Torna alla lista mazzi

Warlock Happy Ghoul di Sjow

Mazzo creato 4 anni fa - Ultima modifica 4 anni fa

1

0

Introduzione

Questo mazzo è stato giocato qualche giorno fa in Legend dal celebre Sjow ed ha immediatamente catturato l’attenzione di tantissimi giocatori. Tra questi anche Wolcat che infatti ha anche parlato del mazzo in questione sul sito ufficiale del suo Team, i Qlash.
Proprio per questo abbiamo deciso di riportare le parole del celebre pro italiano: vi auguriamo una buona lettura ed un buon divertimento!

Il mazzo che vi presento, è l’Happy Lock di Sjow, mazzo con cui ha toccato la top 20 più volte in quest’ultima settimana e che ha accompagnato anche me fino alla top 300.
Perché “Happy”? Da quando “Happy” è un archetipo?
Non lo è, trattasi di un “inside meme” della twitch chat del player svedese, che quando esegue una giocata particolarmente forte avvalendosi del portentoso Ghoul Felice, esplode in uno spam di “:)”.
Questa carta, assieme all’eroe corrotto Gul’Dan il Razziasangue, rappresenta una delle win condition del mazzo, che potremmo sì definire un Control, tutto sommato, ma che è particolarmente agile nel mettere pressione con la sua curva di mana ricca di minion, rendendolo forse più simile a un Midrange. Il dibattito è aperto.

Mulligan

Non semplicissimo: questo è uno di quei mazzi con un ampissimo ventaglio di possibilità, pertanto il mulligan è molto differente a seconda che si affronti un deck aggressivo o passivo.
Nota di rilievo: partire con un mulligan antiaggro, quando non sapete per certo cosa giochi l’avversario, è sempre bene. Potete correre ai ripari e cercare le vostre carte chiave per matchup vs control semplicemente tappando nei turni iniziali.

VS deck aggressivi

Prendo in considerazione l’archetipo più popolare di ogni classe: Rogue (solitamente Tempo), ShamanHunterWarlockWarrior e Paladin – questi ultimi tre sono spesso Tempo/Keleseth, quindi tendiamo a mulligare aspettandoci siano mazzi veloci.
Se sapete per certo che l’avversario è Control, fate sempre in tempo a usare l’hero power per ricercare Draco del Crepuscolo, che sarebbe la carta regina del mulligan vs Control.)
La chiave è ricercare una “power play” (gergo piuttosto auto-esplicativo: trattasi di una giocata particolarmente forte che vi consenta di dettare il passo di quella fase della partita) da early game, come Signora delle Pozioni a t1 –> (tap se non hai carte giocabili), t2 trade, attivi Deathrattle, giochi Ghoul Felice a 0 mana, doppio minion a 1 mana / coin + Difensore di Pietrasalda.
Da tenere con priorità assoluta: Spira Letale, Ombra del Vuoto, Signora delle Pozioni. Se avete coin e/o possedete già una di queste carte, considerate di tenere Difensore di Pietrasalda, Ghoul Felice e Profanazione; se proprio avete tutto quanto citato sopra, anche Fuoco Infernale non è male.

Vs deck passivi

Mage (quasi sempre Quest, giocate pure il matchup ma solo perché c’è quella chance su mille che l’Arcimago Antonidas sia ultima carta, o che vediate Talpa di Fogna da Difensore di Pietrasalda, altrimenti è persa di default), PriestDruid.
Contro Prete e Druido diventa prioritario tenere Draco del Crepuscolo, più qualche minion dei sopracitati per MU (diminutivo di “matchup”) aggro.
Contro Prete, nello specifico, è sempre da tenere Gul’Dan il Razziasangue. Non scherzo, tenetelo di mulligan: o lo vedete, o rischiate di perdere un MU altrimenti favorevole.
Contro Druido non “innamoratevi” di Geist Predatore al mulligan, perché che lo vediate o no, il game si disputa in early, dovete tenere la board per poi fare Geist, e da lì “remare” contro la corrente di Jade che vi picchieranno nel muso. Molto sfavorevole come matchup, quello con Druid: serviranno tante giocate chiave in sequenza. Lottate per difendere ogni vostro singolo minion.

Fonte: Qlash.gg