Intervista a Katia Sorrentino, doppiatrice di Lunara e Mei

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

La localizzazione in Italiano è da sempre stato un grande pregio dei giochi Blizzard che, ormai da due espansioni, è stato inserito anche in World of Warcraft. L’adattamento di un intero videogame comporta un lavoro immenso di traduzione (spesso anche di termini ed espressioni molto inusuali) e, ovviamente, di doppiaggio. Oggi abbiamo l’onore di presentarvi Katia Sorrentino, voce italiana di Lunara in Heroes of the Storm e Mei in Overwatch, che si è gentilmente prestata a rispondere ad alcune domande e a condividere con noi qualche curiosità sul dietro le quinte del doppiaggio dei due titoli Blizzard e dei videogame in generale.

 Mei_003

Benvenuta su Powned.it, Katia! Cominciamo dall’inizio: parlaci un po’ di te e della tua esperienza professionale come doppiatrice.

Grazie mille e ciao a tutti! Sono una ragazza emiliana un po’ pazzerella, amante della compagnia, del buon cibo, dell’aria aperta, della musica, delle risate…delle cose semplici, insomma, ma che scaldano il cuore ^-^ e faccio il lavoro più bello del mondo!

Doppio con continuità da 4 anni e mezzo; la passione per la recitazione e per i cartoni animati, che nutro fin da quando ero piccina, mi hanno portata ad avvicinarmi a questa professione.

Di videogiochi (che per inciso amo io stessa dai tempi del glorioso Sega Mega Drive!!), in particolare, mi occupo da molto meno, forse un anno e mezzo…perciò la strada da percorrere è ancora molto lunga e tortuosa ma, come dico tutte le volte in cui ne parlo, spero di fare sempre meglio!

I giochi della Blizzard si sono sempre distinti per un ottimo doppiaggio in italiano. Qual è, secondo te, il segreto dietro questa qualità?

Come per molte altre cose che prevedono il coinvolgimento di più persone, credo che il “segreto” risieda nel lavoro di squadra e nella passione per ciò che si fa.

In genere si è soliti attribuire il merito di un doppiaggio ben riuscito esclusivamente agli attori che hanno prestato la loro voce all’interno di un’opera; niente di più sbagliato: il risultato finale di un prodotto non potrebbe mai essere lo stesso senza una buona traduzione, un buon adattamento dei dialoghi, senza fonici o un’attenta direzione artistica. È bene farlo presente.

Quando ti viene assegnato un personaggio per un videogame, come ti prepari per donargli la voce? Quali informazioni ti vengono fornite e su cosa basi la tua interpretazione?

Magari avessimo modo e/o tempo di prepararci eheheh…purtroppo, a differenza di quanto succede ad esempio per il teatro, nell’ambito del doppiaggio non abbiamo mai la possibilità di studiare a fondo un ruolo, esaminando un copione o provando per giorni le battute insieme a un regista. Avviene tutto nell’esatto momento in cui mettiamo piede in sala d’incisione.
Fondamentali sono appunto le poche e preziosissime informazioni che il direttore (o la direttrice) di un progetto, se può, riesce a fornirci in pochi minuti e che di solito sono inerenti al carattere del personaggio o al suo background, tipo: “Questa ragazza è iperattiva, sempre gioiosa e molto simpatica ma non sciocca.
È anzi un’esperta di tecnologia che riesce a tirare tutti fuori dai guai con le sue geniali invenzioni” ecc.

Se siamo fortunati, a volte vediamo anche il volto di chi dovremo interpretare tramite un’immagine fornita dagli sviluppatori perché, ahinoi, per il resto non abbiamo quasi mai alcun riferimento visivo. Pensate, i videogiochi nella maggior parte dei casi si doppiano seguendo solo l’onda sonora delle registrazioni originali, non ci sono video (salvo rare e meravigliose eccezioni), il che crea ulteriori difficoltà nel tentare di azzeccare i contesti recitativi…

Per il resto, comunque e personalmente, cerco di seguire quanto più possibile ciò che è già stato fatto dall’attrice che mi ha preceduta, tentando, se mi riesce, anche di emularne la voce.

Lunara, in particolare, è basata su una celebre unità di Warcraft 3, la driade, e nel doppiaggio italiano sono state mantenute molte delle citazioni al vecchio RTS. Hai mai avuto occasione di sentire l’audio originale prima o dopo il tuo lavoro su Heroes of the Storm?

Sì, certo! “Durante” il mio lavoro, per l’appunto. Se mi avessero tolto anche questo unico riferimento interpretativo sarebbe stata la fine ahahaha!

Lunara e Mei sono entrambe due paladine della natura, anche se in maniera molto differente. Devi avere proprio il tono dell’ambientalista convinta!

Certamente! Dalle mie parti infatti mi conoscono come “PoKAThontas” ahahahah…no beh, a parte gli scherzi…di sicuro è vero che amo la natura ^-^ ma non saprei dirvi se questo si rifletta anche nella mia voce.

Mei, come la maggior parte degli eroi di Overwatch, ha alcune battute nella sua lingua madre, il cinese. E’ stato difficile pronunciarle?

No, ma per il semplice fatto che in italiano, purtroppo, sono state quasi tutte eliminate traducendole (non so poi se sia stato mantenuto anche qualcosa con l’audio originale), salvo qualche piccola espressione. È stata una scelta registica per creare uniformità tra tutti i personaggi che altrimenti, per evitare l’effetto “macchietta”, avrebbero dovuto essere doppiati da attori madrelingua (quasi impossibili da trovare). Per il resto comunque, quando mi è capitato, mi sono piuttosto divertita nel cercare quelle sonorità!

P.S.: chiedo ugualmente perdono in anteprima ai videogiocatori con parenti cinesi se la mia pronuncia non risulterà propriamente impeccabile eheheh.

Il percorso di Overwatch per quanto riguarda l’adattamento è molto particolare, perché la localizzazione in italiano è avvenuta prima ancora dell’inizio della closed beta. Durante le varie fasi di test sono stati aggiunti sia nuovi personaggi, fra cui appunto Mei, che nuove battute e frasi di quelli già esistenti. Il tuo lavoro su Mei è stato fatto tutto insieme o sei stata richiamata per le battute aggiuntive?

Sono stata richiamata per incidere le battute aggiuntive ^-^

Per sviluppare la storia di Overwatch, essendo il gioco prettamente multiplayer, la Blizzard sta producendo una serie di prodotti multimediali che vanno dai fumetti ai corti di animazione. Ti piacerebbe che ne venisse fatto uno su Mei, che approfondisca il background del personaggio?

Mi piacerebbe, certo, anche perché così avrei modo io stessa di conoscerla di più e meglio. Sarei molto curiosa! Infatti non è detto che a breve non succeda…chissà…staremo a vedere ;p

Siamo giunti alla fine dell’intervista. Grazie da tutto lo staff e dai nostri lettori per la tua simpatia e disponibilità!

Ma grazie a voi! È stato un vero piacere ^-^
Alla prossima, spero!

 

maxresdefault (1)

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701