5 curiosità su Tracer oggi

5 curiosità su Tracer oggi

Profilo di Mefionir
 WhatsApp

Le curiosità sul mondo di Overwatch non sono mai abbastanza, men che meno per l’icona del first-shooter di casa Blizzard, Tracer.

In occasione del suo recente ritorno narrativo in  una serie di web-comics, in questo articolo esploreremo i dettagli che hanno arricchito la mascotte del gioco a quasi sei anni dal suo debutto. Allacciatevi le cinture, perché stiamo per partire alla scoperta di Lena Oxton, ex-agente di Overwatch pronta a difendere il mondo!

Il design della pilota

Curiosità su Tracer 1 – Fu chiaro fin dall’inizio che Tracer sarebbe stata una pilota dal giubbotto bomber, gli occhiali e la sciarpa da aviatore. Quest’ultima aveva il compito di evidenziare gli spostamenti dell’eroina nella mappa, ma con l’introduzione dell’acceleratore temporale, l’elemento passò al modello Slipstream (disponibile nell’Origins Edition). Possiamo tuttavia trovare un riferimento al film d’azione Top Gun del 1986. Esso racconta la storia del pilota Pete “Maverick” Mitchell (interpretato da Tom Cuise) frequentare la prestigiosa scuola d’aviazione militare che porta il nome della pellicola.

Curiosità Tracer
Un fotogramma della pellicola in uno spray di Tracer.

La condizione temporale

Curiosità su Tracer 2 – Lena Oxton soffre di un’anomalia che riesce a gestire solo grazie ad un acceleratore temporale inventato da Winston appositamente per lei. Ma nel corso degli anni, alcune curiosità a questa condizione di vita particolare hanno trovato delle risposte. Ad esempio, perché Tracer subisce una ricaduta temporale nel farsi strappare l’acceleratore temporale nel video delle Origini di Doomfist? Eppure non accade lo stesso si sfila il dispositivo a casa di Emily, come abbiamo potuto vedere nel web-comic Riflessi. La risposta di Blizzard fu che il dispositivo agisce su Tracer quando è nelle sue vicinanze, anche mentre viene ricaricato.

Un altro grande quesito invece riguarda lo scorrere del tempo: come può essere calcolata l’età biologica di Tracer? La sua anomalia agisce sull’età della donna come è avvenuto con Mei durante la sua criostasi? A rispondere è l’ex-sceneggiatore del gioco Michael Chu:

Nessun dubbio: Tracer invecchia, e nel suo essere “intrappolata nel tempo” è nata 26 anni fa, come indicato nel suo profilo ufficiale.

La comunità LGBTQ

Curiosità su Tracer 3 – La rivelazione dell’orientamento sessuale di Tracer presso il web-comic Riflessi è stato uno dei momenti più epici dell’integrazione sociale videoludica. Il bacio di quella che sembrava una coppia di amiche coinquiline ha avuto come conseguenza la censura del fumetto in Russia, ma lo scalpore mediatico fu un successo. La forza di tale coming out non è soltanto nella scelta della mascotte del gioco, ma anche all’espediente romantico.

Tracer bacio
Un dono ed un gesto d’affetto.

Recentemente alcuni utenti hanno ipotizzato un’ulteriore integrazione LGBTQ nel modello epico Fumetto. La palette di colori richiama quella della bandiera Transgender, caratterizzata dal rosa femminile, l’azzurro maschile ed il bianco della transizione.

Curiosità Tracer
Omaggio alla comunità Transgender o il modellatore è un tifoso degli Hangzhou Spark?

Critica sessuale

Curiosità su Tracer 4 – Indimenticabile fu la critica sulla posa di spalle di Tracer, contestata da un padre di famiglia che non approvava che l’icona del gioco fosse sessualizzata nel mettere in mostra il proprio lato B. In molti fecero fecero notare la presenza di eroine di gran lunga più esplicite, come Widowmaker. Eppure gli sviluppatori non vollero ignorare la richiesta, ed affermarono che la posa sarebbe stata più in linea col carattere di Tracer.

Il risultato fu una posa pin-up degli anni ’50 ispirata alle opere dell’illustratore Alberto Vargas. Ma è proprio qui che si trovano diversi tipi di interpretazione sull’intervento. Storicamente, le Pin-Up erano delle immagini di ragazze sbarazzine dallo sguardo malizioso che contrastavano alla raffinatezza sobria delle dive anni ’20-’30. Erano quindi delle icone anti-dive che ironizzavano sull’ingenuità della propria promiscuità manifestata in un ambiente domestico. Il tutto con un sorriso sulle labbra e pose ammiccanti.

Tracer Pose
Sicuramente ora è molto più allegra

E dunque qual è stata la risposta effettiva di Blizzard? L’evidenza della vivacità o l’ironia della sessualità intenzionale?

La moda londinese

Curiosità su Tracer 5 – La nazionalità britannica di Tracer è stata più volte riproposta nel abbigliamento dei suoi modelli di gioco. Ciò non riguarda alla sola Union Jack in occasione dei Giochi Estivi, ma anche nelle tendenze fashion londinesi.

La moda punk si diffuse negli anni ’70, ed era caratterizzata dagli abiti lacerati ed il grande utilizzo di piercing e catene in segno del disprezzo per la società. A definire gli elementi chiave della moda punk fu Sid Vicious, il bassista dei Sex Pistols: vestiti in pelle borchiati, stivali da motociclisti, magliette dai colori sgargianti e capelli “sparati” divennero delle vere e proprie regole sul come essere punk.

tracerIl modello Fumetto invece prende spunto dalla Pop Art, un movimento artistico diffusosi nel Regno Unito e a New York negli anni ’60. Dal termine “Popular”, essa è l’espressione della società e dell’immaginario collettivo attraverso oggetti della vita quotidiana delle masse, come ad esempio gli elettrodomestici, gli alimenti o le riviste.

Ad applicare il fumetto come espressione artistica fu il grafico e pittore Roy Lichtenstein, che ne sfruttava l’importanza mediatica. I capelli  bianchi di Tracer  nel modello potrebbero far riferimento riferimento  ad Andy Warhol, anch’egli un artista Pop Art di fama  mondiale.

tracer

Concludiamo questo viaggio con un interessante intervista con Arnold Tsang, direttore artistico dei concept art degli eroi e “padre” del design di Tracer. Vi ricordiamo inoltre che avete tempo fino al 28 settembre per ottenere riscuotere i contenuti galleria a tempo limitato della Sfida Fumetto.

Overwatch2: Terminati i BETA TEST, addio alle LOOT-BOX!

Overwatch2: Terminati i BETA TEST, addio alle LOOT-BOX!

Profilo di Tommaso AKY Rappazzo
 WhatsApp

Overwatch2: Terminati i BETA TEST – Manca ormai pochissimo al lancio di Overwatch 2 che avverrà il prossimo 4 di Ottobre. Negli ultimi mesi abbiamo appreso dal team di sviluppo molte delle novità che verranno introdotte, ricordiamo: nuova composizione del party 5vs5, nuovi eroi, nuove mappe e modalità, il nuovo sistema relativo al “PASS BATTAGLIA” e molto altro.

Nel periodo di BETA TEST abbiamo potuto apprezzare l’attenzione che gli sviluppatori hanno dato alle opinioni della Community e i numerosissimi feedback pervenuti da chi ha testato il gioco. Il team di sviluppo più volte ha ribadito l’importanza di questo fondamentale aspetto e ci ha inoltre dato modo di rimanere costantemente aggiornati sugli sviluppi interni del gioco tra bilanciamenti e scelte stilistiche.

A poche settimane dal lancio vogliamo quindi fare un breve “recap” di quello che ci aspetta con l’early access del titolo e le ultime novità svelate da Blizzard.

INTRODUZIONE DEL BATTLEPASS

Overwatch2: Terminati i BETA TEST – Con l’evento speciale avvenuto il 16 di Giugno scorso abbiamo appreso la notizia che Overwatch 2 avrà un sistema di “PASS BATTAGLIA”, sistema già noto in moltissimi altri giochi similari, e prevede l’introduzione delle “season” aventi la durata di nove settimane ciascuna.
L’obiettivo del team di sviluppo è quello di introdurre con il passare delle season contenuti sempre nuovi tra cui; eroi, mappe, contenuti estetici e molto altro, così da avere un continuo e costante flusso di aggiornamenti e nuovi contenuti.
L’inizio della “season 1” coinciderà con il lancio del gioco in “early access” il prossimo 4 di Ottobre e porterà con se i nuovi eroi già annunciati, la nuova modalità “push” e più di trenta nuove skin. Per quanto riguarda il battle pass dovremo attendere l’arrivo della “stagione 2”, la quale introdurrà anch’essa nuove skin, un nuovo eroe e nuovi contenuti estetici.

ADDIO ALLE LOOT-BOX

l’introduzione del BATTLE PASS ha trascinato con se un ulteriore novità, già discussa nei mesi passati, l’eliminazione delle LOOT-BOX. Blizzard ci comunica che con la fine dell’evento “Anniversary Remix Vol. 3” che avverrà il 30 agosto non sarà più possibile acquistare in alcun modo i forzieri. Tenete a mente che sarà comunque possibile vincere i forzieri standard come ricompensa del completamento di attività e con la progressione del livello account.

TERMINATE LE SESSIONI DI BETA TEST

Overwatch2: Terminati i BETA TEST – Purtroppo il team di sviluppo ci rende noto tramite un tweet che non ci saranno ulteriori sessioni di BETA TEST prima del lancio ufficiale del gioco.
Il Vice Presidente di Blizzard Entertainment Jon Spector rende noto al pubblico che il gioco è ormai pronto per il lancio e che quindi non si rendono più necessarie ulteriori sessioni BETA.
La scelta di Blizzard è comprensibile, ora è il momento di concentrarsi sulle ultime ottimizzazioni del gioco e prepararsi per il lancio ufficiale, offrendo così un gioco funzionante ed un lancio senza “intoppi”.

Ricordiamo che Overwatch2 adotterà il modello Free To Play e che il lancio è previsto per il 4 ottobre 2022 su PC, PS, XBOX e Nintendo Switch.

Voi della Community cosa ne pensate di queste ultime novità? siete pronti per il rilascio del gioco? Non dimenticate di dire la vostra a riguardo.

Articoli correlati:

Overwatch 2, Blizzard rimuoverà i livelli ed i giocatori sono già infuriati

Junker Queen: in anteprima le ABILITÁ della prossima eroina di Overwatch 2

Call of Duty: chi sono i giocatori migliori delle finali 2022, ed i più ricchi di tutti i tempi!

“Ci impegniamo a riportare la BlizzCon nel 2023” rivela Ybarra

“Ci impegniamo a riportare la BlizzCon nel 2023” rivela Ybarra

Profilo di VinCesare
 WhatsApp

Come un fulmine a ciel sereno, questa volta con una notizia più che positiva, Blizzard annuncia un evento importantissimo, o meglio il ritorno di un evento importantissimo. Parliamo della BlizzCon.

Purtroppo la situazione in casa Blizzard non è stata delle migliori in questi ultimi tempi, se poi aggiungiamo ben due anni di pandemia, potete ben capire in che problematiche versava la realizzazione della BlizzCon.

Quest’anno, la Blizzard, con un comunicato, annunciò di voler rimodellare l’evento (che è il più grande e importante dell’azienda) per renderlo il più inclusivo e accogliente per TUTTI gli amanti dei giochi Blizzard.

Ma il team sa benissimo quanto l’evento sia davvero l’unico modo di riunire una fanbase gigantesca come quella Blizzard. Per questo motivo, Mike Ybarra, nuovo Presidente dell’azienda, ha deciso insieme al team di impegnarsi al massimo per riportare il prima possibile l’evento dal vivo. Già a partire dal 2023.

In una lunghissima intervista ai colleghi del Los Angeles Times, infatti, Ybarra ha parlato delle condizioni della Blizzard e di come l’azienda abbia bisogno di rinnovamento, cosa che sta avvenendo proprio in questi mesi. “Ci stiamo impegnando per migliorare la nostra cultura” e per questo per Ybarra è importante un “team culturale”.

Proprio in quest’aria di rinnovamento si sente forte il bisogno di una nuova BlizzCon ed è proprio il 2023 l’obiettivo del team di Blizzard e della nuova assunta come capo della BlizzCon, April McKee.

Le parole di Mike Ybarra

Avevamo precedentemente annunciato una pausa per la BlizzCon mentre la re-immaginavamo per il futuro ma vogliamo il ritorno ad un evento dal vivo che ci permetta di celebrare la community. Abbiamo recentemente assunto come nuovo capo della BlizzCon, April McKee, che si sta impegnando duramente in questo senso. Ci impegniamo a riportare la BlizzCon nel 2023

Queste le parole di Mike Ybarra che non lasciano spazio alle interpretazione, e mai come ora desideriamo che il piano e la missione di Blizzard si avveri.

Che ne pensate di questo annuncio? Vorreste al più presto il ritorno della BlizzCon?

Articolo Correlato:
Overwatch 2, Blizzard rimuoverà i livelli ed i giocatori sono già infuriati

Overwatch 2, Blizzard rimuoverà i livelli ed i giocatori sono già infuriati

Profilo di Gosoap
 WhatsApp

Con il lancio di Overwatch 2 in quel di Ottobre, pare proprio che Blizzard sia pronta a cambiare un bel po’ di cose, tra cui anche l’attuale sistema di livelli, cosa che non ha fatto molto piacere ai giocatori.

L’attesissimo revamp del brand di Overwatch porterà con sé, come ormai noto, una grande quantità di novità, tra cui la modalità 5v5, un nuovo sistema classificato e molti rework per gli eroi già presenti nel gioco.

E da poco confermate anche le voci che volevano l’attuale sistema di livelli rimossi dal gioco. La notizia ha immediatamente fatto il giro del web, raccogliendo un certo… ”disappunto”.

Overwatch 2, tra livelli rimossi e giocatori furibondi

In un recente Q&A, gli sviluppatori di casa Blizzard hanno purtroppo confermato l’infausta notizia. Ecco le parole che hanno usato per spiegare questa mossa molto impopolare:

”Abbiamo ancora in programma di rimuovere i livelli da OW2, ma vogliamo anche celebrare questo risultato e questa impresa. Il piano è quello di mostrare il tuo livello ottenuto fino ad Ottobre nel tuo profilo, una volta che avremo effettivamente lanciato OW2″.

Queste qui di seguito non sono altro che alcune delle numerose critiche ricevute dai Devs nelle ultime ore:

”Perché non potevano semplicemente far ricominciare tutti da capo al livello 1?”

”Avere un sistema di livellamento in un gioco PvP è una caratteristica così basilare che mi sconcerta che abbiano deciso di rimuovere una funzione pensata per incentivarti a continuare a giocare.”

“Sembra che tutti gli XP che hai guadagnato in 6 anni non contino niente! Ero così felice di arrivare al livello 500, un mese dopo hanno detto che nessun livello sarebbe stato presente in futuro. È triste”.

Insomma, cosa ne pensate community? Come al solito la discussione è aperta!

Articoli Correlati: