Jeff Kaplan svela i segreti dei support di Overwatch!

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Dopo le curiosità di ieri sui Tank di Overwatch, Jeff Kaplan svela per IGN qualche interessante retroscena su un’altra categoria di Eroi: i support!
Ana
Ana è stata interessante perché il nome che le era stato dato internamente era l’alchimista e originariamente quando Geoff Goodman la ideò, lo fece con il pensiero che fosse un’alchimista creatrice di pozioni, quindi combinava diversi ingredienti e realizzava questi miscugli, ed è così che curava gli altri personaggi. E ricordo di aver pensato ‘oh, perché dobbiamo renderla un cecchino?’ e poi quando Geoff ha reso Ana un curatore a distanza ci si è accesa la lampadina: ‘quindi è così! Possiamo inserire un altro cecchino che non rubi il posto a Widowmaker ed entra perfettamente nella trama. E così tutto si è risolto alla perfezione”.

Lùcio
“Una delle cose interessanti a proposito di Lùcio è che durante lo sviluppo la sua prima ulti rallentava il tempo per tutti tranne Lùcio stesso. Sia il team alleato che quello nemico entravano in slow motion mentre Lùcio poteva andare in giro velocemente e il pensiero era che avrebbe rallentato gli altri, avrebbe sparato a qualcuno qui, poi boopato gente fuori dalla mappa e poi il tempo sarebbe ritornato normale e tutti sarebbero tornati in partita. Ma certe volte, quando ti trovavi a essere nel team di Lùcio e stavi tornando in battaglia dallo spawn e a un certo punto partiva la ulti di Lùcio e tu facevi tipo (a rallentatore ndr) ‘questo non va proprio bene in questo momento’ e ‘cosa mi stai facendo?’; così ce ne siamo sbarazzati”.

Mercy
Mercy era originariamente il nome di Pharah, poi abbiamo dato a Pharah il nome in codice Rocket Dude, poi Rocket Queen e poi Pharah, mentre il nome originale di Mercy era Angelica, ma chiunque nel team nel primo anno di Overwatch ogni volta che dicevano di cambiare su Mercy, in realtà prendevano Pharah“.

Symmetra
Inizialmente, quando abbiamo creato Symmetra, doveva avere sia l’entrata che l’uscita del Televarco, e dovevi costruirle entrambe. Ma abbiamo messo in discussione questa idea dopo un po’ perché penso che i giocatori avessero queste idee di costruire l’entrata e l’uscita in posti molto interessanti, ma in realtà molto spesso dimenticavano l’entrata, quindi abbiamo deciso di ridurre la complessità e sbarazzarci della parte di entrata interamente. Quando è stata pensata era vestita in giallo e magari faremo una skin con il suo vestiario originale”.

Zenyatta
Zenyatta è stato un design originale di Scott Mercer e il documento originale del design si chiamava Cyber Monk. Penso fosse il secondo curatore che abbiamo fatto, penso sia arrivata prima Mercy e subito dopo Zenyatta. E l’idea all’origine di Zenyatta era che, sapendo di avere tutti questi personaggi che potevano muoversi velocemente come Tracer, Genji, Winston, che si muovevano in tutta la mappa in posti in cui magari Mercy non avrebbe voluto seguirli, quindi il design di Zenyatta era incentrato sul mettere gli orb sui personaggi, fargli questo regalo e lasciarli muoversi per conto loro. Ma ricordate che originariamente il suo nome era Cyber Monk“.

Indizio sulla prossima skin di Symmetra che dovremmo poter vedere domani sera (23 Maggio) con l’arrivo della patch di Overwatch: Anniversary?

Indizio sulla prossima skin di Symmetra che dovremmo poter vedere domani sera (23 Maggio) con l’arrivo della patch di Overwatch: Anniversary?


Jeff Kaplan svela i segreti dei support di Overwatch!
Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701