Torna alla lista mazzi

Control Priest GUIDA

Mazzo creato 6 anni fa - Ultima modifica 6 anni fa

0

0

Introduzione

Il Control Priest è un deck che cerca di controllare il board fin dai primi turni, portando così l’opponent in late game e vincendo per l’esaurimento delle sue risorse. Questo deck è spesso avvantaggiato contro i deck aggro ma soffre i burst. Essendo un deck che vive di risposte andremo a vedere cosa fare in ogni match up.

Gameplay

PALADINO: i paladini presenti in ladder sono quasi sempre secret o murlocdin. Noi andremo a mulligare per secret (molto più presente). Cercheremo creature a basso costo (chierica, piromante, zombie, signore della morte) e scudo. In questo cercherò di controllare il campo prendendo dei trade favorevoli e utilizzando l’hero power quando possibile per favorirli. In questo MU inoltre è importante vedere la bomba fotonica, da tirare al turno successivo del loro dott. 6 (dove aver fatto attivare tutti i loro segreti!!). Contro murlocdin il MU è proibitivo. Possiamo vincere solo se l’avversario missplaya facendosi tumulare il condottiero murloc o il vecchio occhiobuio (che poi non andremo comunque a giocare!).

STREGONE: zoo e renolock sono gli stregoni più presenti in ladder e ovviamente noi andremo a mulligare per zoo. Anche qui hanno la priorità va alle creature a basso costo e lo scudo. Inoltre la vestale è una carta molto forte contro zoo, rappresenta un possibile board clear a t4 in combinazione col circolo. Con la moneta e drop bassi possiamo pensare di tenere il prescelto da velen. Altre carte forti in questo MU sono la cabala (capobanda imp, brann ,uovo di nerubiano, ragno infestato, creature potenziate da argus i bersagli) e bomba fotonica (se siamo contro ad uno zoo che gioca il doppio gigante di mare). Se zoo è un MU positivo non lo è invece renolock. In late game presentano jaraxxus (ostico al prete) e molti addirittura giocano la combo golem arcano/ leeroy + potere travolgente + senza volto mutante. Per vincere cerchiamo di prendere vantaggio board per poi shottarlo con vestale + cura rapida cercando di giocare intorno al suo reno.

SCIAMANO: in ladder è presente quasi unicamente la versione aggressiva di thrall. Il MU è equilibrato e riusciamo a vincere se controlliamo fin da subito il campo da gioco. Il prete soffre il burst dello sciamano, quindi dovremmo costringerlo a sprecarlo per recuperare il board. Il mulligan è lo stesso di secret e zoo. Il signore della morte e sputafango sono fondamentali per bloccare i colpi del martello (che lo sciamano terrà al mulligan se presente), così come la cabala sui lupi.

MAGO: se incontrate un mago in ladder probabilmente sarà un tempo mage o un freeze mage. Contro tempo abbiamo un MU positivo. Anche qui mullighiamo sempre per l’early game con particolare riguardo al prescelto . Tempo mage non gioca silence e se riusciamo potenziare uno dei nostri minion lo costringeremo a sprecare parte delle sue risorse per riottenere il tempo perduto. C’è da considerare che le risposte del tempo mage sono anche il suo burst; quindi (proprio come con lo sciamano) se i suoi danni vanno sulle nostre creature e non sulla nostra faccia saremo felici. Molto forte in questo MU è la combo vestale + circolo poiché tutti i suoi minion hanno 4 o meno di vita (eccezion fatta per boom, antonidas/ragnaros). Anche la cabala è da considerarsi fondamentale poiché ci permette di sottrargli il destafiamme. Passiamo (nuovamente) da un bel match up ad un brutto match up, il freeze mage. In questo caso dobbiamo cercare di mettere sotto pressione il freeze giocando le nostre creature in curva ed accumulando danni. Purtroppo non abbiamo risposte vere e proprie al loro vate e quindi ci ritroveremo ad usare la tumulazione su di esso per mantenere il campo (unica, o quasi, fonte di danno che possediamo). Per vincere questo game inoltre sarà necessario vedere la giustiziera che ci permetterà, grazie al potere eroe potenziato e alla doppia cura rapida, di contrastare l’effetto della loro alex (recuperiamo difatti 14 pf sui 15 perduti).

DRUIDO: Contro il midrange druid abbiamo un MU equilibrato. Se siamo in grado di controllare il suo campo riusciremo anche a limitare i danni della sua combo (ruggito selvaggio e forza della natura ) a cui dovremmo sempre girare intorno. Oltre ai minion prescelto si rivela una carta molto forte in quanto ci permette di fare trade favorevoli ed è counterabile dal solo custode. Se durate la scalata trovate molti druidi vi consiglio di togliere una tumulazione in favore in sylvanas e i prescelti con il maestro di spade. So che ho detto che il prescelto è forte, ma fare maestro + circolo è quasi easy win contro druido. Difatti questa combo non è silenziabile dal loro custode al contrario di drop basso + prescelto.

CACCIATORE: in questo meta troveremo soprattutto face hunter e hybrid hunter. Contro di loro il match up è buono, soprattutto se al mulligan riusciamo a vedere piromante + magie a costo basso (molti dei loro servitori hanno 1 di vita) e zombie/chierica/signore della morte. Contro il cacciatore dobbiamo stare attenti a giocare la nostra vestale visto che non ci permetterà di curarci e non vedremo mai minion avversarsi con stats sufficienti a poterla sacrificare traddando. In caso di midrange hunter andremo a usare le tumulazione sull’altocrine.

LADRO: ladro è sempre stato, ed è tuttora, un brutto MU per prete a causa del suo burst. Contro di lui cercheremo il signore della morte al mulligan (molto forte in quanto soffre solo il tramortimento) e cercheremo di togliere sempre i pezzi dalla sua board per non farlo scombare con il tecnofluidificatore. Anche la bomba fotonica è molto forte contro ladro in quanto molti suoi servitori hanno atk ≥ def (edwin, draco, agente, veggente, boom, segatronchi ). Più portiamo il game in late e più abbiamo speranza di vincere poiché il nostro potere eroe ha più valore di quello del ladro (soprattutto dopo aver giocato la giustiziera). Se con oil rogue il MU è comunque fattibile con una bella mano, con malygos rogue il MU diventa quasi infattibile. Bomba fotonica rimane ancora molto potente (banditore di meccania, imperatore thaurissan) e rende la copertura inutile ma il burst di questo deck rimarrà comunque troppo grande per noi.

GUERRIERO: vista la numerosa presenza di paladini e druidi spesso ci ritroveremo a fronteggiare un patron warrior. Questo è un buon match up in quanto possediamo numerose AOE (bomba fotonica, vestale + circolo, prescelto + esplosione sacra) per counterare il loro spam di clienti torvi. Il MU contro control warrior è invece più complicato. Lui vorrà instaurare un fatigue game per sfruttare il suo grande accumulo di armor. Ad agevolarci noi avremo il signore della morte (una carta in meno nel loro deck, gridi di battaglia che potrebbero non attivarsi come giustiziera e la nana in caso di una loro fuoriuscita) e la tumulazione (rimozione e carta in più nel nostro deck). Contro warrior trova grande valore il curatore del museo che ci permette di avere 2 servitori per 1, così da poter prendere dei minion “pesanti” (nella speranza che escano ovviamente) che noi nel deck non abbiamo.

PRETE: I mirror di prete dipendono molto dalla lista dei due control priest. Questa che è stata postata si tratta di una lista standard ma spesso variano da giocatore a giocatore. In questo caso noi andiamo a tenere sempre prescelto al mulligan poiché ci permetterà di mettere una presenza importante sul board a cui il nostro avversario difficilmente troverà una risposta nel breve periodo. Infatti signore della morte + prescelto = win se l’avversario non riesce a pescare la tumulazione. Essendo deck pieni di AOE non andremo a giocare subito tutte le nostre creature ma cercheremo di forzare le sue bombe fotoniche o vestali + circolo in modo che non ottenga valore da queste giocate. Non avendo elise nel deck una nostra possibile win condition è rappresentata da vestale + zombie + circolo + potere eroe aumentato + cura rapida x2 = 24 danni . Ovviamente non sarà sempre possibile fare ciò, ma in MU dove spesso andremo alla fatica (e quindi pescheremo tutto il mazzo) sono cose da considerare; anche solo vestale + hero power aumentato + cura rapida x2 sono 14 danni (e non è così infattibile in un mirror). Se invece ci ritroveremo davanti un dragon priest il MU è molto più semplice, visto che basterà controllare il suo campo con le nostre rimozioni senza doverci preoccuparci di burst improvvisi come la combo del druido. Mi raccomando di giocare in modo da preservare una tumulazione su ysera, se quella carta rimane in campo andremo a perdere quasi sicuramente.