I Dallas Fuel sorprendono ancora, mentre Dynasty e Spitfire deludono

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

L’ultima giornata della settimana alla Overwatch League si apre con un match che, fino a qualche settimana fa, sarebbe potuto essere una finale dei playoff, mentre invece risulta soltanto in un incontro tra team di metà classifica. Parliamo ovviamente di Seoul Dynasty vs London Spitfire: entrambi i team sono in seria difficoltà, e si vede in questo match, che è l’ombra di quello che dovrebbe essere. A seguire i NYXL, già vincitori della stagione regolare della season 1, affrontano gli Shanghai Dragons, ancora senza una vittoria. In ultimo i Dallas Fuel ci sorprendono abbattendo i Philadelphia Fusion, mostrando voglia di redimersi in questo stage 4.

Seoul Dynasty 2 – London Spitfire 3

Mappe

  • King’s Row
  • Hanamura
  • Liiang Tower
  • Watchpoint: Gibraltar
  • Nepal

Come abbiamo detto, sia i Dynasty che gli Spitfire non sono per niente in forma in questo periodo, e in questo match entrambi i team mostrano scarsa coordinazione, rendendo l’incontro abbastanza deludente. Tra le due squadre comunque, gli Spitfire hanno ancora qualche freccia al proprio arco, e riescono a risultare più efficaci grazie a Gesture e birdring, che si portano il team sulle spalle fino al tie break, momento nel quale sempre birdring ricopre un ruolo fondamentale.

Da parte di Seoul invece, l’unica scintilla di speranza è rappresentata dal solito Fleta, mortale come sempre. Di sicuro però un solo uomo non fa una squadra, e per vedere qualcosa di decente dobbiamo aspettare il game 4, quando entrano in campo anche KuKi e Munchkin. I due, al comando di Reinhardt e Brigitte, demoliscono la dive degli Spitfire, portando il match al game 5, dominato dagli Spitfire.

Replica

Shanghai Dragons 0 – NYXL 4

Mappe

  • Blizzard World
  • Horizon Lunar Colony
  • Oasis
  • Dorado
  • Nepal

Non c’è molto da dire riguardo questo incontro, se non che è la prova lampante dello scalino che esiste tra la cima della classifica dell’Overwatch League e il suo fondo. I New York Excelsior, che si sono già assicurati il primo spot per i playoff finali, non sono minimamente alla portata degli Shanghai Dragons, ancora senza una vittoria dall’inizio della season.

I NYXL se la giocano alla perfezione come al solito: JJoNak sembra sempre più micidiale col suo Zenyatta, arrivando primo per danni inflitti, mentre i suoi compagni DPS Saebyeolbe, Pine e Libero sembrano competere per chi ottiene l’highlight migliore. Una scampagnata per gli Excelsior, che hanno già gli occhi sul premio finale.

Nonostante la pesante sconfitta, un elemento positivo c’è anche nel gioco dei Dragons, e questo elemento è Ado. Il suo Genji è l’unica cosa che fornisce un minimo di impatto al team, ottenendo un discreto numero di multi-kill. Ovviamente non basta questo per battere i primi in classifica, e alla fine il 4 a 0 è lapidario.

Replica

Dallas Fuel 3 – Philadelphia Fusion 1

Mappe

  • King’s Row
  • Hanamura
  • Lijiang Tower
  • Watchpoint: Gibraltar

Il nuovo meta e il cambio di staff sembrano davvero aver giovato ai Dallas Fuel, che fuori dalla corsa per il titolo possono giocare a mente sgombra, concentrandosi su ogni singola partita davanti a loro.

Il problema principale per i Fusion sembra essere Brigitte, contro cui il team di Philadelphia non ha risposte. Abbiamo già visto come Mickie sia già un maestro nello sfruttare al massimo l’eroe, e i Fusion riescono a strappare solo il game su Lijiang grazie a ShaDowBurn e alla sua Pharah.

Grazie alle prodezze di Mickie, OGE e Seagull tengono tranquillamente la frontline, mentre Taimou fa il suo lavoro con Widowmaker, rimandando i fan ai vecchi tempi. I Fuel sembrano davvero un altro team, mentre invece i Fusion sembrano disorientati e, a parte Carpe, incapaci di reagire allo strapotere di Brigitte.

Replica

Roberto "Robertstein" Venezia

Diplomato al Liceo Classico, è ora studente di Game Programming presso Event Horizon School a Padova. Appassionato di videogames, cinema, libri e fumetti, ha l'obiettivo di promuovere gli esport in Italia.