Svelato il Contenuto dei Mystery Booster

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Pochi minuti fa durante una live su Twitter dal canale ufficiale di Channel Fireball è iniziato il primo evento draft al Magic Fest di Ritchmond per questo nuovo formato, NON dedicato ai constructed match, chiamato Mystery Booster. Con grande sorpresa di tutti all’interno dei pack(contenenti 15 carte senza Terre e Token) si possono trovare ristampe dei set di Magic: the Gathering da Mirage a Trono di Eldraine. 

Le carte presentano loghi e anni di uscita originali, e si differenziano solo per un simbolo “Magic” presente in basso a sinistra della carta. La prima carta di ogni Mystery Booster è, invece, una carta mai stampata prima e graficamente molto simile ad una carta in “fase di Play Test”. Ogni pack conterrà: 1 carta playtest, 2 comuni o non comuni per ogni colore, una carta multicolore, 1 artefatto o terra, una carta dei vecchi set e una rara dall’espansione M15 in poi.

Queste carte hanno effetti molto particolari e sono staet create appositamente per il set in questione.

Vediamo alcuni esempi

The Memory Jar su Twitter
Dan Petruzzi su Twitter
Daniel Fournier su Twitter
Dual Land di Jessica Esteban su Twitter
Austin Yost su Twitter

Non c’è ancora nessuna fonte ufficiale per quanto riguarda le espansioni previste nel set ma Gavin Verhey ha, da qualche ora, confermato via Reddit che le carte non sono prese in maniera casuale ma scelte accuratamente per il Mystery Boostere che, al termine di questo evento speciale, sarà disponibile la lista completa delle carte presenti. Ricordiamo inoltre che, in esclusiva per Powned.it proprio Verhey ci aveva confermato che il set sarà giocabile anche in Italia(Magic Fest di Bologna). Qui l’intervista

Davide "Tyrann" Giungato

Affascinato sin dalla tenera età di videogiochi dei più svariati generi e soprattutto dai Giochi di Carte Collezionabili. Approdo al lato "competitivo" del gaming per pc con Hearthstone nel 2015 per poi decidere di provarli TUTTI; da Faeria a Duelyst e da TES: Legend a MTG: Arena. Giungo poi su Gwent e trovo Powned.it nel novembre del 2017 dove comincio a scrivere di Gwent e di tanto altro. Da sempre appassionato di discussioni sui CCG, trovo interessante parlare per ore e ore di come un buon drop a 2 possa cambiare le sorti di una intera partita.. e anche del mio tempo!