Breve discussione sul Turbo Fog e su Nexus of Fate

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Avete mai sentito parlare del Turbo FOG?

Prima di Fedeltà di Ravnica era già un ottimo deck, ma dopo quest’ultima espansione ha ottenuto un enorme Buff dettato da alcune nuove carte uscite.
Stiamo parlando di “Growth Spiral” e “Wilderness Reclamation” che forniscono con la prima un ottimo early game, mentre con l’altra si andrà a potenziare la sua “Core Combo” composta da Nexus of Fate / Teferi / Azcanta / Nexus of Fate.
Questa combo permette di avere turni illimitati e con la -8 di Teferi si andrà ad eliminare ogni mossa dell’avversario.

Con l’arrivo però di Wilderness Reclamation la combo si è espansa; stappando tutto alla end phase infatti si riescono persino a giocare ben 2 o 3 Nexus nello stesso turno impedendo (o quasi) qualsiasi ripresa da parte dell’avversario.

Quando scende questa carta e si è sprovvisti di soluzione come Mortify oppure una Counter Spell, la partita può ormai quasi considerarsi conclusa in special modo per un mazzo aggressivo.

Recentemente sono state inoltre presentate polemiche per la core card del mazzo ovvero il Nexus of Fate(come letto qui) la quale se usata in una versione del mazzo sprovvisto di chiusure può provocare molta frustrazione nei confronti dell’avversario che, impossibilitato ad eseguire il suo turno, non potrà fare altro che concedere.

A questo punto voglio porre una domanda:
Sarebbe giusto o sbagliato rimuovere una di queste due carte dallo standard di MTG Arena?

Nel caso della prima il Fog rimarrebbe un ottimo mazzo come lo era pre-Allegiance senza essere troppo forte come lo è in questo momento. Nell’altro caso, però, Wilderness rimarrebbe sì, una carta forte, ma non troppo utilizzata visto che la maggior parte di combo deck dove è presente questa carta vi è anche la sempre verde Nexus.

Di seguito propongo una lista esempio di questo mazzo con link subito sotto.

Turbo Fog 2.0 di Reenzh