Torna alla lista mazzi

Cubelock – Guida introduttiva

Mazzo creato 4 anni fa - Ultima modifica 4 anni fa

5

0

Introduzione

Il Cube Warlock, deck tra i più popolari negli ultimi mesi, rimane una valida scelta anche dopo la patch del 22 Maggio.

È un mazzo molto versatile che può vantare una combo molto aggressiva – Doomguard + Umbra + Carnivorous Cube – e permette di poter giocare una partita più di controllo grazie all’aiuto fornitoci dai demoni presenti nel mazzo.

Gameplay

Prima di tutto, con questo mazzo, non devi aver paura di infliggerti danni (senza esagerare) con il potere eroe o Kobold Libarian (soprattutto perchè quest’ultimo potenzia lesser amethyst spellstone se è presente nella tua mano).

– Usa Possessed Lackey e Skull of the Man’ari per evocare i Voidlord e Doomguard (senza scartare carte!).

– Evita quindi che il Lackey venga silenziato, giustiziandolo con Dark Pact.
– La principale combo si basa su Carnivorous Cube e Doomguard.

– Come per il Lackey, bisogna evitare che il Cubo venga silenziato, quindi facciamo uso di Dark Pact.

– Ricordati sempre di quanti (e quali) demoni sono morti, Bloodreaver Gul’dan li farà tornare in campo (le Doomguard evocate con quest’ultimo possono settare lethal).

– È importante saper fare i giusti calcoli con Defile e Lord Godfrey.
– Ricordati che i Voidwalker possono essere evocati da Bloodreaver Gul’dan.

Azari, the Devourer può essere evocato da Skull of the Man’ari e, nel caso, perderebbe il suo grido di battaglia.

CARTE CHIAVE:

Skull of the Man’ari: Evoca i tuoi demoni e rimane nel tempo.

Bloodreaver Gul’dan: Che dire? Ripopola la tua board, può essere letale grazie ai Doomguard e sblocca un potere eroe davvero fortissimo.

Dark Pact: Utile per attivare Carnivorous Cube e Possessed Lackey, oltre che per curare.

SpiritsingerUmbra: Utilissima per la combo del cubo, o addirittura come “bluff” per attirare una rimozione nemica.

Mountain Giant: Estremamente forte contro mazzi lenti.

Hellfire, Defile, Lord Godfrey: Grande potenza di board cleaning.

Mulligan

Kobold Librarian Possessed Lackey

Contro Deck Aggro:

Doomsayer
Defile

Contro Deck Mid/Control

Skull of the Man’ari
Mountain Giant

Suggerimenti vs Aggro

  • Cerca di tenere sempre un buon controllo della board, lo scopo è di arrivare in late game.
  • Ottimizza le tue possibilità di board cleaning.

Suggerimenti vs Midrange/Control

  • Cerca di pescare molte carte
  • Sfrutta al meglio i cubi

Sostituzioni

Il Cubelock è un mazzo con molte varianti, andiamo a vedere quali carte possono essere inserite:

Prince Taldaram: Questa carta è molto versatile, può essere utilizzata per copiare un Cubo, per copiare una Doomguard e quindi aumentare i danni quando giocheremo Bloodreaver Gul’dan oppure aumentare il nostro potenziale difensivo contro aggro copiando un Voidlord, rendendoci meno suscettibili a silenzi o rimozioni a target singolo.

Plated Beetle: Possibile scelta se incontriamo molti mazzi aggro.

Gnomferatu: Meno forte del Beetle contro aggro, ma interessante nei matchup dove affrontiamo mazzi che dipendono da detarminate carte per vincere.

Twisting Nether: Rimozione di massa che può tornare utile, da considerare un possibile turno con Nether + Doomsayer per avere una board pulita su cui giocare, nel turno successivo, Gul’dan.

Lich King: Carta dal valore altissimo, le carte che riceviamo in mano potrebbero dare una svolta alla partita.

Rin, the First Disciple: La chiave di volta per vincere matchup lenti, se sappiamo di dover utilizzare il grido di battaglia di Azari è fondamentale non equipaggiare l’arma.

Shroom Brewer: Carta molto solida, utilizzabile sia per curare il nostro eroe oppure per curare un nostro minion dopo un trade, rendendo più stabile la nostra board.

Matchup

  • Odd Paladin: Grazie alle rimozioni e ai Doomsayer il Cube Warlock riesce a tenere a bada la board nei primi turni, per poi mantenerne il controllo grazie a dei trade favorevoli o semplicemente con la presenza dei Voidlord in campo. Nel mulligan andremo a cercare Defile, Hellfire o Stonehill Defender e Plated Beetle se giocati.
    Bisogna fare attenzione a giocare attorno a Divine Favor, evitando di far pescare al nostro avversario molte carte, quindi non bisogna abusare del Potere Eroe.
  • Tempo Mage: Purtroppo, non abbiamo abbastanza cure per sopportare tutti i danni dell’avversario, quindi la nostra vittoria si basa sul battere il nostro opponent prima che lui batta noi. La presenza di Counterspell inoltre rende molto difficile – se partiti senza coin – rimuovere la board avversaria. Nel mulligan andremo a cercare Doomsayer, Hellfire e le Spellstone.
  • Odd Rogue: Per vincere questo matchup abbiamo bisogno dei Voidlord e di molte rimozioni. Il quantitativo di danni che il Rogue può esprimere non va sottovalutato, e vanno tenuti a mente quanti Cold Blood gli rimangano da giocare onde evitare di perdere da Leeroy e questi ultimi (per un totale di 14 danni, 16 con un colpo d’arma.). Nel mulligan andremo a cercare Doomsayer e Defile per controllare la board nell’early game.
  • Shudderwock Shaman: La parola chiave di questo matchup è: pressione. Nel mulligan andremo alla ricerca di Mountain Giant e Skull of Man’ari, cercando di forzare risposte da parte dell’avversario e impedendogli di giocare i pezzi necessari per la combo. L’obiettivo è quello portarlo in range delle nostre Doomguard e finirlo prima che lo Shaman assembli la combo con Shudderwock. Attenzione a Hex, rimozione che se usata su una Doomguard non la farà tornare in vita da Gul’dan.
  • Token Druid: Il Cube Warlock è uno dei pochi mazzi che non teme le insidiose board che questo Druid può generare. Durante la partita ci interesserà tenere sempre la board pulita, avendo cura di utilizzare Defile specialmente dopo l’utilizzo di Soul of the Forest da parte del nostro nemico, in modo da non lasciare possibilità di OTK. Un’altra piacevole notizia è che, generalmente, i Token Druid non giocano silenzi o rimozioni per armi, e dovranno quindi spendere molte risorse per disfarsi anche di un solo Voidlord. Data l’assenza di un vero e proprio Early Game del Druid, nel mulligan potremmo essere più greedy e cercare non solo rimozioni, ma addirittura i giganti o i Lackey.
  • Taunt Druid: Altro matchup dove saremo noi a tentare di giocare la parte attiva nella partita, impegnandoci a tener sotto pressione il Druid con i Mountain Giant e le Doomguard. Purtroppo non abbiamo modo di evitare che Hadronox venga resuscitato da Witching Hour, rendendo di volta in volta più ostico disfarci della board avversaria e di conseguenza cercheremo di chiudere la partita il prima possibile.
  • Spell Hunter: Seppur meno favorito del Control Warlock, il nostro Cube non soffre moltissimo questo mazzo. Fondamentali gli Hellfire, che ci serviranno come risposta alle emeral spellstone nemiche. Se abbiamo l’arma equipaggiata nemmeno le Freezing Trap ci faranno troppa paura. Più problematico invece il Death Knight di Rexxar, che con le sue zombestie potrebbe metterci in difficoltà nel caso non avessimo risposte. Nonostante la value infinita che può generare il Death Knight nemico, dopo aver giocato Gul’dan dovremmo avere la strada spianata per la vittoria.
  • Miracle Rogue: Contro questo mazzo andremo a giocare difensivamente, dato l’elevato quantitativo di danni nel mazzo. La partita sarà decisamente in salita, la maggiorparte dei minion avversari hanno 4 di salute, rendendo gli Hellfire poco efficaci. A complicare le cose la presenza di Sap che andranno a rimuovere i nostri Voidlord efficacemente, a meno che non si sia equipaggiato Skull of Man’ari precedentemente.
  • Big Spell Mage: Se giochiamo Rin questo match sarà più semplice, tuttavia va considerata la presenza di Polymorph che può rimuoverla, oppure tramutare uno dei nostri demoni, rendendo così il nostro Gul’dan meno potente. Fare pressione con le Doomguard è uno dei modi che abbiamo per vincere.

Altro

Guida creata da Thund3r e Zargon del team Mkers – Lista di gabyHS59!
Patch 11.1.1.24589 – 22nd May 2018
Ultima modifica: 10/06/2018