Oppure, usa il tuo account Powned:

Nerf, mini rework e buff sbarcati con la patch 7.10

Questa patch 7.10 è la prima dopo i grandi cambiamenti di metà stagione, arrivati con la 7.9. Come spesso accade, tutti e tre i champions reworkati la scorsa patch hanno necessitato di alcuni aggiustamenti. Oltre questo sono arrivati due mini rework e vari bilanciamenti a champion attualmente troppo forti.

Ci concentreremo quindi sui cambiamenti principali senza entrare nel dettaglio di ogni singolo elemento della patch. Per le note della patch complete cliccate QUI.

AGGIUSTAMENTI ZAC, SEJUANI E MAOKAI

Questi tre tank hanno ricevuto un aggiornamento al kit con il Mid-Season Update. Tuttavia la Riot ha ritenuto necessario aggiustare ancora un po’ i loro numeri.

Grande protagonista post Mid-Season Update, Sejuani ha visto il suo winrate salire il suo winrate a circa il 53 percento dal 48 percento pre patch 7.9. Con questa patch Sejuani riceve un drastico nerf alle resistenze garantite dalla sua passiva e alla ricarica della W. Sicuramente rimarrà viabile nelle prossime settimane ma non rappresenterà quella furia inarrestabile che ha dimostrato di essere nelle scorse settimane.

Durante queste due settimane Maokai è stato giocato molto di più come campione di supporto che in jungla o in toplane; questo a causa dell’elevato numero di danni che erano in grado di portare i sapling. Per questo, con questa patch, il grande albero vede ridotto il danno dei sapling lanciati dentro i bush ma, per sopperire a questa mancanza negli altri ruoli, riceve un leggero buff alla Q. Personalmente continuo ad essere dell’idea che un rework di Maokai non fosse poi così necessario.

Tra i tre Zac è sicuramente quello che ha fatto più fatica a trovare spazio, con un winrate che è sceso drasticamente a circa il 43 percento (complice anche il fatto che molti giocatori ancora si devono abituare al nuovo kit). Così Zac riceve un aumento del danno sulla Q ed ora il knockup della sua E è tanto maggiore quanto più lunga è la carica. Speriamo che con questi cambiamenti possa trovare più spazio nelle prossime settimane.

MINI REWORK HEIMERDINGER E RAMMUS

Inizialmente Rammus doveva essere inserito nei cambiamenti del Mid-Season Update. invece il mini rework è arrivato con la patch 7.10

La passiva adesso aggiunge danno magico agli attacchi base in base all’armor, invece di convertire il 25 percento della sua armor come AD. La Q ora ha un cooldown minore ma dura di meno e fa meno danno e riceve inoltre un aumento della velocità. La W ha un cooldown minore ma scala con le difese di Rammus; in più lo rallenta del 60 percento e amplifica la passiva del 50 percento. La E non riduce più l’armatura del bersaglio ma aumenta la velocità di attacco di Rammus. Per finire la ultimate fa ora meno danno ma rallenta i nemici colpiti e fa più danno sulle strutture. Che sia tornato l’incubo di ogni bruiser, il Rammus toplane?

Heimerdinger è uno dei champion più difficile da bilanciare per la Riot in quanto molto del suo danno dipende dall’intelligenza artificiale delle sue torrette. Vediamo come la Riot ha decise quindi di toccare il campione con la patch 7.10

Una passiva tutta nuova ora garantisce ad Heimerdinger velocità di movimento quando si trova nei pressi delle sue torrette. La sua Q ora permette di costruire 3 torrette al livello uno, che però hanno un danno ridotto ma con un ratio aumentato. La carica delle torrette è più lenta ma può essere velocizzata se le altre abilita di Heimerdinger colpiscono il nemico. Per rendere il campione meno frustrante per i melee le torrette non prediligono più i campioni nemici. Era proprio necessario?!

I TANTO ATTESI NERF

Nell’ultimo periodo è ritornata in voga la moda di giocare Fizz in toplane con una build da bruiser, molto simile a quella che precedentemente vedevamo su Ekko. Buildando Trinity Force e poi full tank il noioso pesce era in grado di arrivare dietro le linee nemiche e cancellare con facilità i carry. Per questo il suo kit vede ridotto il danno base della W e aumentato il suo scaling con l’ability power. Finalmente!!!!!!

Nonostante Graves abbia ricevuto una modifica alla meccanica di reset degli autoattack la scorsa patch ha continuato le sue scorribande nella Landa, seminando il panico tra i poveri giocatori. Per questo con la patch 7.10 la Riot ha deciso di ridurre il danno base della Q aumentandone però lo scaling con l’attack damage, in modo tale da renderlo meno offensivo nelle fasi iniziali. Inoltre la sua ulti riceve un aumento al cooldown, cosa che mette i giocatori di Graves nella condizione di dover scegliere il momento migliore per usarla, e non sempre appena la hanno. Ritengo questo nerf più che giusto, e ritengo che il campione continuerà a poter essere giocato tranquillamente.

Lee Sin è da sempre uno dei junlger più giocati e amati dai players. In questa patch il cieco monaco riceve un nerf: la sua velocità di movimento è ridotta nelle prime fasi del game e la sua ultimate ha ora un cooldown maggiore. Sinceramente non riesco a capire la necessità di nerfare un campione che si trova in uno stato di perfetto bilanciamento al momento (MARONNE!).

Un Jungler che negli ultimi periodi ha dominato League of Legends in tutte le sue forme, dal competitivo alla soloQ, è sicuramente Ivern che, per le ultime 5 patch, ha visto un winrate maggiore del 56 percento. Per questo con la patch 7.10 riceve una riduzione alla sua velocità di movimento e la passiva ora necessita di più vita e mana per pulire un campo. Questo ridurrà sicuramente la capacità del campione di clerare velocemente i campi nelle primissime fasi della partita. Sacrosanto nerf atteso da molti.

Per finire sono state aggiunte due nuove funzioni, la possibilità di mutare i ping alleati e la possibilità di surrendare un game dopo i 15 minuti se tutti e 5 i membri del team sono d’accordo.

La community

Fai crescere la community italiana, entra nel gruppo FB:  

 

 

 

 

Cosa ne pensi? Lascia un commento!