<  Torna alla lista mazzi

Guida Malygos Druid

Mazzo creato 4 anni fa - Ultima modifica 4 anni fa
1
0

Introduzione

Ultimamente il Druido Malygos si è imposto come uno dei mazzi più competitivi del momento, sia tra gli alti rank della ladder che nelle competizioni ufficiali, proposto da 13 giocatori su 16 nell’ultimo torneo mondiale al Blizzcon. Si tratta infatti di un mazzo estremamente versatile e ben equilibrato in grado di giocarsela con tutti gli archetipi presenti nel meta attuale.

Stimolante e divertente da giocare, è perfetto per tutti i giocatori competitivi che cercano una ventata d’aria fresca dal popolarissimo Midrange Shaman. In rete è facile trovare liste egualmente valide per il Druido Malygos che differiscono tra loro per qualche carta, varianti causate dal meta e dallo stile di gioco preferito dal giocatore. Quella che vi propongo oggi è quella che considero la più efficace per scalare i rank delle partite classificate.

Strategia Generale

Uno degli errori più comuni che potrebbe commettere un giocatore poco familiare con questo mazzo è quello di considerarlo un Mazzo Combo il cui scopo finale è un OTK (One-Turn-Kill) utilizzando Malygos.

È più corretto considerare questo mazzo come un classico Druido Ramp, che presenta in Malygos un’ulteriore Win Condition. Infatti le partite vinte unicamente grazie al dragone leggendario saranno meno della metà, benché presti il proprio nome alla lista. La strategia che dovrete mettere in atto è quella di utilizzare carte come Innervazione, Crescita Rigogliosa e Custode della Palude nei primi turni di gioco per imporre il prima possibile il controllo del campo e sopraffare l’avversario con grossi servitori, magie di rimozione e giocate tempocon Fandral o Innervazione.

Generalmente il vostro focus dovrà essere a tutti i costi il controllo del campo. Solamente una volta ceduto il campo all’avversario inizierete a sentirvi davvero in difficoltà, ma per fortuna le possibilità di recupero sono molteplici grazie alle numerose magie e le combo come Draco di Zaffiro + Spazzata. È proprio per questo motivo che uno degli aspetti più intriganti di questa lista sarà ritrovarsi ogni turno di fronte a scelte tutt’altro che ovvie, che affinerete grazie all’esperienza di gioco. Spesso vi ritroverete a dover decidere se utilizzare le vostre magie come rimozioni o attendere l’arrivo di Malygos per chiudere la partita, come utilizzare l’Idolo del Corvo o le Radici Viventi.

Questo mazzo è sorprendentemente versatile e la risposta migliore dipenderà unicamente dal matchup e dalla situazione in partita. Con così tante carte di manipolazione del mana, è importante pensare attentamente anche ai turni successivi per massimizzare l’efficacia del mazzo. Ad esempio riflettete attentamente prima di utilizzare due Innervazione per poter giocare un grosso servitore se poi per i due turni successivi vi troverete a secco di opzioni. Ricordate inoltre che in mancanza di altri acceleratori è una giocata del tutto legittima scegliere di fare Ramp con Nutrizione piuttosto che usarla per pescare.

Riflettete bene su come gestire le vostre risorse ogni partita e presto con l’esperienza vi troverete in mano uno tra i mazzi migliori di sempre del Druido. Se siete spaventati dalla cosiddetta “curva di apprendimento” di questo mazzo, non preoccupatevi, ci sono io a darvi una spintarella nella giusta direzione.

Mulligan e Matchup

In questa sezione della guida vorrei darvi una idea generale di come aggiustare il proprio approccio al mulligan e alla partita in base all’avversario. Siccome accelerare la curva il prima possibile è vitale, spesso e volentieri non abbiate paura di scartare anche carte come Ira Silvana o Radici Viventi in cerca di Crescita Rigogliosa, Innervazione e Custode della Palude, per quanto possa sembrare una scelta poco saggia. Con le dovute eccezioni, in molti matchup sarà la scelta più efficace.

Generalmente durante la fase di Mulligan dovrete comportarvi pensando di essere contro l’archetipo più comune della classe che state affrontando.

  • Guerriero La maggioranza dei guerrieri che incontrerete saranno per lo più Control, per cui dovrete cercare di spremere il value dalle vostre carte il più possibile. Non tenete mai Idolo del Corvo, in quanto preferirete usarlo più avanti per rinvenire un servitore grosso come ulteriore minaccia oppure in combo con Fandral. Se dovesse capitare di trovarvi con Radici Viventi, non usatele mai al turno 1 in quanto Ghoul Famelico e Accolito del Dolore sono sempre presenti nei mazzi guerriero. Cercate di sprecare meno risorse possibili.
  • Cacciatore Radici Viventi è fantastica in questo matchup, in quanto aiuterà moltissimo sia nel controllo del campo i primi turni che a disinnescare i segreti senza problemi. I cacciatori non avranno risposte adeguate. Cercate di prendere meno danni possibili e di stabilizzare il campo, superati i turni iniziali dovreste prendere il sopravvento.
  • Ladro Generalmente contro i ladri la chiave sarà riuscire a fare ramp il più possibile, per cui dovreste considerare di tenere Idolo del Corvo per avere più possibilità di rinvenire Crescita Rigogliosa nei primi turni.
  • Stregone Contro gli stregoni è assolutamente vitale non lasciare che gli Zoo prendano il sopravvento sul campo, per cui questo è uno di quei matchup in cui bisogna considerare di tenere carte come Ira Silvana o Spazzata, soprattutto se avete una buona mano iniziale. In caso abbiate la moneta e una buona mano, riflettete anche sulla possibilità di tenere Draco di Zaffiro + Fuoco Lunare. Se riuscirete a usare Innervazione su un servitore potente vi troverete in una buona posizione. Così come contro molti altri mazzi aggressivi, non abbiate paura di usare le vostre magie aspettando Malygos, raramente vi sarà vitale per vincere, l’importante è non lasciare che la loro aggressione vada fuori controllo.
  • Sciamano Come molti di voi sapranno, il Midrange Shaman è uno dei mazzi più popolari e più efficaci in circolazione, considerato da molti il migliore in assoluto. Il Druido Malygos, se giocato con esperienza e consapevolezza, è uno dei pochi deck che può tenergli testa e risultare in un 50/50 a pari condizioni. Cercate di fare più ramp possibile per mettere lo sciamano sotto pressione e sfruttate al meglio le vostre rimozioni. Draco di Zaffiro + Spazzata può cambiare l’esito della partita. In questo matchup è necessario che si peschi decentemente (più del solito), quindi considerate anche giocate rischiose credendo “nel cuore delle carte”. Spesso ne varrà la pena. Probabilmente il matchup più complicato per chi ha poca familiarità con il druido.
  • Mago Il mazzo più comune è sicuramente quello Tempo. I primi turni sono importanti, se riuscirete a tenere vuoto il loro lato del campo alla lunga vincerete senza problemi. Tenete assolutamente Ira Silvana e considerate di tenere anche Radici Viventi come rimozione, ma non giocatela mai al turno 1 in quanto contro Missili Arcani e Destafiamme sarà sprecata.
  • Druido Generalmente chi riuscirà ad accelerare la curva di più si ritroverà in una posizione di vantaggio. Tenete Idolo del Corvo per cercare ulteriori Crescita Rigogliosa e Innervazione. Dopodiché cercate di soppesare le vostre scelte per ottenere il meglio da ogni carta. Sfruttare al massimo Sylvanas e Concimazione al momento giusto potrebbe fare la differenza.
  • Paladino Contro i paladini concentratevi sull’accelerazione della curva, grazie ai vostri servitori ad alto costo dovreste riuscire a metterli in difficoltà. In quanto pieni di risorse e di cure cercate di pianificare un burst improvviso con Malygos per chiudere la partita prima che riescano a curarsi troppo. Questo discorso vale anche contro mazzi che utilizzano Reno Jackson (del Paladino e non), che potete riconoscere con un po’ di buon occhio. Ricordate che è possibile usare carte come Concimazione sulla propria Sylvanas per prendere il controllo di Tirion o qualche altra minaccia.
  • Sacerdote Ammesso che tutto vada bene, cercate di attenervi al solito piano e dovreste avere pochi problemi contro i sacerdoti. Prima o poi otterrete il controllo della partita e riuscirete a sopraffarli.

Sostituzioni

Molti di voi avranno notato l’assenza di Thalnos dalla lista, sostituzione che considero assolutamente valida ma che spesso viene fatta a discapito di un Custode della Palude, che ritengo particolarmente importante in quanto il Ramp è un aspetto fondamentale di questo mazzo.

Provate entrambe le possibilità per soddisfare il vostro stile! Molti giocatori si sentiranno più al sicuro con l’innesto di un Portale: Radaluna, ma ritengo che nel meta attuale non sia particolarmente necessario e sia invece più versatile ed efficace una grossa Provocazione come Antico della Guerra. In caso di mancanza di Antico della Guerra, potete affidarvi al solido Orrore del Pantano.

Se vi sentite baciati dalla fortuna o volete un po’ di divertimento e imprevedibilità, provate ad inserire Yogg-Saron. Con questo è tutto, spero che questa guida vi aiuterà ad usare un mazzo che vi stimolerà ad usare di più la testa e sentirvi più coinvolti nel gioco!