<  Torna alla lista mazzi

Paladino Geradin

Mazzo creato 6 anni fa - Ultima modifica 6 anni fa
10
5

Introduzione

Il Paladino Geradin sta riscuotendo un incredibile successo all’interno della community di Hearthstone al punto che Savjz, celebre giocatore del Team Liquid, lo sta usando durante le sue partite nei tornei più importanti e nelle partite classificate. Quello che però ancora non vi abbiamo detto è che il Geradin è stato creato da membro del nostro team Gera89, uno dei giocatori più forti della scena italiana che conquista, ad ogni stagione a cui partecipa, rank altissimi nella top 100 europea!
Per poter costruire questo deck vi serviranno 9100 Polveri Arcane; un costo comunque contenuto se si considera l’esperienza che il deck, specialmente nelle partite classificate, è in grado di esprimere.

Gameplay

Deck solido ed incentrato sul gioco di tipo controllo, il Geradin si caratterizza per l’utilizzo che fa della carta leggendaria Kel’Thuzad in combo con le varie creature che il mazzo dispone. Come è facile intuire il vostro obbiettivo sarà quello di tenere il campo sgombro da ogni seria minaccia e guadagnare tempo, per poi utilizzare le vostre enormi bocche da fuoco.
Avete molte creature che vi aiutano a vincere gli scambi facilmente quindi l’avversario tenderà a fare largo uso di rimozioni su di esse. Come potete inoltre notare questa mazzo ha ben 13 carte tra due e tre mana, il che potrebbe sembrare un’anomalia per un mazzo control che fa del lategame la sua forza. Se però andiamo ad esaminare nel dettaglio le scelte ci accorgiamo che carte come Pacificatore di Aldor, Esperto di Caccia possano essere dei potenti removal/debuff anche se creature molto costose, Eguaglianza e Piromante Selvaggio costituiscono una devastante combo di rimozione.

Contro mazzi aggressivi si dovrà puntare a tenere il board libero da eventuali minacce attraverso l’uso di Spadone di Verargento o delle potenti rimozioni come Consacrazione o la combo Piromante Selvaggio + Eguaglianza. Sputafango è un’ottima provocazione contro questo tipo di mazzi in quanto gli dovrebbe richiedere discreti sacrifici, rallentando al contempo la loro manovra.
Contro mazzi control, invece, dovremo essere noi leggermente più aggressivi, disinnescando, di volta in volta, le loro minacce più consistenti con Pacificatore di Aldor ed Eguaglianza.

Segatronchi Pilotato e Supergolem Pilotato ci forniranno quella presenza sul board fondamentale per preparare al meglio l’arrivo dei nostri big che ci garantiranno, in modo inequivocabile, quell’output di danno mostruoso che solo carte come Dott. Boom, Kel’Thuzad e Tirion Fordring possono dare.

Mulligan

Sarà fondamentale capire al più presto che tipo di “mana-curve” (o se preferite approccio alla partita) ha il mazzo che vi trovate di fronte. Questo potrà essere early aggro, mid range o control. Questa selezione indica a grandi linee il momento della partita in cui mazzo da il meglio, ma possono esserci infinite sfaccettature e per questo sarà importante la vostra esperienza personale e la vostra voglia di informarvi sui canali giusti (il sito che state visualizzando ne è un ottimo esempio) su quale sia il meta attuale, specialmente se giocate a livelli di rank più alti. A volte basterà vedere l’eroe che abbiamo di fronte per capire cosa stiamo per affrontare, come ad esempio lo Stregone che, nel 90% dei casi, adotta tattiche estremamente aggressive (Zoo) o Control (Handlock).

In base al tipo di mazzo che affrontiamo sapremo gestire meglio la fase di Mulligan e le nostre scelte iniziali. Se, ad esempio, ci troviamo di fronte ad un mazzo che inizia ad utilizzare creature a costo 1 difficilmente avrà grosse risorse in endgame, quindi usare un Pacificatore di Aldor su un minion di piccola taglia non sarà uno spreco, poichè vi permetterà di avere presenza sul campo per ripararvi dai suoi letali attacchi iniziali. Se al contrario nei primi 3-4 turni l’avversario ha utilizzato spesso l’abilità eroe sta probabilmente puntando al dominio lategame e dovrete essere bravi a non sprecare debuff e rimozioni sulle prime minacce, e, parallelamente, essere bravi a giocare voi delle “esche” perchè lo faccia l’avversario.

Il Mulligan

Tenete sempre le rimozioni se pensate di avere di fronte un mazzo aggro. Anche il Pacificatore di Aldor è una carta che conviene sempre tenere in mano.
Occhio ai doppioni: avere due Eguaglianza o due Piromante Selvaggio è ridondante, toglietevene uno di mezzo.

Sempre contro aggro potrebbe essere una buona scelta tenere il Tecnocontrollore mentre carte come Minibot Scudato, Adunata Militare ed Accolito del Dolore si rivelano, nella stragrande maggioranza dei casi, come delle ottime scelte per la prima fase.

In linea di principio, poi, rimuovete qualsiasi cosa costi 4 mana o più.

Altro

+
La combo più temuta dal Paladino: spazzerà via dal board ogni creatura, comprese le vostre!

+
Con in Piromante in campo ogni vostra magia farà scattare il suo potere e infliggerà un danno globale. Molto forte contro mazzi aggressivi, dal momento che solitamente fanno uso di creature con pochi HP. Sfruttate queste combo al massimo se avete in campo un Accolito del Dolore.

+
Se vi servono 3 danni sulle creature avversarie li potete ottenere con questa combo. Attenti al danno di ritorno sulle vostre però! Se avete delle reclute in campo fatele prima attaccare.