La OWL perde un pezzo importante: Sinatraa si ritira per Valorant

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Sinatraa – Ogni grande campionato cerca di potenziare l’immagine dei suoi pupilli (dei suoi migliori giocatori) al fine di far appassionare molte più persone alla disciplina, come abbiamo più volte visto accadere sia negli sport tradizionali sia pure nella scena esports.

E’ questo ad esempio il caso di Jordan o Bryant con la NBA, quello di Shumacher o Hamilton con la Formula Uno, o di Faker con League of Legends…ogni campionato internazionale ha le sue stelle (passate o presenti), e nella Overwatch League una di queste era certamente Jay “Sinatraa” Won.

Ed è proprio per questo motivo  che l’annuncio dato poche ore fa da ESPN ha letteralmente scosso decine di migliaia di appassionati della scena di OW sparsi in tutto il mondo: Sinatraa, stella dei San Francisco Shock e principale artefice della vittoria del campionato mondiale 2019 (di cui ha anche vinto il titolo di “Miglior Giocatore delle Finali“), è infatti pronto a lasciare la Overwatch League.

A dire il vero la separazione dal suo team è già avvenuta, con gli Shock che hanno pubblicato un breve post di saluti su Twitter in cui fanno i migliori auguri a Jay per il suo futuro, a prescindere da quale esso sia.

All’interno del post Twitter pubblicato per spiegare il suo punto di vista, il giocatore ha ammesso di non sapere con certezza cosa è accaduto al suo stato d’animo, ma che, forse a causa del ban settimanale degli eroi, o forse a causa dell’imposizione della strategia 2-2-2, la sua passione per Overwatch è semplicemente venuta meno, al punto di essersi convinto di chiudere questa parentesi della sua carriera agonistica.

Quando una grande stella lascia, solitamente lo fa perchè ormai giunta al termine della sua “parabola agonistica”: per Sinatraa però non si potrà dire questo, perché il giocatore non ha deciso di lasciare la scena esports ma, molto più semplicemente, di cambiare “categoria”. Sinatraa è infatti pronto a sbarcare nella scena di Valorant, e lo farà al fianco del nuovo team Sentinel.

La celebrazione del titolo 2019 della OWL

Pur non essendoci ancora una scena competitiva all’interno di Valorant l’intenzione di Sinatraa è quella di volersi impegnare al 200% con il nuovo sparatutto Riot, evidentemente pronto per quanto verrà dato il via ad una qualche forma di competizione internazionale. L’avvio della scena esport anche su Valorant sicuramente ci sarà (come già anticipato anche dagli stessi devs di Riot) anche se non è ancora chiaro ne il come, ne il quando.

Per il momento comunque, Sinatraa pare essersi accasato nei Sentinel, un nuovo team che sta già investendo sulla creazione di un roster competitivo in vista dei futuri eventi esportivi che sicuramente caratterizzeranno la scena di Valorant. La scelta è stata sotto alcuni aspetti forzata, perchè Sinatraa non avrebbe avuto grandi possibilità di giocare altrove a causa delle clausole presenti nel suo contratto da professionista nella Overwatch League.

La nuova squadra di Sinatraa

I giocatori della OWL infatti, non possono giocare nella scena competitiva di altri titoli per squadre che sono anche presenti nella lega di Overwatch o in quella di Call of Duty, anche se si dovesse trattare di squadre di proprietà di aziende legate o imparentate con altre che sono all’interno degli esports Activision-Blizzard.

In ogni caso, questo è certamente un aspetto assolutamente importante che la direzione della OWL dovrà affrontare, specialmente in ottica futura, perché perdere un pezzo cosi pregiato del proprio campionato per un gioco che al momento neanche possiede una scena competitiva è una sirena (molto più che un semplice campanello) d’allarme davvero impossibile da non udire.

Marco "Stak" Cresta

Sono un appassionato di videogiochi fin da quando ne abbia ricordo e credo nella bontà del progresso che scaturirà grazie agli eSports anche a livello sociale. L'altra mia grande passione è da sempre stata l'attualità e la storia, motivo per il quale ho concluso il mio percorso di studi con la laurea in Scienze Politiche nell'Università calabrese di Cosenza.

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701