Il team di Washington nega le accuse di cattiva condotta avanzate ai suoi reclutatori

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Molti professionisti della OWL sono stati implicati in una accusa di mala condotta diffusasi nella community mediante il video pubblicato da un giocatore del Contenders intitolato “Il manager dei Washington D.C. sta truffando giocatori e allenatori“.
Il video rilasciato da Michael “mykL” Padilla all’inizio della settimana ha catturato immediatamente l’attenzione di moltissime persone anche perché attraverso questo filmato mykL ha sostanzialmente accusato il manager della franchigia di Washinghton Kate Mitchell di cattiva gestione.
Padilla afferma infatti che Mitchell avrebbe offerto posizioni di lavoro a molti giocatori e potenziali membri dello staff della OWL prima però di ritirare repentinamente la proposta.

Padilla ha fatto nello specifico il nome dell’analista dei San Francisco Shock Harsha Bandi in qualità di persona presumibilmente truffata dal manager Mitchell.
Tutta questa storia è però ancor più ingarbugliata e complicata di quanto non si veda nel video: molti infatti affermano che le fonti di Padilla non sono attendibili e che lo stesso soggetto è noto per aver riferito rumor di trasferimenti sul suo canale YouTube.
Contattato sulla questione, il manager di Washington Mitchell ha affermato che quel video contiene numerosi errori oltre ad essere stato irresponsabilmente pubblicato senza che vi sia alcun riporto o menzione delle dichiarazioni delle parti interessate.

Per la prima volta quindi, è stato pubblicamente accusato il modo di agire di una franchigia della Overwatch League, non senza moltissimi dubbi ed ancora tanti aspetti che vogliono essere chiariti.
Dal canto suo, Washington ha immediatamente smentito tramite un comunicato eventuali offerte, affermando che il suo GM ha solamente parlato con possibili canditati, affermando anche di sapere molto bene quanta responsabilità ed attenzione serva quando si ha a che fare con i nuovi giocatori e le loro rispettive carriere esportive.
A fare eco al comuni acto stampa della dirigenza è tornato poi nuovamente alla carica Mitchell che ha dichiarato che gli esport sono un mondo che si muove rapidamente e che errori di questo tipo, dovuti a scarse ricerche ed alla mancanza di solide fonti, possono inficiare in modo pesantemente negativo l’intero panorama competitivo.

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701