Italia – Spagna di Overwatch. Un 6 a 0 che silenzia le critiche

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Quella che doveva essere un’amichevole di lusso in preparazione ai mondiali si è risolta in meno del tempo previsto per svolgere l’intera sfida, tanto che i due team hanno deciso di proseguire con una mappa aggiuntiva. Una serata con un esito tanto inaspettato quanto sbalorditivo. Il team Italia vince e convince contro una Spagna mai incisiva, tanto da schiacciarla in ogni mappa e in ogni round giocato. Un 6 a 0 che non solo ci esalta, ma gela il popolo del web spagnolo che commenta ironico la propria situazione.

Il pubblico spagnolo commenta ironico la prestazione del team

LilYung impressiona con quanta facilità riesca ad abbattere gli avversari, con un pool di eroi ogni volta differente, ma è solo grazie alla sinergia fra DragonEddy e Asso, oltre che al continuo sostegno dei support, che ogni incontro diventa vittoria. Heartbeat si dimostra un giocatore più maturo rispetto a quello visto lo scorso anno al mondiale, ma bisogna dire che il role lock 2-2-2 gli permette finalmente di svestire i panni del tank aggiunto e dedicarsi a quello che gli riesce meglio fare, abbattere i nemici (congelare in questo caso). Frayu1600 è una certezza, sempre presente e vicino ai compagni, mentre la grande sorpresa è il sostituto di Adnar, Katekomi, diciassettenne impossibilitato a partecipare alla World Cup, che spesso si è dimostrato il DPS aggiunto del team.

DragonEddy sfoggia le sue abilità schierando anche Sigma

Bisogna ammettere però che il titolare di punta del team giallorosso, neptuNo, non si è presentato alla sfida, complice il suo impegno nella OWL, mentre il collega di T1, HarryHook, militante nei Dallas Fuel, giocava con un ping molto alto dovuto alla sua distanza dal suolo europeo. Il fatto che i due main support della lega regina di Overwatch non abbiano aiutato il team, non sminuisce però la straordinaria impresa dell’Italia, che ne esce con un’immagine rinata e radiosa.

Unica nota dolente è vedere un numero di spettatori estremamente inferiore a quelli della controparte nel canale spagnolo. Sarebbe molto bello se tutti noi tifosi appoggiassimo la formazione nell’arco di questi mesi. Il calore del tifo si deve far sentire per poter accompagnare la squadra nell’ardua impresa di conquistare Anaheim. Le pesanti critiche che gli scorsi giorni sono state mosse al team sembrano aver perso valore, almeno per una notte, in attesa di nuove conferme da parte di quello che speriamo essere un sogno di World Cup.

Tommaso "Tom Garland" Franchin

Classe 1989 sono un viaggiatore, videomaker, videogiocatore e scrittore per passione. Laureato in Discipline delle Arti, della Musica e dello Spettacolo all'Università di Padova tento di inseguire il mio sogno di lavorare per l'arte, visiva o poetica che sia.