Opening Moves: difesa sui primi punti

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

In questa nuova puntata di Opening Moves si parlerà di difesa, e in particolare di difesa sul primo punto di Temple of Anubis, Horizon Lunar Colony, Eichenwalde e Numbani. Lo staff dell’ Overwatch League ha raccolto per noi dati molto interessanti durante la prima settimana della competizione, dati che ci indicano quali sono gli eroi più impiegati per questo compito.

Tank

Inutile dirlo, i tank sono un componente fondamentale della difesa. Il dato meno sorprendente è che l’eroe più impiegato è D.Va, probabilmente il tank più flessibile. E’ provvista di grande mobilità, danni sostenuti e soprattutto della Defensive Matrix, un’abilità in grado di annullare minacce molto pericolose. Non dimentichiamoci poi della sua abilità di stallare la situazione saltando fuori dal mech, e della sua capacità di zonare l’intero team avversario con la sua Ultimate. Su 97 tank selezionati, 42 volte i giocatori hanno optato per lei.
Nella classifica segue a ruota il buon Winston, con 30 volte. Anche in questo caso si punta sulla mobilità. Il primo punto di Numbani è stato difeso da ogni singolo team della Lega con la combinazione Winston/D.Va.
I potenti scudi di Orisa le garantiscono il terzo posto con 16 selezioni, mentre la povera Zarya è rimasta completamente fuori dalla competizione, mai pickata da nessuno.

DPS

Ebbene, fra i DPS nessuno monopolizza troppo la scena, con Tracer che rappresenta il 24% dei pick, mentre Soldier 76, Junkrat e Widowmaker si prendono ognuno una fetta superiore al 15% a testa. Ciò che i quattro eroi hanno in comune è il poter infliggere ingenti danni a distanza, e soprattutto Widowmaker e Junkrat risultano mortali nelle strettoie. Mai pickati invece Bastion, Hanzo e Reaper.

Support

Anche in questo caso le statistiche rimarcano l’evidenza: Mercy è l’eroe più impiegato, con un pick-rate superiore al 50%. Riportare in mezzo al combattimento un alleato che era appena stato eliminato è indubbiamente forte come abilità. Segue Zenyatta, con un pick-rate intorno al 30%. Eroe molto particolare, in grado di provocare ingenti danni al team avversario, oltre alle cure per i propri compagni. Il terzo posto è di Ana con il 15%, la stragrande maggioranza delle volte impiegata su Numbani, mappa su cui le sue cure a lungo raggio sono più efficaci.

Ovviamente i team evolveranno le loro strategie nel corso della competizione, come abbiamo già iniziato a notare in queste ultime giornate. Come potrebbe cambiare il meta in futuro, secondo voi?

Roberto "Robertstein" Venezia

Diplomato al Liceo Classico, è ora studente di Game Programming presso Event Horizon School a Padova. Appassionato di videogames, cinema, libri e fumetti, ha l'obiettivo di promuovere gli esport in Italia.

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701