La storia di Guerra della Scintilla – Cosa Sappiamo Fino ad Ora

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Siamo ormai giunti alla fine dello spoiler e War of the Spark si preannuncia come un set potenzialmente rivoluzionario.

Non solo per la presenza di ben 36 Planeswalker e per il power level elevato delle carte, ma anche per il modo in cui vengono narrati gli eventi che concludono lo scontro tra Nicol Bolas e i Gatewatch.

Gli eventi cruciali della storia di Guerra della Scintilla ci vengono innanzitutto rivelati attraverso tre gruppi di carte marcate con la dicitura “Story Spotlight“.

Vediamole nel dettaglio:

Story Spotlight: Act 1

Nicol Bolas reclama il suo dominio su Ravnica e grazie al Ponte Planare di Tezzeret inizia l’invasione, trasportando il suo esercito di Eterni da Amonkhet al piano delle Gilde. Ral Zarek, che lavorava per Bolas, restando però segretamente fedele a Niv- Mizzet, raduna Planeswalker da tutto il multiverso attivando il Faro Interplanare, con l’intento di combattere la minaccia incombente.

La mossa di Ral, tuttavia, non fa altro che favorire il piano del Drago Antico, che ha bisogno di raccogliere numerose scintille di Planeswalker per lanciare la Elder Spell, che gli garantirebbe di ristabilire il suo antico potere. Grazie al Sole Immortale i Planeswalker sono ora intrappolati su Ravnica, in balia del proprio destino.

Story Spotlight: Act 2

La guerra impazza e Gideon comanda la resistenza di Ravnica, alla quale si unisce anche Nissa, che aveva predentemente abbandonato i Gatewatch all’inizio degli eventi di Dominaria. Bolas lancia nella mischia gli Dei di Amonkhet trasformati in Eterni e si appresta a completare la Elder Spell.

Story Spotlight: Act 3

Ha inizio l’assalto finale alla cittadella di Bolas. Gideon tenta di uccidere il Drago con l’antica spada Blackblade, fallendo nel tentativo. Successivamente veniamo riportati ai fatti narrati nel bellissimo trailer rilasciato qualche settimana fa.

Liliana, costretta a comandare l’armata di non morti di Nicol Bolas, tradisce il suo padrone e si prepara a subire le conseguenze della sua azione.

Gideon salva Liliana estendendole la sua invulnerabilità, ma muore subendo le conseguenze del Patto Demoniaco di quest’ultima.

Niv- Mizzet, precedentemente ucciso da Bolas, viene resuscitato e diventa il Patto delle Gilde Vivente. Intanto Liliana, controllando gli Dei Eterni Bontu e Oketra tenta di rimuovere la scintilla di Nicol Bolas, che fugge sul suo Piano di Meditazione.

Qui viene imprigionato per l’eternità da Ugin. Ravnica e l’intero multiverso sono salvi e Kaya presta giuramento, entrando a far parte dei Gatewatch.

Il romanzo di Greg Weissman

Per la prima volta da otto anni a questa parte, la storia completa non verrà raccontata sul sito della Wizards con la classica cadenza settimanale, ma sarà raccolta in un libro scritto da Greg Weissman, la cui uscita è prevista per il 23 Aprile 2019. Tuttavia alcune copie sono state consegnate con una settimana di anticipo, e un utente Reddit ne ha rivelato alcuni punti salienti; eccoveli riassunti:

  • Domri era intento a mettere in salvo gli innocenti, ma quando Bolas evoca gli Dei Eterni giura fedeltà a quest’ultimo
  • Jace, Vraska e Ral completano il piano di Niv-Mizzet, quest’ultimo torna in vita e diventa il Patto delle Gilde Vivente.
  • Chandra sconfigge Dovin, rendendolo cieco, e distrugge il Sole Immortale.
  • Il tradimento di Liliana e la morte di Gideon, come già rivelato negli Story Spotlight.
  • Jace e Vraska si baciano.
  • Tezzeret perde il suo braccio metallico a causa di una bomba e fugge su Amonkhet.
  • Hazoret consegna la sua lancia a Samut, che a sua volta la lascia utilizzare a Niv-Mizzet contro gli Dei Eterni.
  • Liliana utilizza Bontu per rimuovere la scintilla di Nicol Bolas, nel tentativo di ucciderlo.
  • Ugin parla telepaticamente a Jace, dicendogli di non uccidere Bolas, per evitare che ritorni più forte di prima.
  • Niv- Mizzet decide di punire Ral, Vraska e Kaya. Ognuno di loro dovrà dare la caccia, rispettivamente, a Tezzeret, Liliana e Dovin e ucciderli.
  • Nicol Bolas fugge nel suo Reame di Meditazione, qui incontra il fratello Ugin.
  • Ugin dice a Bolas che il Reame di Meditazione era stato suo prima ancora che quest’ultimo diventasse un Planeswalker e che è stato lui a permettere la rinascita di Niv-Mizzet, con l’aiuto di Sarkhan.
  • Ugin rivela che la gemma tra le corna di Bolas contiene parte della sua anima, perciò aveva monitorato ogni singola mossa del fratello.
  • Bolas non può più lanciare magie.
  • Ugin rimuove entrambi i nomi di Bolas, così che non possa mai più essere evocato.
  • Il Reame di Meditazione diventa la prigione di Ugin e Nicol Bolas per l’eternità, nessuno può più entrare o uscire dal piano.
  • Ugin diventa il carceriere di Bolas ed espande se stesso lungo tutto il piano.

Uno sguardo al futuro

Questi sono in definitiva i punti più importanti della storia di War of the Spark di cui siamo a conoscenza, nell’attesa di leggere il racconto completo e scoprire magari il ruolo che avranno altri personaggi importanti quali Teferi o Karn.

La sconfitta, forse definitiva, del più antico villain della storia di Magic chiude così la lunga serie di racconti dedicati ai Gatewatch e apre alle speculazioni su quale potrebbe essere il prossimo arco narrativo. Al momento sappiamo che il libro di Greg Weissman avrà un sequel (previsto per l’autunno 2019) con protagonisti Kaya, Teyo, Rat (una sedicenne che fa da guida a Teyo al suo arrivo a Ravnica) e Liliana, affiancati da Jace, Ral Zarek e Vraska.

Tuttavia dopo tre espansioni ambientate su Ravnica è probabile che sia giunto il momento di cambiare aria, e che il prossimo set ci racconterà qualcosa di totalmente nuovo, o magari ci riporterà su qualche piano di vecchia conoscenza (New Phyrexia?).