Jeff Hoogland ritiro

Jeff Hoogland lascia Magic: prima o poi lo seguiranno tutti…

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Come un fulmine a ciel sereno (ma neanche così tanto inaspettato, e poi vedremo perché), il noto streamer Jeff Hoogland pubblica un video in cui annuncia il suo abbandono a Magic.

Ora, non è mia intenzione analizzare i suoi motivi, o dagli ragione/torto; vorrei invece prendere come esempio la decisione di Hoogland, e trasportarla verso la figura dello streamer. Mi spiego meglio e sarò diretto: secondo me, la parabola discendente che ha avuto come risultato il “quit” di Jeff, è accomunabile a ogni streamer di Magic al mondo. Avvalorerò la mia ipotesi dividendo la vita professionale dello streamer in step, prendendo sempre come punto di partenza Jeff Hoogland.

Step 1: fama cartacea / online

Jeff Hoogland sale alla ribalta della scena MTG mondiale grazie a un mazzo, Kiki Chord, che lo porta costantemente tra i top giocatori del circuito SCG. Pur non avendo mai partecipato ad un Pro Tour, o fatto Top 8 ad un GP, Jeff ottiene notorietà portando tra i Tier un archetipo mai giocato prima; lo streamer di successo nasce da qui: risultati costanti nel cartaceo, o grandi intuizioni, danno visibilità al tuo nome, sinonimo di qualità e perciò “vincente”.

Chord of Calling, carta essenziale nel mazzo Kiki Chord di Jeff Hoogland

Step 2: i primi passi su Twitch

All’inizio della sua carriera di streamer, Hoogland manteneva il suo lavoro di insegnante, comparendo su Twitch ogni tanto con qualche lega su MTGO. I successi continui, e i seguaci in continuo aumento, hanno portato Jeff (ed alcuni suoi colleghi) alla decisione fatidica.

Step 3: licenziamento e professionismo

Non riuscendo a condurre in parallelo i due lavori, e con i guadagni online in continuo aumento (grazie anche alla scoperta di un nuovo mazzo, molto simile a Kiki Chord, ovvero Cobra Saheeli), Jeff Hoogland si licenzia: in un suo streaming, per l’appunto, affermò con decisione che lo stipendio come professore non era lontanamente paragonabile ai soldi che stava facendo streammando. Ma come riusciva a guadagnare così tanto?

  • Subs; ogni follower che si abbonava al suo canale, pagava una certa quota a Twitch, che a sua volta corrispondeva una parte a Jeff.
  • Free Donations; gli spettatori potevano donare una cifra qualsiasi direttamente a Hoogland, per contribuire allo streaming e far sì che esso continuasse nel futuro.
  • Bits; ogni follower può donare allo streaming che sta vedendo dei Bits, beni virtuali che servono per entrare in contatto più diretto col proprietario del canale, e “fare il tifo” per il prodotto che si sta vedendo. Non ho riscontri diretti, ma ipotizzo che questa sia un’ulteriore fonte di guadagno per lo streamer.
  • Deck Donations; i giocatori potevano inviare un mazzo a Hoogland, che lo sistemava e lo giocava in una lega MTGO. Le donazioni variavano dagli 8 ai 12 dollari nei primi anni: più donavi, più poi salivi nella coda decks e potevi “superare la fila”.
  • Sponsor; col successo crescente, sponsor di vario tipo (dalle buste protettive agli antivirus) ingaggiano lo streamer di turno per apparire nelle live, attraverso riquadri grafici sempre presenti o vere e proprie pubblicità. Ricordo che Hoogland a volte si assentava volontariamente per minuti, prendendo le più svariate scuse, e trasmettendo in diretta, uno dietro l’altro, le pubblicità dei suoi sponsor.

Gli sponsor del canale Twitch di Jeff Hoogland

Step 4: il successo di Arena e i primi scricchiolii

Con Hoogland e colleghi in un continuo lamentarsi per i bug e la lentezza di MTGO, il lancio di Arena è stata una manna dal cielo. Magic stava diventando un e-sport, e i guadagni non sono tardati ad arrivare. La situazione però non era così rosea come prima; come spiegato anche nel mio primo articolo su Powned, la generazione Z ha cominciato ad affermarsi, e a coprire una grande fetta del mercato: l’offerta streaming di Arena era ed è in continuo aumento, frammentando il mercato e dividendo sempre più gli ascolti.

Step 5: declino e abbandono

Hoogland abbandona Magic già nell’estate 2020: la scusa era il meta noioso, e la mancanza di quella passione che aveva in passato. La verità, a mio avviso, era un’altra; Arena ha un bagaglio di carte assai ridotto rispetto ai formati eternal: con svariate ore di streaming al giorno, Hoogland era arrivato in un periodo di ridondanza e mancanza di novità. Per non parlare dei suoi atteggiamenti; Jeff era diventato la macchietta di sé stesso: un lamentone che spaziava dal governo Trump, all’emergenza Covid gestita male, alla Wizards che pensa solo al guadagno. I follower erano sul suo canale più per la polemica del giorno, che per carpire più nozioni possibili dai suoi mazzi o dal suo modo di giocare: perché sì, Hoogland se perdeva, o il mazzo non girava, si spazientiva e interrompeva lo streaming che magari derivava da una donation. Ovvio che il “gioco” non poteva durare.

Step 6: abbandono… e ritorno?

Hoogland ha ora abbracciato nuovi giochi, sicuramente ben pagato dagli sviluppatori o dalle case di produzione. Come vedete però qui sotto, le views sono molto, molto inferiori rispetto ai tempi di Arena: non so se incideranno o meno sul suo percorso, ma credo che non passi molto tempo dall’ennesimo ritorno di Hoogland sulle scene MTG (con annesso abbandono degli attuali giochi), a meno che lo stesso decida di lasciare per sempre il lavoro di streamer e tornare ad insegnare. Altri hanno seguito la sua parabola, uno su tutti Matthew Foulkes; l’ex pro inglese lasciò MTG per abbracciare Artifact, un nuovo gioco di carte che però non ha ottenuto il successo sperato: di recente Foulkes sta riapparendo nel panorama MTG, tramite qualche lega MTGO (di cui è stato trophyleader) e alcuni commenti sopra le righe su vari canali Twitch di Magic.

Views del canale YouTube di Jeff Hoogland

Conclusioni

Chi non ha iniziato col cartaceo e ha ottenuto fama con Arena, non avrà ovviamente seguito tutti gli step qui sopra descritti; di sicuro, il solo successo improvviso online, non corroborato da risultati costanti (in termini di performance e di views), porterà sicuramente allo step 5 in men che non si dica.

Si può quindi campare di solo streaming? Difficile dare una risposta; certamente, scordiamoci i grandi guadagni di qualche annetto fa, perché sì: Arena ha dato molto al movimento, ma ha anche tolto parecchio, sotto molti punti di vista. Ma questa è un’altra storia…

"Cochi88"

Giocatore di Magic dai primi anni 2000, amante della Cochina bella fresca, ricercatore seriale di topdeck mai visti prima

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701