<  Torna alla lista mazzi

Zetalot Control Priest S21

Mazzo creato 6 anni fa - Ultima modifica 6 anni fa
2
0

Introduzione

Il noto giocatore internazionale Zetalot sta giocando con questo nuovo deck Control Priest nella ventunesima stagione di Hearthstone.
L’archetipo del deck è il solito ma è caratterizzato da alcune carte introdotte con la nuova avventura come TumulazioneCuratore del Museo.

Il deck che vi presentiamo qui è una lista che si è rivelata estremamente competitiva sia nei tornei che nelle partite classificate di Hearthstone.
Il costo necessario alla sua fabbricazione è di circa 3880 Polveri Arcane. Dotato di estrema solidità e delle caratteristiche basilari di ogni deck in dotazione ad Anduin.

Gameplay

Come ogni altro mazzo Control del Sacerdote, anche con questo dovrete occuparvi del board control attraverso le vostre rimozioni o “rubando” le creature avversarie al vostro nemico mediante l’utilizzo di carte come la Cabalista dell’Ombra.

Durante l’early game è decisamente preferibile contare sull’indiscussa potenzialità che la carta Chierica della Contea è in grado di esprimere facendo solo attenzione a non avvicinarci, pericolosamente, alla soglia di 10 carte nella propria mano.

Nella parte più avanzata della partita (il Lategame) avrete a disposizione l’affidabile e concreta Tumulazione che vi garantirà la possibilità di rimuovere e fare vostra una creatura avversaria.

La carta Bomba Fotonica è una carta molto buona in questo meta per rimuovere le tante minacce avversarie.

Mulligan

Da tenere di prima mano sono preferibili le seguenti carte: Masticatore Zombi, Parola del Potere: Scudo, Chierica della Contea, Piromante Selvaggio e Curatore del Museo.

Contro gli aggro potrebbe essere positivo pensare di tenere anche Circolo di Guarigione e/o Vestale Auchenai cosi da sperare di avere, entro il turno 4, una rimozione aoe che possa permettervi di infliggere un importante colpo al vostro avversario.

Scartate tutte le carte che costino più di 3 mana (ad eccezione della Vestale Auchenai come dicevamo un rigo sopra).