Limited Core Set 2020 – il Nero

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Benvenuti al consueto appuntamento con le analisi delle carte della freschissima espansione Set Base 2020.

In questo articolo ci concentreremo sull’analisi Limited del Nero.

Vediamo dunque una nuova analisi per il Limited di Core Set 2020 che questa volta tratterà il colore Nero. Le carte saranno accompagnate da un commento e da una votazione riferita al formato limited:

  • 0,o N.C. Carta ingiocabile o non performante
  • 0,5 – 1,0 filler quasi ingiocabile
  • 1,5 – 2 una discreta carta che può chiudere le 40 del mazzo e riempire i buchi della curva in maniera egregia/ottimale
  • 2,5 – 3 una ottima carta da inserire nel mazzo se giochiamo quella combinazione di colori
  • 3,5 – 4,0 una carta dal potenziale estremamente alto, se giocata ci porta in una condizione di vantaggio elevata
  • 4,5 – 5,0 una bomba imbattibile, se la giochi vinci al 90%
 
Limited: 4.0
Cavalier of Night è un ottima carta. Per 5 mana abbiamo un 4/5 lifelink con un effetto che distrugge una creatura avversaria, sacrificando una delle nostre. Inoltre, quando Cavalier of Night ci lascia le penne, resuscita una creatura con costa di mana 3 o meno. Non ottiene il massimo dei voti soltanto perchè non è una creatura evasiva. Resta, in ogni caso, un ottima carta che fa’ rimozione entrando ed Unearth uscendo dal gioco. Bomba che può tranquillamente essere il primo pick.
Limited: 1.5//3.0 

Sorin è un bel planeswalker, ma si trova inserito in un set con un “difetto”: vi sono solo 6 creature  vampiro, motivo per il quale riceve le ultime 2 abilità di Sorin potrebbero difficili da attivare. Il lato positivo è che nessun Vampiro di questo Core Set 2020 è raro ne mitico, pertanto c’è la possibilità di giocare comunque Sorin in maniera efficiente. Abbiamo comunque, anche nel peggiore dei casi, una abilità +1 che da’ deathtouch e lifelink ad una nostra creatura, effetto non orribile in Limited. Sorin è, insomma, il più classico dei “build around” attorno al quale costruire il nostro mazzo, la cui forza dipende dal numero di vampiri a nostra disposizione, assicuratevi di pickarne un numero sufficiente (che potrebbe essere dai 5 in sù) per giocarlo al suo meglio.

Limited: 4.5

Un 3/3 per 4 mana non è nulla di speciale, ma Dread Presence da’ un valore aggiunto alle paludi che giocheremo dopo di lei, consentendoci di pescare una carta o di infliggere 2 danni e guadagnare 2 punti vita, ogni volta che una palude entra in gioco sotto il nostro controllo. In un mazzo mononero o con il nero come colore predominante, Dread Presence è una carta che è praticamente d’obbligo includere nel mazzo, visti i rilevanti trigger che questa carta ha a disposizione. Primo pick automatico.

Limited: 3.5

Embodiment of Agonies è un demone volante e con deathtouch che entra in gioco più grosso, più carte con costi di mana differenti abbiamo nel cimitero. Questo demone potrebbe anche sembrare una carta “build around” di basso livello (non nel senso che è scarsa, ma nel senso che si fa’ poca fatica a costruirci attorno un mazzo), poichè, se è il nostro primo pick, possiamo calcolare di giocare tutte carte con diversi costi di mana. Embodiment of Agonies può essere un primo pick ed una carta da includere nel mazzo senza troppi pensieri, dato che è evasiva, calcolate solo che fatta al terzo turno può non essere così forte, dato che difficilmente avremo carte nel cimitero così presto, ma lo sarà sicuramente di più a partita inoltrata. 

Limited: 4.0

Un 1/2 per un mana è già ottimo, se ci aggiungiamo che Knight of the Ebon Legion prende +3/+3 e deathtouch per 2B, seppur fino alla fine del turno, e che ogni volta che il nostro avversario perde 4 o più punti vita riceve un segnalino +1/+1 a fine turno, i motivi per non giocarlo non esistono. Da giocare assolutamente! 

Limited: 1.5

L’unica cosa apprezzabile in Legion’s End è la fantasia che hanno ancora in Wizards of the Coast dopo 25 anni. Questa carta in limited è semplicemente una rimozione che, a meno di casi eccezionali, fa’ 1×1 ed ha pochi target. Un mero filler, sicuramente anche escludibile dalle 40 carte del mazzo senza troppi ripensamenti. 

Limited: 0.0

In costruito è una ottima carta da sideboard contro chi sfrutta molto il cimitero, in Limited non è nemmeno da considerare l’eventualità di giocarla, in quanto, l’effetto non è di aiuto in alcun modo. Non fatelo, non giocatela…

Limited: 4.0

Abbiamo davanti un 7/6 a costo 3. L’ultima volta che è accaduto ciò era il 2004, l’espansione era Quinta Alba e la carta in questione era Cosmic Larva, che aveva come lato negativo il fatto che ci faceva sacrificare 2 terre ad ogni nostro mantenimento per tenerla in gioco, rendendo di fatto la Larva ingiocabile. Rotting Regisaur non è Cosmic Larva, soprattutto perchè se non abbiamo carte in mano da scartare al mantenimento, non dobbiamo sacrificarlo. Scartare una carta ad ogni turno, prima di pescare di turno non è un lato così negativo e non mi spinge a rinunciare al proposito di inserire Regisaur in ogni mano col nero in Draft o Sealed, ne di prenderlo come primo pick di un Draft. 

Limited: 0.0

Scheming Symmetry consente ad entrambi i giocatori di mettere una qualsiasi carta dei loro mazzi come prima carta. Personalmente, non mi piace dare questo tipo di possibilità al mio avversario e non trovo questa carta giocabile in Limited proprio perchè considero brutto che anche l’avversario scelga quale sia la prima carta del suo mazzo. 

Limited: 2.0

Non che Vilis non sia forte, ma costando 8 mana, di cui 3 specifici neri, può risultare veramente difficile da giocare. Sicuramente non risulta un primo pick, proprio per questo motivo, ma è inseribile tra le 40 del mazzo. 

Limited: 2.0

Blightbeetle è un 1/1 a costo 2, il che è onesto. La protezione dal verde è trascurabile, da momento che non può essere bersaglio da magie di un colore che per sua natura non ha rimozioni a sua disposizione; non può essere pompato (quindi nel migliore dei casi è un clock di 20 turni contro un mazzo monoverde, in quanto imbloccabile da creature verdi); ma se non altro è un ottimo bloccante, che non si fa’ schiacciare dalle creature verdi. Buona creatura, ma niente di eccezionale.

Limited: 2.5

Una magia che fa’ 2×2, rianimando una creatura e permettendoci di riprenderne in mano un’altra dal cimitero, sacrificando un’altra creatura. Una carta buona, che nella situazione giusta può rivelarsi anche vincente (pensate alla possibilità di rimettere in gioco Rotting Regisaur o Vilis).

Limited: 2.0

A prescindere dal costo di mana, Bloodsoaked Altar ci permette di creare Demoni 5/5 volanti, il che è sicuramente forte, ma farlo al costo di 2 punti vita+una creatura+una carta dalla nostra mano è un po’ eccessivo e difficile da sostenere (anche se in questa espansione abbiamo Sanitarum Skeleton che può essere recuperato dal cimitero infinite volte e ci da’ quindi una mano a sostenere questo costo), motivo per il quale non do ad Altar una valutazione elevata, ma una da filler. Questa carta è comunque giocabile ed inseribile tra le 40 del mazzo.

Limited: 3.0 

Un 2/3 volante per 3 mana è già buono, con qualche effetto di lifegain, Bloodthirsty Aerialist diventa la carta dalla quale il vostro avversario dovrà difendersi se non vuole morirci. Ottima carta da includere nel mazzo.

Limited: 3.5

Se Shock in Limited risulta ottimo, Disfigure lo è perfino di più, in quanto ci premette anche di uccidere in combat grandi creature senza necessariamente perdere una delle nostre. Rimozione con valenza anche di combat trick: assolutamente da giocare.

Limited: 3.5

Il caro vecchio Gravedigger non smette mai di riportare indietro dalla tomba altre creature e sul suo 2×1 si può sempre contare. Voi potete restituirgli il favore solo giocandolo, per cui: fatelo!

Limited: 3.0

A meno che il vostro mazzo non sia schifosamente a corto di creature, Gruesome Scourger è una buona carta che può fare la differenza e perfino chiudere una partita particolarmente lunga e d’attrito, infliggendo i danni letali al vostro avversario. 

Limited: 1.5

Noxious Grasp è una carta da sideboard contro chi gioca verde o bianco. Non giocatela maindeck. 

Limited: 0.0

Costa troppo in mana e non toglie il tipo di carta più comune in Limited, ovvero le creature: usatela solo come sottobicchiere…

Limited: 3.0 

Un 1/1 con deathtouch e lifelink a costo uno è forte. Inoltre, in questo set vi sono più carte del solito che fanno riprendere creature dal cimitero e Vampire of the Dire Moon è un eccellente target per queste carte poichè vi permetteranno di sfruttare il suo deathtouch più di una volta. Ottima carta: giocatela!

Limited: 2.5

Un 4/4 a costo 5 che diventa più grosso tutte le volte che perdiamo punti vita in un turno non è male. Tuttavia non è evasivo ed è facilmente bloccabile. Carta nella media: giocabilissima.

Limited: 3.0 

Yarok’s Fenlurker è la versione aggiornata di Ravenous Rats, ovvero un 1/1 a costo 2 che quando entra in gioco toglie una carta dalla mano dell’avversario. A differenza dei Rats, Fenlurker può potenziarsi, fino alla fine del turno, di un +1/+1 per ogni 3 mana che paghiamo, il che non è brutto. Carta buona: giocatela!

Limited: 3.0

Nonostante 4 mana possano sembrare molti, Lightning Helix è forte anche se la si paga 4 in Limited. Ciò rende Agonizing Syphon una bella rimozione: giocatela senza pensarci 2 volte!

Limited: 3.5

Prima di decidere il voto di questa carta ho dovuto leggerla svariate volte perchè non credevo ai miei occhi. Di fronte a voi c’è una Phyrexian Arena con le gambe e le braccia per picchiare i vostri avversari. Più Audacious Thief rimane in gioco, più vantaggio se trarremo: giocatelo e non ve ne pentirete!

Limited: 1.5

Una 3/2 a costo 3 senza abilità, questa carta è un mero “tappabuchi” da inserire nel mazzo solo se vi mancano creature o carte per arrivare a 40. Non è nulla di speciale. L’unico punto a favore, qualora si avesse a disposizione anche Sorin, è che Barony Vampire è un Vampiro. 

Limited: 1.5 

Anche Bladebrand è un “tappabuchi” da giocare solo se ci mancano carte per arrivare a 40 nel mazzo. Può risultare un combat trick discreto in qualche occasione, ma nulla di più. 

Limited: 2.5

Un 2/2 a costo 2, con lifelink nel nostro turno è abbastanza buono da essere giocato senza troppi pensieri. Nulla di speciale, ma nemmeno orribile.

Limited: 2.5

Una rimozione che fa’ 2×1 a svantaggio del suo utilizzatore, poichè richiede che venga sacrificata una creatura come costo addizionale. Tuttavia, trovare qualcosa da sacrificare per liberarci di una creatura avversaria che ci sta causando problemi non è troppo difficile (Sanitarium Skeleton o una pedina potrebbero ricoprire questo ruolo, ad esempio). Buona carta: giocatela!

Limited: 3.0

Con Boneclad Necromancer spendiamo 5 mana per un 3/3 ed un 2/2, quest’ultimo è quasi garantito, dal momento che difficilmente non ci sarà almeno una creatura nel vostro cimitero o in quello avversario a turno 5. Il tutto è onesto è davvero niente male. Buona carta: giocatela! 

Limited: 0.5

Duress, esattamente come Negate, ed esattamente come in Costruito, in Limited è una carta da sideboard. Inoltre, è persino peggiore di Negate, in quanto, al fatto di avere pochi target possibili in un formato come il Limited dove le carte più utilizzate sono le creature, si aggiunge quello di essere un topdeck orribile a partita inoltrata. Non giocatela…

Limited: 1.5

Un 4/4 per 5 mana è senz’altro giocabile per tappare i buchi che mancano per arrivare ad avere le 40 carte nel mazzo. L’effetto di Epicure of Blood è scarso e non vale la pena di costruire un eventuale mazzo con effetti di lifegain e questa carta. Giocatela solo se ne avete necessità per arrivare a 40 carte nel mazzo o se avete Sorin a disposizione. 

Limited: 2.0

Fathom Fleet Cutthroat è una carta un po’ particolare che trova il proprio scopo come rimozione post-combat per una creatura avversaria più grossa che ha bloccato ed ucciso una nostra creatura che l’ha danneggiata nello scontro. Deve verificarsi la situazione giusta per poterlo utilizzare al meglio, ma Fathom Fleet Cutthroat è abbastanza decente per essere incluso nelle 40 carte del mazzo.

Limited: 1.5

Feral Abomination è un 5/5 con deathtouch a costo 6 che può benissimo rientrare tra le 40 carte del mazzo. Non è il massimo della vita ed è da intendersi come un “tappabuchi” però è giocabile.

Limited: 2.5

Un 2/2 volante per 3 mana è buono ed il fatto che Gorging Vulture ci costringa a mettere al cimitero le prime 4 carte del mazzo non è così tanto negativo, dal momento che il colore di cui ci stiamo occupando ha anche delle carte che riprendono creatura dal cimitero, permettendoci, quindi, di recuperare le carte che Vulture ha gettato via con la propria apparizione sul campo di battaglia. Buona carta: giocatela. 

Limited: 1.0

Mind Rot non è completamente ingiocabile, ma spendere 3 mana per far scartare all’avversario 2 carte che decide lui non è esattamente la cosa migliore da fare. Mind Rot ottiene una bassa valutazione e considerazione perchè, a differenza di Yarok’s Fenlurker, non ha alcun impatto sul board. Se potete, non giocatela…

Limited: 4.0

Solo 3 mana per uccidere una creatura qualsiasi. Murder è la MIGLIOR COMUNE DI CORE SET 2020, senza “se” e senza “ma”. Per quanto mi riguarda, può essere benissimo un primo pick, anche migliore di qualche rara. GIOCATELA!

Limited: 2.0

Tralasciando il fatto che continua può continuare a tornare dal cimitero alla mano e quindi in gioco, potendo essere sacrificato, scartato e può bloccare pressoché all’infinito, Sanitarium Skeleton è una 1/2 a costo 1 che di suo non fa’ molto. Pertanto giocatela, ma sarebbe meglio farlo con Bloodsoaked Altar o Bone Splinters nel mazzo.   

Limited: 1.5

Un 1/3 a costo 2 è scarsino, inoltre, l’abilità attivabile di Sorcerer of the Fang è molto dispendiosa in termini di mana (6 mana per fare 2 danni sono davvero troppi…). Ne consegue che questa carta non è niente di più che un “tappabuchi”, mediocre sia nei primi turni che a partita inoltrata, da giocare solo se ci mancano carte per arrivare ad averne 40 nel mazzo. 

Limited: 2.5

Gli effetti come quello di Soul Salvage, che riprendono creature dal cimitero, dipendono, ovviamente, dalle creature che abbiamo al cimitero. Ma a meno di riprendere in mano due 1/1 senza abilità, poter riutilizzare due creature per soli 3 mana è una ottima cosa. Consiglio perciò di giocare Soul Salvage, senza pensarci troppo, ma facendo attenzione alle circostanze in cui decidete di usarla. 

Limited: 0.5//3.0

Undead Servant è una carta che si è già vista prima di questa espansione, ma continua ad essere “strana” per via del fatto che dipende da quale copie di essa abbiamo a disposizione. Se ne possediamo solo una, abbandoniamo immediatamente l’idea di giocarlo poichè avremmo nel mazzo un 3/2 senza abilità a costo 4…decisamente vomitevole! Se abbiamo a disposizione almeno 3-4 Undead Servant, allora giocarli tutti può essere una buona idea poichè si riveleranno decenti, se non addirittura forti, dato che possiamo avere la possibilità di averne al cimitero qualcuno per generare zombie 2/2 col trigger d’entrata di uno Undead Servant. 

Limited: 1.0

Le Aure in Limited sono spesso superflue e benchè Unholy Indenture possa essere usata anche su una creatura avversaria per ucciderla e poi resuscitarla sotto il nostro controllo, difficilmente vorremmo giocare questa carta piuttosto che una creatura, anche fosse una delle peggiori del formato. Il fatto che basta uccidere la creatura che Unholy Indenture bersaglia, prima che risolva, per rendere inutile questa Aura. Sconsiglio di includere Unholy Indenture nel vostro mazzo. 

 

Top3 comuni nere:

  1. Murder
  2. Audacious Thief
  3. Agonizing Syphon

 


Limited Core Set 2020 – il Nero
Luca "Bata" Battaiotto

Nato nel 1993, da sempre con una grande passione per videogiochi, Playstation, musica (Power Metal in particolare) e Magic: the Gathering, del quale sono un giocatore amatoriale dall'uscita di Quinta Alba. Gioco Modern dal 2013 e Standard dall'uscita di Amonkhet. Attivo su Magic: The Gathering Arena sin dalla Closed Beta.

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701