Torna alla lista mazzi

[Witchwood] Miracle Priest

Mazzo creato 4 anni fa - Ultima modifica 4 anni fa

1

0

Introduzione

Come tutti i miracle decks, l’intento del mazzo è ciclare carte in cerca di combo o di potenziali swing turn.
Il deck in sè è molto complicato, uno dei più difficili che io abbia mai giocato; non fatevi ingannare se, provando il deck, i risultati non saranno subito positivi.

Quali sono i matchup favorevoli per questo deck? In generale i mazzi piu lenti, e in base al meta che affrontate potete anche pensare di techare doppio mass dispel (per meta di lock ecc). Contro aggro è fondamentale il mulligan di Pyromancer e un early game solido (cleric la maggior parte delle volte).

Gameplay

I primi turni del mazzo sono di solito una corsa alla sopravvivenza e al cycle di carte. Le combo migliori per questo sono Cleric + Circle (su pezzi danneggiati magari dal proprio pyromancer post-clear, ecc).

Il mid game si apre con l’Injured Blademaster, minion fortissimo nel contesto di questo mazzo.

Contro mazzi lenti è spesso indispensabile fare il turno ‘miracle’ Radiant + Lyra (spesso radiant + radiant, in alcuni casi addirittura radiant + radiant +lyra + vivid nightmare su un radiant per ciclare spells fino a 3 mana, per 0 mana).

Ma quindi, come vince il mazzo? Bhe, non è così semplice, ogni partita è letteralmente diversa, dipende dalle situazioni. Per questo il deck è così PESANTE da giocare per un giocatore poco esperto, non esiste un gameplan lineare da seguire (quindi è divertente!! :D).

Mulligan

Cleric è keep in ogni matchup.

Circle dipende dall’oppo e dalla propria mano (ad esempio, contro aggro si può pensare di tenere Auchenai + Circle, contro control si può pensare di tenere Cleric + Circle, ecc).

Contro aggro (soprattutto paladin) è FONDAMENTALE mulligare per Pyromancer.

Di solito non è consigliato tenere i Radiant Elemental, fatelo se siete sicuri che il matchup sia così lento da non andare a cercare draw engine.

Sostituzioni

Il deck è veramente cheap, non sono possibili sostituzioni.