<  Torna alla lista mazzi

Combo OTK Velen Priest

Mazzo creato 4 anni fa - Ultima modifica 4 anni fa
1
0

Introduzione

Questa lista si focalizza interamente sull’uccidere l’avversario in un solo turno con un OTK ( one turn kill ) che può vantare ben più di 80 danni!

La strategia del mazzo è totalmente incentrata sul pescare, rimuovere board fastidiose, curarsi e quindi buffare la Spellstone che risulta essere proprio la chiave d’accesso all’OTK basantesi proprio sulla leggendaria classica del Priest: Velen.

Il mazzo è complessissimo da giocare, o come si dice in gergo completamente ” Skill Based ” , per cui lo sconsiglio a chiunque cerchi una lista che conceda vittorie semplici e veloci.

Oltretutto richiede una profonda conoscenza del MetaGame e quindi dei possibili matchup affrontabili così da inquadrare sin da subito alla perfezione il playstyle giusto per arrivare alla vittoria.

Eppure consiglio questa lista a chiunque abbia un po’ di pazienza e volontà nel capire alla perfezione le meccaniche, e soprattutto che non si scoraggi affatto a seguito di sconfitte su sconfitte che quasi certamente arriveranno finché non si raggiungerà una piena confidenza col mazzo.

Per il resto ritengo che in questo meta Greedy e pesante questo Priest abbia buone chance per fare bene, non avendo paura affatto neppure dell’armor che Druidi, Warrior e talvolta Maghi sono in grado di alzare.

Gameplay

Ogni match è a sé. Ed è questo forse il punto di forza del mazzo, in quanto tale diversità renderà le partite divertentissime e mai noiose!

La prima cosa da fare non appena già solo intravedete la classe del vostro avversario è ragionare contro quale possibile archetipo sia più probabile giocare, così da regolarvi col mulligan.

Essendo un mazzo combo, la priorità in assoluto è pescare!
Motivo per il quale i Must Keep nel mulligan sono quasi sempre i Razziatori, preferendo tuttavia Thalnos qualora abbiate l’impressione che l’avversario possa essere un aggro.

Twilight’s Call risulta essere il vero e proprio motore di pesca del mazzo, e più spesso di quanto possiate pensare per soli 5 mana, in combinazione con Lash, può trasformarsi non solo in una AoE da 2 danni, ma perfino in un Heal di 2 per ogni servitore colpito e ben due carte pescate! Detta così, sembra quasi barare xD

In generale la carta che spesso terrete nel Mulligan è Shadow Vision, la quale può aiutarvi a ottenere le spell giuste al momento giusto, mentre una di quelle che non terrete QUASI MAI è proprio Twilight’s Call, a meno che vi ritroviate contro un Control e abbiate già un Razziatore/Thalnos in mano.

Contro aggro il Radiant è un MUST Keep, così come removal come Pain, Holy Smite che, scontate, vi daranno un vantaggio tempo che spesso metterà in difficoltà l’avversario.

In generale che vi troviate contro aggro, control, combo, midrange, l’obbiettivo è senza alcun dubbio pescare. La bravura sta nel capire come bilanciare le pescate con board clear e cure, e state attenti a non bruciare le vostre stesse carte, cosa che può succedere con una facilità disarmante se non prestate le dovute attenzioni.

Talvolta mi è successo di giocare una delle due spellstone per rievocare thalnos razziatore per il solo obbiettivo di pescare, ma non dimenticatevi che questa magia per esprimere il massimo potenziale richiede l’utilizzo di 12 spell, quindi qualora abbiate la necessità di usarne una assicuratevi di avere abbastanza magie per buffare quella che vi servirà per l’OTK.

Non abbiate paura a giocare Twilight’s Call per rievocare un solo deathrattle morto, così come non abbiate timore nell’usare Vivid Nightmare su Razziatore/Thalnos, qualora abbiate al contempo la certezza di non averne bisogno per chiudere in late la partita.

Terminerò con un po’ di ” matematica “, giusto per semplificare alcune cosette.

Ammesso che abbiate giocato tutti i servitori a disposizione, che questi siano morti, che la Spellstone sia al massimo del suo potenziale, e che abbiamo 10 MANA a disposizione, giocando un Radiant Elemental dalla mano ci ritroveremmo in questa situazione:

Radiant ( 2 mana ) + SpellStone ( 6 mana, scontata dal primo radiant ) = Radiant, Radiant, Velen, Razziatore, Thalnos.

In questa situazione ” base ” ci ritroviamo con 2 mana a disposizione e con tutte le spell scontate di due. Dunque usando le due Vivid Nightmare su Velen ( le quali grazie ai due Radianti costeranno 1 ) avremmo le due Mind Blast ( che costeranno ZERO ) pronte a essere sparate in faccia all’avversario per ben 48 danni l’UNA e quindi 96 in TOTALE. Difatti prima di giocare le nostre Vivid Nightmare, le Mind Blast infliggeranno 12 danni cadauna ( 5 danni base + 1 di Thalnos che la porta a 6 e quindi 12 col raddoppio di Velen ) che diventeranno 24 con doppio Velen e quindi 48 col triplo.

Ci sono anche scenari in cui spaccandosi un razziatore, con una pain o una holy smite, si avrà uno spazio su board a disposizione che può tramutarsi in un Quarto Velen ( ovviamente permesso da una TERZA Vivid Nightmare discoverata con la Shadow Vision ), ma personalmente è uno scenario che finora è rimasto solamente nella mia mente semplicemente perché non vi servirà mai fare 192 danni xD

Ci saranno anche situazioni in cui non avrete il Radiant in mano ma la Spellstone pronta per uccidere l’avversario, e quindi la doppia Mind Blast e il doppio Vivid Nightmare. In questo preciso caso vi basterà giocherà la spellstone per 7 mana ( che ricordo rievocherà Radiant, Velen, Thalnos e Razziatore ), una Vivid Nightmare sul Radiant ( che costerà 2 mana e che renderà gratuite le spell a 2 mana quali Mind Blast o Shadow Vision ) e la seconda su Velen, così da poter avere Blast da 24 danni l’una. Questo in realtà è uno degli scenari più probabili, per quanto quello dei 96 danni si verifica comunque con una frequenza piacevolmente disarmante.

Vi sono anche altre possibilità quali usare la spellstone senza il beneficio di Thalnos che, per quanto possa sembrare insignificante, aumenta di ben 8 i danni di una singola Blast con triplo Velen a terra!

Infine un consiglio che forse è il più IMPORTANTE di tutti: qualora doveste ritrovarvi contro a uno Sciamano, a un Mago Control o a un Warrior giocante il Taunt 2/6 che evoca le bestie all’avversario, EVITATE di giocare Thalnos! Il loro gioco sarà quello di rovinarvi la spellstone con una bestia, rana o pecorella affinché si uno tra questi i servitori rianimati dalla potentissima magia! Se farete a meno di Thalnos, invece, anche qualora dovesse trasformare una delle vostre creature, avreste SEMPRE a disposizione l’OTK. Ovviamente in questi casi Velen va assolutamente giocato a turno dieci in combinazione con la Shadow Word Death, onde evitare trasformazioni e quindi Concede.