Ancora problemi in casa Fuel: Taimou accusato di insulti omofobici

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Poche più di un mese fa segnalavamo alla community la volontà di Blizzard di punire xQc, giocatore dei Dallas Fuel, reo di aver pesantemente offeso, con commenti omofobici, il tank degli Houston Outlaws Muma, uno dei pochissimi giocatori LGBT della Lega di Overwatch.
Per questo comportamento, xQc è stato allontanato dallo Stage 1 del campionato ed ha dovuto saltare tutte le partite fino all’inizio dello Stage due, iniziato soltanto poche settimane fa.

Le notizie negative per i Fuel non sono però finite qui. A minare nuovamente l’equilibrio in squadra è stato il giocatore Taimou che, sempre durante una diretta streaming su Twitch, ha pesantemente offeso un altro giocatore definendolo “batty boy” e “fucking faggot kid“, insulti omofobi che purtroppo tornano nuovamente a vedere protagonista un altro professionista della franchigia dei Fuel.

Per il momento non è stato possibile conoscere l’opinione di Blizzard, che ha però assicurato che investigherà sull’episodio, mentre da casa Fuel la celebre franchigia di Dallas interviene per il momento sull’episodio affermando che è suo interesse aiutare i giocatori ad equilibrarsi anche perché sono sempre sotto i riflettori e che comunque hanno già in passato dimostrato che faranno rispettare il codice di condotta della squadra e della Lega stessa.

In regards to the Dallas Fuel we do recognize that our players and all those in the OverwatchLeague are constantly under the microscope. Contact from ESPN is the first I’m aware of receiving related to what you reference below. As an organization, we strive to provide players with advice and resources to help them balance professionalism needed to compete at a league level with the individual personalities that may have gained them popularity or their own followings. As you’ve seen recently, we certainly do look into any situation that goes against a code of conduct befitting the team and/or league.


Ancora problemi in casa Fuel: Taimou accusato di insulti omofobici
Marco "Stak" Cresta

Sono un appassionato di videogiochi fin da quando ne abbia ricordo e credo nella bontà del progresso che scaturirà grazie agli eSports anche a livello sociale. L'altra mia grande passione è da sempre stata l'attualità e la storia, motivo per il quale ho concluso il mio percorso di studi con la laurea in Scienze Politiche nell'Università calabrese di Cosenza.

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701