Intervista ad Herc – La Nazionale, il futuro, i problemi.

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Dopo quella che possiamo definire la “disfatta” italiana, abbiamo avuto modo di scambiare quattro chiacchiere a caldo con Herc, di ritorno in italiana da Sydney.
Quello che si evince da questa intervista è l’amarezza del CT della nazionale ma la speranza che il nostro paese possa prendere questa lezione per migliorarsi.

Coffee :Innanzitutto benvenuto sulle pagine di Powned.it, Herc. Quella conclusa è stata una grandissima esperienza per voi , nonostante il risultato, cosa avete preso di buono dai confronti che avete avuto e quali lacune avete notato nel team e nei player?

Herc : Preso di buono tutto, abbiamo fatto per 4 giorni pratica dalle 8 alle 23 e spesso ci siamo fermati fino a mezzanotte ad analizzare. Per la prima volta nella nostra vita abbiamo praccato contro top team coreani ed altre nazionali e questo ci ha fatto imparare tanto. Mentre supervisionavo i ragazzi inoltre è nata un’amicizia tra me e Serenity, coach e manager di Australia è Blank esports. Serenity ci ha preso in simpatia e ci ha addirittura fatto una serata da due ore di analisi e coaching. Serenity è senza dubbio uno dei top mondiali nel suo ambito e non saprò mai come sdebitarmi con lui.

Coffee:Pensi che tutto questo abbia rafforzato l’unità del team? Pensate di mantenere lo stesso roster in futuro?

Herc : Il team ha delle notevoli lacune purtroppo, in Italia non esistono Tank di livello europeo e nonostante Cerys sia un player e persona formidabile deve imparare ancora molto come Tank. Ci sono stati problemi di comunicazione interni e poi semplicemente..gli altri team erano davvero un livello sopra. Infatti Svezia e Australia alla fine hanno passato entrambe il turno
Nessuno in Italia inoltre sa come combinare il duo Winston-D.va in engage e counterdive in modo appropriato e questo ci ha distrutto

Coffee:Inutile dire che siamo stati al vostro fianco fino alla fine dell’ultimo round, ma come avrete visto ci sono state critiche. Volete dire qualcosa a chi ha creduto poco in voi?

Herc : I ragazzi hanno creato un legame incredibile. L’atmosfera è davvero amichevole ma non penso vogliano giocare di nuovo insieme, ci sono stili di gioco differenti all’interno nonostante siano in assoluto i migliori in Italia alcune volte sono come un puzzle che non combacia

Voglio solo dire che si impara di più da una sconfitta che da cento Vittorie è tutto quello che abbiamo imparato lo useremo per rendere l’Italia più forte in Overwatch

Coffee:Sono bellissime parole queste e spero vivamente che tutto ciò si realizzi. Anche Powned sta puntando molto Overwatch e lo segue costantemente. Il divario tra la media di gioco europea ed italiana si è visto essere alta. Credi sia il caso di creare un team fisso nazionale?

Herc :Blizzard è rimasta davvero colpita dalla nostra voglia di imparare e entusiasmo, lo hanno detto anche gli analyst americani in diretta citandomi, la nostra passione brucia ed un giorno divamperà come un incendio…non c’entra il livello dell’Europa…c‘entra se in quei giocatori europei c’è gente che ha fatto almeno 3 mesi in corea perchè allenarsi in Corea o Taiwan alza il livello in modo allucinante, lo abbiamo visto e constatato direttamente questa settimana.

Coffee: Consiglieresti quindi alle varie realtà italiane di aiutare il team nazionale ad allenare i nostri player anche in Korea? Magari mettendo anche in palio in qualche torneo o finanziando tutte insieme un bootcamp li?

Herc : I costi in Corea sono abbastanza proibitivi per i budget italiani ma sto già parlando con diversi team manager italiani per cercare una soluzione

Coffee: Un nostro crew member, Mondo, mi manda a riferirti : “Sono stati dei grandi anche solo per esserci stati ai mondiali…l’anno prossimo batteremo un sacco di team”. Cosa ne pensi di queste parole?

Herc : Dipenderà molto da come le realtà emergenti che stanno investendo ora, mkers, epok, Samsung sfrutteranno il loro budget in modo intelligente

Tutte queste realtà già sanno che possono contare sul mio appoggio, influenza e agganci

Coffee:Le ultime parole saranno di ringraziamento a voi, ad ogni player per le giocate che in ogni caso ci hanno fatto vedere, comunque di alto livello. A te per il sostegno e la carica che hai dato a loro ed a noi. Tutti quanti speriamo vivamente di vedere alto il nome dell’Italia nelle competizioni mondiali di eSport. Grazie davvero per averci dedicato del tempo e buon viaggio di ritorno. Aspettiamo i nostri eroi a casa con il loro bagaglio immenso di esperienza.

Buon ritorno ragazzi!!!

Herc : Grazie mille, ora vado adesso, dobbiamo scalare per Londra ora.

Coffee : Va bene, riposatevi,ne avete bisogno, eroi!

 


Intervista ad Herc – La Nazionale, il futuro, i problemi.
Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701