Il pagellone della OWL 2019 – Parte 1

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Si è conclusa la seconda stagione della OWL, che ha visto i San Francisco Shock vincitori. Forse nessuno si sarebbe mai immaginato ad inizio stagione un trionfo per la squadra Californiana, ed invece possono godersi tutto il loro operato che si è trasformato in momenti di gioia indescrivibili.

SAN FRANCISCO SHOCK: voto 10
è giusto che i vincitori abbiano il voto massimo. Una netta crescita dal 2018 complici diversi fattori: meno individualismo e più gioco di squadra, nuovo roster e un meta che ha favorito tantissimo il team. Mettere insieme questi ingredienti non solo ha permesso agli shock di vincere la partita più importante della loro storia, ma di portarsi a casa uno stage e fare il record di mappe consecutive vinte.

Dominazione totale: i San Francisco Shock sono i campioni della Overwatch League!

SINATRAA: voto 10-
Non 10 perché, a differenza del team, Sinatraa ha potuto ritrovare la performance per sorprendere gli spettatori con le sue giocate in parte con il duro allenamento e molti sacrifici (non togliamo merito a nessuno), ma in parte anche grazie al cambio di meta che ha fatto giocare a Sinatraa ciò che sa giocare. Mettilo poi in una squadra vincente che abbatte record su record e ti trovi nelle condizioni ideali per vincere l’MVP, sfatando così il meme sui suoi 150 mila dollari di stipendio.

VANCOUVER TITANS: Voto 10
10 anche per loro perché la League l’hanno vinta. Si è capito oramai che arrivare ottavi o primi in regular season non fa poi tanta differenza. Mantenere una sicurezza tale da vincere 25 partite su 28 spalmate su 7 mesi, alla quale vanno aggiunte le finali dei playoff di stage (di cui una vinta) non è per tutti i team. Gli unici ad aver tenuto testa (per quanto possibile) son stati Shock (ripagati con il miglior finale) ed Excelsior, che però hanno fatto fatica in diversi punti del torneo

NEW YORK EXCELSIOR: voto 8
Bravi anche a loro. C’è sempre un pizzico di rammarico per essere considerati come una delle migliori squadre in assoluto e mancare due finali su 2, specialmente se perdi due volte di fila contro i Titans, che vanno a giocarsi la finale a Philadelphia, la prima volta 3-2 e quella “decisiva” 4-3. Fa tanto male.
Non arrivare neanche in finale di stage però pesa di più.
Pesa anche liberarsi di due giocatori quali Ark e Janus, che in un meta di Goats avrebbero sicuramente scaldato meno la panchina dei vari Pine, Flower e SBB.
A questo punto si può solo migliorare e guardare avanti.

Ed ultima, ma non per importanza

OVERWATCH LEAGUE SEASON 2: voto 10
Valutando il complesso, è stata un’annata da ricordare per l’intera League. Battuti record su record, nuove squadre e nuovi player, oltre che un coinvolgimento maggiore del pubblico con tutti i nuovi servizi di Twitch e gli aggiornamenti costanti via Instagram.

Buona la prima per le trasferte (il piccolo guasto elettrico a Dallas non può aver rovinato tutto ciò), splendide giocate. Il pubblico ha forse finalmente trovato ciò che voleva. Il servizio di casting è sempre professionale e questo 2019 ha portato alla League un sacco di benefici e nuovi appassionati. Se bisogna trovare obbligatoriamente qualcosa di sbagliato, voterei la formula del torneo: migliorata rispetto all’anno scorso, ma si può fare ancora decisamente meglio.

 

 

Francesco "CiccioCZ" Iezzi

Classe 99, ho la passione per i videogiochi, in particolare le Speedrun e per Overwatch, dove seguo molto il mondo competitivo. Amo i grandi classici PlayStation, in particolar modo Kingdom Hearts e pratico anche Speedcubing