Kaldheim standard decklist

Tibalt’s Trickery: una carta destinata al Ban (Video)

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Che Tibalt’s Trickery sia una carta strana lo si sapeva da sempre, e già dal suo testo lo si può intuire facilmente: “…finché non esilia una carta non terra con un nome diverso da quella magia”. Perché dev’essere un’altra carta da quella counterata? È legato a qualche strana combo che Wizards voleva evitare? Mistero…

Tibalt's Trickery

 

Ma bando alle ciance, in questo articolo, e soprattutto nel video a corredo realizzato col buon Colo, vi spiegherò i motivi per cui Tibalt’s Trickery dev’essere bannata assolutamente su MTG Arena, sia in Standard che in Historic, in Bo1: e il prima possibile!

Per corroborare la nostra ipotesi, abbiamo fatto 20 partite (Standard, non presenti nel video) con un mazzo che potete guardare ed esportare qui di seguito: le partite non sono state consecutive, ma in diverse sessioni (apro Arena, chiudo e riapro Arena ore dopo). La lista è particolare, gioca un numero maggiore di lande e sette drop a 0, e non otto: i motivi sono spiegati nel video seguente.

(Alcune partite di prova dal minuto 13.00)

(Clicca qui per iscriverti al mio canale YouTube, per non perderti nessuna novità del mondo Magic!)

 

Bene, come sono andate queste 20 partite offline, e cosa hanno evidenziato?

 

Un po’ di numeri

  • Abbiamo beccato 9 volte Mono Red, e 5 volte Mono White, segno che la strategia aggro è ancora molto diffusa in Bo1. Un solo Mirror, ma nelle giornate precedenti ne avevamo beccati di più.
  • Su 20 cast di Tickery, abbiamo missato (cioè non trovato una delle nostre bombe risolutive) solo 5 volte, ma ben 4 volte negli ultimi 5 game; la probabilità di missare è tra il 24% e il 26,9%, avendo in mano solo un drop a 0 e un Tibalt’s Trickery: la probabilità si alza se si hanno molte bombe in mano, mentre si abbassa se abbiamo drop a 0 diversi da quello castato, o altre Trickery.
  • Abbiamo spesso tenuto mano al limite, mai senza il nostro counter rosso, ma spesso senza drop a 0: solo in un’occasione siamo morti senza trovarlo. Abbiamo mulligato a 5 per quattro volte, a 4 per due volte e a 3 per una volta: tenendo così una mano a 7 per ben 13 volte (65%).
  • Quante vittorie? Solo 11 (55%), ma guardate qui: nelle prime 12 partite abbiamo perso solo due volte, vincendo qui con una percentuale dell’83,3%. Più avanti la nostra ipotesi legata a ciò.
  • In tre soli casi il match si è dilungato, perché abbiamo tenuto mani al limite e “scombato” in late. Abbiamo trovato avversari con mazzi controllosi, perciò siamo riusciti anche a lanciare dalla mano Ugin o Ultimatum: in tutti i casi abbiamo perso poi i match.
  • Tempo medio di tutte le partite? Solo 1 minuto e 45 secondi a game, ma togliendo le tre partite andate per le lunghe a causa dei nostri keep al limite, la media scende a 1 minuto e 17 secondi: nulla se ci pensate…

Genesis Ultimatum in Trickery's deck

 

Le conclusioni – Parte 1

A noi sembra assurdo dover lasciare al caso, e alla fortuna, le sorti di un gioco di carte così complesso come Magic. Al caso, ma anche al famigerato algoritmo di Arena? Pensate alle 10 vittorie sui primi 12 game fatti, poi precipitando a una sola vittoria nei restanti 8 game: o guardate i miss di Trickery, 1 solo nei primi 15 incontri, poi 4 nei successivi 5 match.

Arena chiede varianza, di mazzi portati, di giocate fatte e di tipologia di incontri; farne 20 di seguito con le stesse 75 carte, e medesime “non interazioni”, va contro ciò che gli sviluppatori hanno programmato: ed è anche per questo che Tibalt’s Trickery va assolutamente bannato.

Quest’ultimo uccide poi l’interazione, e il divertimento stesso, poiché partite che possono durare qualche secondo non portano proprio a nulla. C’è chi poi decide di iniziare una sfida con questo mazzo per finire presto le Quest giornaliere, o raggiungere prima possibile le fatidiche 15 vittorie: in precedenza ciò accadeva (quasi sempre) con Mono Red, mazzo aggressivo che ha in Embercleave una chiusura veloce e letale.

Bene, io e Colo abbiamo disputato 20 game, sempre Bo1, con il nuovo Mono Red Snow che potete vedere qui… ed ecco cosa ne è uscito!

Embercleave in Mono Red Snow

 

L’inganno di Mono Red

  • Abbiamo incontrato solo 3 mazzi con Trickery: abbiamo perso due volte, mentre una terza volta l’avversario ha concesso per i troppi mulligan.
  • Le vittorie sono state solo 9 volte (45%)… ma sapete quante volte abbiamo iniziato noi? Solo 7 volte (35%), palesando ciò che più volte ho ripetuto in passato: in Bo1 il lancio del dado incide moltissimo sul risultato finale degli incontri.
  • Tempo medio di gioco? Ben 3 minuti e 5 secondi, il doppio rispetto alla statistica dell’altro mazzo. Ah, e non contando i tre Trickery deck incontrati? Saliamo a 3 minuti e 31 secondi. E meno male che Mono Red è un mazzo che chiude “velocemente”…

 

Conclusioni – parte 2

Tenendo buone le statistiche prese da noi, e volendo raggiungere le 15 vittorie giornaliere, con Mono Red Snow dovremmo avere a disposizione poco più di 2 ore, con i vari Trickery’s Deck solo 45 minuti.

Capite da soli che, se tutti giocassero con l’intento di vincere prima possibile, l’aspetto del divertimento, e della varianza, verrebbe meno: ha senso quindi tenere a disposizione una carta come Tibalt’s Trickery, in Bo1 specialmente?

Forse no, anche se una risposta, abbastanza veloce, c’è già: Drannith Magistrate! Questa carta sta vedendo molto gioco ultimamente nei vari Mono White, sia perché è un ottimo bloccante, sia perché neutralizza l’effetto di Tibalt’s Trickery. Se bianchino inizia, e appoggia lui di secondo, la partita è praticamente finita.

Drannith Magistrate

 

Noi comunque buttiamo lì un’altra soluzione, in alternativa al Ban: ha senso instituire, anche per lo Standard, magari solo su Arena, le Restrizioni come in Vintage, ovvero la possibilità di giocare una determinata carta solo in 1x?


Tibalt’s Trickery: una carta destinata al Ban (Video)
"Cochi88"

Giocatore di Magic dai primi anni 2000, amante della Cochina bella fresca, ricercatore seriale di topdeck mai visti prima

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701