Jeff Kaplan parla del futuro di Overwatch e delle nuove armi nella lotta contro i cheaters!

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Attraverso un nuovo video della serie “Dagli sviluppatori”, il celebre Jeff Kaplan ha voluto anticipare alla community di Overwatch quelle che sono le principali novità in arrivo sul gioco, come il 31° e prossimo eroe o il rinnovato sistema per la rilevazione dei cheat e degli hack in gioco.

Partiamo dal calendario estivo che, come spiegato da Kaplan nel video, sarà diverso dal solito.
L’evento dei Summer Games ad esempio tornerà, ma lo farà prima del solito, in un periodo diverso rispetto a quanto accaduto in precedenza (è probabile quindi che l’evento inizi già la prossima settimana, ndr).

I Giochi Estivi porteranno inoltre dentro Overwatch delle nuove mini sfide settimanali per ognuna delle 3 settimane dell’evento, con in palio un modello epico di cui però ancora non conosciamo i dettagli (o il personaggio di riferimento).
Qualche piccola novità ci giunge anche sull’eroe numero 31 di Overwatch, personaggio su cui Blizzard sta duramente lavorando ma che sarà disponibile con un leggero ritardo rispetto al solito.

Importanti notizie ci giungono poi dal fronte “lotta ai cheaters” grazie ad un nuovo e migliorato sistema di rilevamento dell’uso di Hack o di altri programmi vietati: da questo momento in avanti infatti, non appena il sistema identificherà un cheat o un hack in una partita, questa verrà immediatamente sospesa cosi da non andare a danneggiare nessuno degli altri giocatori coinvolti.
Una gran bella notizia per tutti quindi, che renderà ancor più problematico per gli imbroglioni riuscire a giocare con software dannosi per l’esperienza su Overwatch.

Il video

 

Cosa ne pensate di queste novità community? La discussione è aperta!

Marco "Stak" Cresta

Sono un appassionato di videogiochi fin da quando ne abbia ricordo e credo nella bontà del progresso che scaturirà grazie agli eSports anche a livello sociale. L'altra mia grande passione è da sempre stata l'attualità e la storia, motivo per il quale ho concluso il mio percorso di studi con la laurea in Scienze Politiche nell'Università calabrese di Cosenza.