Food

Jund Food e i 1000$ dell’Arena Open

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Buongiorno lettori e lettrici di Powned.it! Oggi vi racconto del mio terzo Arena Open, quello dove finalmente abbiamo portato a casa qualcosa di sostanzioso!

Con il risultato di 6-2, infatti, ho portato a casa ben 1000$ (che tra tasse e cambio in euro diventano 572).

Tutto questo grazie a Jund Food, mazzo che è ormai diventato il mio pet deck e che più volte mi ha dimostrato di non dover andare a cercare altre possibilità nel vasto meta che l’Historic offre.

Partiamo con ordine. Vi avevo parlato già qui del Jund Food che l’Historic ci permetteva di giocare. Dopo quel 7-2 da 16esimo posto ho ottenuto un altro 7-2, questa volta in T2 con Mono Green Food che mi ha permesso di raggiungere il 13° posto, ad un passo (0,20% di rating) dalla top 12… sapevo che bisognava insistere su questa strada e che presto qualcosa sarebbe arrivato ed eccoci qui!

Chiunque abbia avuto il piacere/dispiacere di avere a che fare con me, queste parole potrebbero sembrare strane, come se venissero dal primo dei pentiti… l’impegno paga! la fortuna ha un suo peso, ma bisogna farsi trovare preparati per quando busserà alla nostra porta. Se mentre stai leggendo, caro amico mio, pensi che questo gioco sia fatto per soli culi rotti e pensi di mollare, non demordere!

Respira, cerca il mazzo con cui hai una affinità e giocalo, giocalo, anche se perdi partite su partite. Con l’avvento di Twitch e di MtgArena sono fioccate guide, liste, sideboard guide… la ricerca della lista col piano di side non è sufficiente! Non basta netdeckare il mazzo forte se poi non sai gestire le situazioni particolari, oppure fai una determinata side ma non ne capisci il motivo! In questa era si è perso il senso ovvio che il tuo mazzo lo devi saper giocare, che l’esperienza premia molto di più che una sideboard guide presa dalla rete!

Chiusa questa parentesi, torniamo al soggetto di questo articolo: Jund Food!

Oltre ad essere il mazzo più bello, a parer mio, dell’Historic, è anche il mazzo più soggetto a possibili build. Mi piace riassumerle così:

  • Jund Sacrifice: in questa versione vediamo molto più rappresentata la componente “sacrificio”, quindi abbiamo le Priest of forgotten Gods, abbiamo i Butcher e le Collected Company.
  • Jund Midrange: lo abbiamo visto allo Zendikar Rising Championship, dove i pro hanno deciso di affrontare la minaccia di Yasharn con i Fatal push e Thoughtseize.
  • Jund Hybrid: lo so, sembra il nome di una macchina, lo so, ma mi sembra il nome migliore per indicare questa build di Jund che non rinuncia al vantaggio carte del pacchetto Food (Trial of Crumbs, Korvold…) ma nemmeno alle possibilità che Sacrifice gli permette di poter gestire le minacce avversarie, rivoltandogliele contro grazie a Claim of the Firstborn, divenendo poi humus per il nostro mazzo.

Personalmente, odio le Company in questo mazzo. Le creature non hanno degli eot potenti e spesso il vantaggio di mettere due pezzi istant e legato alla comparsa di un improvviso Mayhem Devil.

La seconda versione, che a primo acchito mi sembrava molto interessante, provandola non ha suscitato le emozioni che pensavo mi avrebbe dato. Mi mancavano troppo i Claim the Firstborn.

Nel corso dei vari Satelliti di SCG ho osservato le varie liste e sono giunto alla mia.

Day 1

Prima di parlarvi della lista vincitrice dei 1000$ è doveroso sottolineare che per poter arrivare al Day2 ho dovuto qualificarmi al Day1. Molti sono della linea di pensiero che Bo3 è meglio. Personalmente non sono d’accordo.

Il meta Bo1 è estremamente prevedibile, le partite sono veloci e hai 2 sconfitte massimo da poter incassare. Bo3 richiede vincere 8 game e se perdi una partita sei fuori. Se non è un problema perdere 2000 gemme, io consiglio Bo1 per la mera qualifica.

Parlavo di prevedibilità. Per il Da1 Bo1 mi aspettavo parecchi mazzi Aggro, per cui ho settato la mia lista di Jund Sacrifice in questo modo:

Lista

Abbiamo quindi inserito i Fatal Push in accoppiata ai Claim the Firstborn e convocate le Priest of Forgotten Gods.

Le previsioni si rivelano esatte e gioco circa 45 minuti trovando:

Jund Company W
Azorius Aura W
Azorius Aura W
Goblin W
Mono Red W
RG AGGRO L
Mardu ? W
Sultai mid L
Sultai Food W

Day 2

Devo essere sincero. Il risultato di Brad Barcley al Zendikar Rising Championship mi aveva fatto sperare in un mio grande amore, il control deck. Il testing però non è andato per niente bene e quindi ho preferito virare su qualcosa di già rodato e verificato, seppur con qualche dubbio ancora da risolvere. Dopo una serie di considerazioni e prove, sono giunto alla seguente lista:

Lista

Vediamo le scelte salienti:

  • 2 Chandra, Torch of Defiance: per gli stessi motivi elencati nell’articolo sopra linkato, non credo che sia una carta di cui possiamo fare a meno
  • 0 Thoughtseize main deck: sembrerrà strano visto l’impatto che ha questa carta contro Sultai e 4c mid, ma ritengo che questa mia versione di Jund giochi meglio i G1 proponendo minacce e sviluppando il proprio piano più speditamente
  • 2 Midnight Reaper: volendo un piano più propositivo, Reaper è una carta che svolge perfettamente il suo ruolo, in quanto se non risolta ci permette di pescare una grande quantità di carte con il gatto-forno. Un incubo per i nostri amici Midrange
  • 1 Maelstrom Pulse: ci affidiamo a questa mono Pulse per risolvere eventuali yasharn o permanenti fastidiosi come Karn o Nissa…

La side è molto quadrata, unica 1x la Soul-Guide Lantern.

Report Day 2

Turno 1: Simic Paradox L L 

Non inizia bene il torneo, vedo Jeganta come companion  e penso subito a Jund Company, venendo poi contraddetto dalle sue prime giocate. Poco da dire, complice la mia ignoranza nel match up e alcune sue carte iper fastidiose, una tra tutte Karn, The Great Creator, vengo sconfitto sia G1 che G2.

SIDE IN: +3 Rubapensieri + 3 Abrade + 2 Bolas Citadel +1 Soul-Guide Lantern + 2 Noxious Grasp

SIDE OUT: -4 Claim of The Firstborn – 1 With Oven -2 Korvold Fae-Cursed King – 1 Cauldron Familiar -1  Trail of Crumbs -1 Mayhem Devil -1 Chandra, Torch of Defiance 

Turno 2: Jund Company  L W W 

Il primo game sbaglio un paio di giocate e mi ritrovo con lui che risolve doppia company in due turni, caricando il board in maniera irrecuperabile. G2 e G3 la vince Korvold, che si impone sul board senza possibilità di replica

SIDE IN:  3 Abrade  +1 Soul-Guide Lantern

SIDE OUT:  -1  Trail of Crumbs -2 Midnight Reaper -1 Gilded Goose 

Turno 3: WB Aggro W W 

Poco da dire su questo mazzo sorpresa: piccoli pezzi e Demonic Embrace. Mayhem Devil controlla il board e dice di no al nostro avversario

SIDE IN: 3 Abrade  +1 Soul-Guide Lantern

SIDE OUT:  -1  Trail of Crumbs -2 Midnight Reaper -1 Gilded Goose 

Turno 4: 4c Midrange W W 

G1 non vede Yasharn e vado liscio come l’olio, assemblando la combo gatto forno trial e a condire un Midnight Reaper che fa pescare 5 o 6 carte prima di morire. L’oppo concede con un Teferi, Hero of Dominaria in campo. G2 di terzo turno calo il Midnight Reaper e l’oppo risponde con Yasharn, sapendo di perderlo per un Noxious Grasp visto di Thoughtseize. Quello che non sa è che il suo elementale lascerà il campo per la -3 di Chandra che entra pulita di quarto turno, a cui lui non trova nessuna risposta.

SIDE IN: +3 Rubapensieri + 2 Bolas Citadel +1 Soul-Guide Lantern + 3 Noxious Grasp

SIDE OUT:  -1 Cauldron Familiar -3 Claim of The Firstborn – 2 Korvold Fae-Cursed King – 3 Mayhem Devil 

Turno 5: Sultai Midrange  W W

La partita più triste della run, in quanto G1 si blocca a 4 terre e mi da il tempo di fare tutto quello che Jund deve fare per portarsi in vantaggio, mentre G2 probabilmente si disconnette al secondo turno, perdendo la partita dopo qualche minuto.

SIDE IN: +3 Rubapensieri + 2 Bolas Citadel +1 Soul-Guide Lantern + 3 Noxious Grasp

SIDE OUT:  -1 Cauldron Familiar -3 Claim of The Firstborn – 2 Korvold Fae-Cursed King – 3 Mayhem Devil

Turno 6: Goblin L W W 

Lui parte molto bene, riuscendo a castare un Muxus che rivela due matrone, con cui si prende un Muxus e un goblin che ciclando fa rimozione, togliendo il mio Mayhem Devil che mi reggeva la situazione. G2 il mazzo fa quello che deve grazie al controllo board dei Mayhem Devil e G3 una wratta di 3 turno ribalta completamente la situazione, permettendomi di apparecchiare il board nella maniera più opportuna

SIDE IN: 3 Abrade  +3 Witch’s Vengeance

SIDE OUT:  -2 Trail of Crumbs -2 Midnight Reaper – 2 Chandra, Torch of Defiance

Turno 7: WB Solemnity W W 

Questa invece è stata una delle partite più divertenti: l’oppo di 3 casta la protezione di Gideon, nominando Cauldron Familiar. Peccato che gatto e forno erano già in campo e quell’incantesimo non lo schermava dall’abilità del gattino. Lo stesso dicasi della sua combo! Infatti Nine Lives previene i danni dalle mie fonti, mentre gatto fa perdere punti vita! G1 pesco davvero una infinità, scendo 4 forni e lui muore così, da gatto che entra e esce. Se avesse nominato forno, quel game sarebbe andato molto diversamente. G2 succede quasi la stessa cosa: assembla la combo velocemente ma ora c’è anche gabbia che mi blocca il gatto. La partita dura una infinità fino a quando Korvold non mi fa pescare il Maelstrom Pulse che eseguo su Solemnity, ammazzandolo in quel turno grazie ai trigger di Mayhem Devil che fanno arrivare velocemente a 9 il conto della Nine Lives.

SIDE IN: 3 Abrade  +3 Rubapensieri

SIDE OUT:  -1 Mayhem Devil -4 Claim of the Firstborn -1 Woe Strider

Turno 8: Simic Paradox L L

Il fato ha deciso che come ho iniziato il torneo, così lo dovevo finire. Ultimo turno di nuovo contro Simic, di nuovo contro un avversario di pregevole fattura.

Calo velocemente un Korvold che lo porta sotto letale, mi piazzo due bei Mayhem Devil così da poterne saccare uno per poter ammazzare un eventuale Kinnan, Bonder Prodigy che effettivamente cala. Peccato che saccando sfera pesca il terzo (in 16 carte), con cui riesce a giocare un Uro che gli fa pescare Karn, prendendo la Aether Spellbomb dalla side e rimbalzandomi il drago. La partita sembra volgere a suo favore ma un nuovo comeback da parte mia lo rimette sotto scacco. Nel suo turno rivede un nuovo Karn con cui prende God-Pharaon Gift, con cui si rianima una Emry, lurker of the Lock andando alla fortuna, in quanto non aveva nessun artefatto da poter rianimare… e tra le 4 carte vede un’altra Aether Spellbomb che giocava di main!

Inizio a battere le mani fragorosamente e sveglio la mia ragazza, che mi lancia un cuscino addosso mentre mi accingo a concedere il primo game.

G2 poco da dire, assembla combo abbastanza rapidamente e seppur per un suo missplay, io ne eseguo un altro, saccandomi troppo in fretta la lanterna, permettendogli comunque di scombare.

SIDE IN: +3 Rubapensieri + 3 Abrade + 2 Bolas Citadel +1 Soul-Guide Lantern + 2 Noxious Grasp

SIDE OUT: -4 Claim of The Firstborn – 1 With Oven -2 Korvold Fae-Cursed King – 1 Cauldron Familiar -1  Trail of Crumbs -1 Mayhem Devil -1 Chandra, Torch of Defiance 

Con una punta di amarezza, mista a una giusta dose di felicità, mi complimento virtualmente col mio avversario e ritiro il premio, conscio che un risultato uguale il prossimo weekend potrebbe portarmi al Kaldheim Championship! 

Pier Matteo "DirtyOwl" Murro

Classe 91, esordisce nel mondo delle figurine magiche con l'uscita quasi imminente di Theros nel 2013. Da allora un solo grande obiettivo: imparare a giocare i control deck in tutte le salse possibili e immaginabili. Seppur apprezza i formati costruiti, il vero e unico amore per lui rimane il Limited, tra cui il Draft è il formato più apprezzato.

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701