Il CEO del Comitato Olimpico canadese si ritira per unirsi alla Overwatch League

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Chris Overholt, in carica dal 2010, andrà ad occuparsi del nuovo team di Toronto

Il Canada si muove verso gli esport. Lo dimostra la decisione di Chris Overholt, CEO del Comitato Olimpico della nazione nordamericana. L’annuncio arriva su Twitter, e la nuova destinazione è subito chiara: l’ex CEO si occuperà del team di Toronto, entrato recentemente nella Overwatch League.

Prima ancora di arrivare al Comitato Olimpico canadese, Overholt aveva lavorato nei team della NFL Miami Dolphins e Florida Panthers. Una delle prime figure che effettua la transizione definitiva tra sport e esport quella di Overholt, che con la sua esperienza decennale potrà dare una marcia in più al team di Toronto.

Questo team entrerà a far parte della OWL a partire dalla Season 2, con un biglietto d’ingresso per la competizione costato ben 35 milioni di dollari. Toronto, però, non è l’unica città del Canada interessata alla League: in trattativa con Blizzard ci sarebbero anche Vancouver e British Columbia, ma per nessuna delle due è arrivata una comunicazione ufficiale dai creatori di Overwatch. Nonostante ciò, Vancouver è ormai assodato sarà un team a partire dalla Season 2.

Toronto potrà essere una valida competitor sia per i vecchi team della League che per quelli nuovi, dei quali sei sono già stati annunciati. A partire dalla Season 2 potremo veder giocare anche Parigi, Washington, Guangzhou, Hangzhou e Atlanta. Proprio oggi sono stati annunciati anche gli ultimi due nomi che prenderanno parte alla OWL a partire dalla prossima stagione: si tratta proprio di Vancouver, sempre in Canada, e di Chengdu, il quarto team cinese.


Il CEO del Comitato Olimpico canadese si ritira per unirsi alla Overwatch League
Gabriele "theGabro" Colombi

Nerd. Amante di giochi e videogiochi, Gabriele spende la sua infanzia tra un monitor e una console, e all'università scopre il fantastico mondo degli eSport. @theGabro_ su Twitter.

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701