Torna alla lista mazzi

Control Mage Fatigue

Mazzo creato 7 anni fa - Ultima modifica 7 anni fa

3

0

Introduzione

Nell’ultimo periodo il meta ha spinto i giocatori a sfruttare nuove caratteristiche delle carte che combinate tra loro possono sfruttare uno dei sistemi più letali per infliggere danni: la pesca delle carte sotto affaticamento.
Lo scopo del mazzo, in maniera simile alla versione druido è quella di portare l’avversario a consumare tutte le carte, costringendolo a pescare e osservandolo soccombere mentre l’ultima carta gli toglie la vita.

Per fare questo è necessaria molta attenzione, non bisogna mai sprecare le carte e giocare in modo da ottenere il maggior beneficio possibile.

Gameplay

Una delle prime domande che viene da domandarsi con un mazzo di questo tipo è: come diavolo faccio a far finire le carte all’avversario senza finire le mie?
La risposta a questo quesito si cela dietro il sapiente utilizzo di Duplicazione e Eco di Medivh. Altra carta importante per lavorare bene l’avversario sfruttando la difesa come attacco è il Signore della Morte, che priverà di una carta in più alla sua morte, opponendo una certa resistenza.

In ogni caso questo è un vero e proprio mazzo Control; spingere l’avversario verso la fine delle carte è un’operazione che richiede determinazione e pazienza e una perfetta memorizzazione delle carte uscite.

Bloccare l’attacco dell’avversario risulta fondamentale nelle prime fasi di gioco, per questo ad aiutarvi c’è la Pecora Esplosiva attivabile anche dandole fuoco direttamente con il potere eroe e garantendo 2 danni sulla board. Non scordatevi però che i servitori presenti sono limitati, quindi ogni cosa va usata con parsimonia sfruttando al massimo scambi molto favorevoli.

Tenente presente che avrete a disposizione 2 coni di freddo per rallentare l’avversario, nel turno successivo potrete sempre togliere dalla board creature che son rimaste con un punto ferita, sfruttando la pecora al turno successivo.

Nella fase più avanzata avrete a disposizione una combo interessante, quella del Vate della Rovina + Esplosione Gelida, ricordatevi però che nonostante siano tanti 7 punti ferita da eliminare esistono diverse combinazioni che possono mettere in ginocchio il nostro simpatico Vate: ponderate quindi e cercate di far sprecare all’avversario quante più carte che possano nuocere alla sua salute, Gufi, Silenziatori vari, fate attenzione anche alla magia da 1 che inverte attacco/vita, con l’avvento di GvG e dell’ondata Robot sempre più spesso le Spare Parts producono effetti indesiderati che potrebbero rendervi la vita difficile.

A completare il quadro abbiamo Tormenta che oltre a bloccare può fare la festa alle creature 2/2 e la sempre valida Colonna di Fuoco.

Sfruttate l’Eco di Medivh e duplicazione soprattutto con il Curabot Antico e il Signore della Morte, in modo da garantirvi un riciclo delle creature il più ampio possibile.
Quando sarà il momento calerete Alexstrasza e grazie a una sapiente combinazione di Oracolo Lucefredda e delle carte che avrete fatto scartare al vostro avversario inizierete a vedere i benefici del deck.

Mulligan

Cercate di prima mano il Signore della Morte e le Pecore, Duplicazione e il Dardo di Gelo.
conservate Metamorfosi per i pezzi grossi o per le creature che vi stanno impedendo di arginare i danni, e il Dardo di Gelo per altre creature con 3 di vita ad esempio il Lanciatore di Coltelli o altri Robot con Rantolo di Morte evoca servitori random.

Matchup

Soffrirete con il Druido Combo, contro gli Handlock, vi troverete a soffrire un po’ meno contro il Mech Mage e simili. La faccenda inizierà a migliorare con il Druido Ramp, con il Guerriero in generale e contro il Cacciatore.

Sacerdoti, Paladini e Mazzi sciame (zoo) di ogni tipo saranno la vostra portata principale, degustate quindi con moderazione senza abbuffarvi!

Altro

i credit per questo mazzo vanno principalmente a Reynad e a Savjz e qualcuno che forse mi sono perso per strada 😉