.
I tornei saranno per la maggior parte online ma vedranno anche le squadre protagoniste in sensazionali live all’interno dei quali si giocheranno il posizionamento finale della stagione.

Come Mike Morhaime stesso ha comunicato: “L’Overwatch League rappresenta non solo la massima competizione di Overwatch, ma anche una concreta opportunità di carriera per i giocatori di Overwatch più abili,” ed ha proseguito affermando “Stiamo costruendo una lega accessibile da parte di giocatori e fan, sostenibile ed emozionante a tutti i livelli.”

Attraverso il suo comunicato stampa Blizzard ha specificato che: La stagione inaugurale dell’Overwatch League inizierà nel 2017. All’inizio della stagione, Blizzard terrà delle selezioni alle quali parteciperanno i giocatori idonei che si sono distinti nelle competizioni precedenti. Nelle selezioni, i giocatori saranno valutati in una serie di test, dando alle squadre la possibilità di mettere sotto contratto quelli più adatti a completare le loro formazioni. Chi verrà scelto da una squadra durante questo periodo otterrà un contratto che include uno stipendio minimo e diversi benefici aggiuntivi.

Per supportare la crescita e la sostenibilità dei fan locali, le squadre dell’Overwatch League rappresenteranno le città più importanti delle diverse regioni di gioco. Quando queste “squadre cittadine” saranno ammesse alla lega, il loro posto sarà assicurato, fornendo le migliori opportunità di crescita per gli anni a venire.

Gli annunci delle squadre e le informazioni sull’Overwatch League saranno pubblicati nei prossimi mesi. Nel frattempo, i giocatori che aspirano a competere nell’Overwatch League dovrebbero continuare a distinguersi in Overwatch.

La questione però a questo punto diventa davvero interessante: le squadre e, nello specifico, le varie “dirigenze” da chi saranno stabilite? Le multigaming nazionali ed internazionali che ruolo avranno in questo processo?
Inoltre, se questo torneo avrà una portata mondiale, i tornei “nazionali” saranno in qualche modo correlati a questa Overwatch League? E se vi dovesse essere questa possibilità, chi regolamenterà questo procedimento?
Un ulteriore considerazione andrebbe fatta sul “numero” di squadre che parteciperanno all’Overwatch League: se verrà garantito il posto nella Lega ad una data città (Quando queste “squadre cittadine” saranno ammesse alla lega, il loro posto sarà assicurato, fornendo le migliori opportunità di crescita per gli anni a venire), è facile quindi pensare a qualcosa di più simile alla NBA che non al campionato di calcio italiano dove la presenza di determinati team è più simile alla “franchigia” che non alla squadra stessa.

La discussione quindi è molto più delicata di quanto si possa pensare ad una prima veloce lettura. Sicuramente il futuro saprà chiarificare ogni probabile dubbio e siamo sicuri che Blizzard abbia intrapreso questa difficile ma entusiasmante strada con tutti i migliori propositi possibili.

Voi cosa ne pensate dell’Overwatch League? La discussione è aperta!


Overwatch League: le prime impressioni sulla grande rivoluzione dell’eSport Blizz
Marco "Stak" Cresta

Sono un appassionato di videogiochi fin da quando ne abbia ricordo e credo nella bontà del progresso che scaturirà grazie agli eSports anche a livello sociale. L'altra mia grande passione è da sempre stata l'attualità e la storia, motivo per il quale ho concluso il mio percorso di studi con la laurea in Scienze Politiche nell'Università calabrese di Cosenza.

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701