Grande successo all’All-Star Game 2019!

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Si è conclusa in mattinata la seconda giornata dedicata agli All Star Game, dedicata al singolo match tra i migliori giocatori della lega Pacifica e di quella Atlantica.

Il roster iniziale del team Pacifico (maglia gialla, rappresentata dalla skin di Lucio) è stato totalmente asiatico: due player dei Dynasty (Fleta e Ryujehong), tre degli Hunters (Jimnu, Yveltal e Ameng) e Guxue degli Spark.
Il roster del team Atlantico (maglia blu, rappresentato dalla skin di Lucio) parte invece con due elementi dei New York Excelsior (Pine e JJonak), due elementi dei Philadephia Fusion (Poko e Carpe), Fusions dei Boston Uprising ed Ark dei Justice.
Anche se questi sono stati i 12 giocatori più votati, ogni riserva (che potete trovare qui) ha comunque dovuto giocare almeno una mappa.

La cronaca della partita

L’andamento generale delle battaglie è tutto tranne che serio: molte composizioni della squadra non sono mai state giocate in League, vari i teabbag, specialmente gli 1v1 Ana tra JJonak e Ryujehong.
La prima mappa va in ogni caso alla squadra Atlantica, ed anche nella seconda assistiamo ad un dominio Atlantico, con la chat di Twitch che nel durante veniva tempestata da messaggi come “Plz Atlantic stop tryharding”.

Il dominio si interrompe col momento migliore di giornata: durante la pausa della sfida principale Bren, uno degli analisti della League, sfida ad un 1v1 con widowmaker Gesture, il main tank dei London Spitfire.
L’atmosfera è tesa, ogni squadra ha il suo pubblico ed i suoi supporters.

La carneficina ha inizio: due colpi e due kill per Gesture, ma poi accade l’impossibile. Con un gesto atletico molto dubbio, Bren riesce a portare a casa una kill: stadio in delirio, supporter emozionati e Bren non si trattiene e va in maniera ovviamente ironica verso la postazione di Gesture come per dire “Ti sei fatto killare da un bronzino”.
Dopo un 6-1 quasi ovvio, arriva la svolta per il 6-2. Ancora una volta Bren riesce a killare uno dei più forti player di Overwatch del mondo. Purtroppo però non c’è nulla da fare alla fine: la partita finisce 7-2 per Gesture, con Bren che si inchina davanti al player coreano.

Finita questa particolarissima sfida riprendono le sfide del main event con il terzo round tra Atlantic e Pacific.
Anche qui però gli Atlantic capitalizzano al meglio e conquistano anche Parigi, portandosi sul 3-0, ma lasciano in mano ai Pacific la mappa di Dorado, nel round 4.
I due giorni di “festa” si chiudono con la quarta ed ultima vittoria degli Atlantic in gara 5 che chiudono cosi come campioni dell’All Star con un secco 4-1 finale.

Grande successo in ogni caso sia per il pubblico in Arena, sia per gli spettatori su Twitch (costantemente sopra i 100k), sia per i player, che nelle interviste finali non nascondono il loro divertimento nell’aver provato queste partite for fun.

Francesco "CiccioCZ" Iezzi

Classe 99, ho la passione per i videogiochi, in particolare le Speedrun e per Overwatch, dove seguo molto il mondo competitivo. Amo i grandi classici PlayStation, in particolar modo Kingdom Hearts e pratico anche Speedcubing