Marvel SNAP: chi è Leader? La storia del personaggio

Marvel SNAP: chi è Leader? La storia del personaggio

Profilo di maretta72
 WhatsApp

Storia Leader– Continua la rubrica riguardante la storia dei personaggi, più o meno conosciuti dell’universo Marvel! Oggi la puntata è dedicata a Leader (Il Capo).

Creato nel dicembre 1964 da Stan Lee e Steve Ditko, appare per la prima volta in ‘Tales to Astonish’ volume 1 numero 62.

LEADER: la storia dietro la carta di Marvel Snap

Nato a Boise, Idaho, Samuel Sterns cresce all’ombra del geniale fratello Philip e, da adulto, diviene un uomo di fatica all’interno dello stabilimento chimico in cui quest’ultimo è impiegato come ricercatore. Un giorno, mentre trasporta del materiale radioattivo, a causa di un incidente viene esposto ad un’enorme dose di raggi gamma, cosa che rende la sua pelle completamente verde ingigantendone abnormemente il cranio ed il cervello… In questo modo, Leader sarà dotato di facoltà intellettive sovrumane che riflettono il suo desiderio inconscio di diventare più intelligente del fratello.


Ribattezzatosi “Il Capo”, Sterns crea una sua organizzazione di spionaggio personale e la gestisce da dietro le quinte arruolando perfino il Camaleonte ma, dopo che i suoi uomini vengono puntualmente sconfitti da Hulk, egli decide di affrontarlo in prima persona tramite un esercito di potenti androidi di sua invenzione. Leader verrà però sconfitto e si ritroverà con il suo laboratorio fatto a pezzi. Impressionato dalla forza della creatura, il Capo tenta poi di servirsene al fine di entrare in possesso della “Ultimate Machine”, un dispositivo degli Osservatori che contiene tutta la conoscenza dell’universo.

Tuttavia, dopo esserne entrato in possesso ed averne visualizzato il contenuto, il Capo, apparentemente, muore per lo shock.

Poteri e abilità

In origine, la mente sovrumana del Capo è stata garantita dall’esposizione ai raggi gamma. Dotato di uno dei cervelli più brillanti dell’universo Marvel, è capace di conoscenza e comprensione che vanno oltre la capacità umana di comprendere.

Il potenziale della sua intelligenza è quasi illimitato, essendo in grado di padroneggiare ogni argomento mondano e di adottare concetti completamente estranei al suo ambiente. Le sue funzioni cerebrali superiori, tra cui il riconoscimento di schemi, l’archiviazione/recupero di informazioni e la strutturazione logica/filosofica, sono state migliorate a livelli disumani. Ha anche un ricordo totale di ogni evento a cui ha assistito dall’incidente che lo ha trasformato e può calcolare possibilità e risultati in modo così accurato da sfiorare la previsione del futuro.

Detto questo, spero che questo racconto sulle origini di Leader vi sia piaciuto… Ricordandovi che nei prossimi giorni la rubrica si arricchirà con tante nuove storie sui protagonisti del meta di Marvel Snap.

Articoli correlati: 

Marvel SNAP: chi è Makkari? La storia del personaggio

Marvel SNAP: chi è Makkari? La storia del personaggio

Profilo di maretta72
18/06/2024 17:43 di  "maretta72"
 WhatsApp

Storia Makkari – Continua la rubrica riguardante la storia dei personaggi, più o meno conosciuti dell’universo Marvel! Oggi la puntata è dedicata alla nuova carta di oggi, Makkari.

Creato nel Maggio 1940 da Jack Kirby, appare per la prima volta in ‘Red Raven Comics’ numero 1. Sebbene il personaggio nei film ed in Marvel Snap appaia come una ragazza, in realtà fumettisticamente nasce come personaggio maschile.

MAKKARI: la storia dietro la carta di Marvel Snap

Makkari è uno degli Eterni creato da Tiamut, il Celestiale Dormiente, che desidera avere fra le file degli Eterni un esemplare con il dono della velocità. Il suo nome, nel corso dei secoli, viene cambiato più volte:  nell’Antico Egitto insegna la scrittura agli umani, che lo chiamano Toth, nell’Antica Roma invece viene riconosciuto come Mercurio, dio dei viaggi e dei trasporti.

Per tutti questi anni Makkari rimane fedele al suo leader, Zuras, è amico di Ikaris, Ajak e Thena e si contrappone ai tentativi di ribellione di Eterni come Druig o Gilgamesh. Ha anche spesso relazioni sentimentali con Sersi, anche se i due si lasciano e si riappacificano molto frequentemente.

Durante gli anni 1940, Makkari viene inviato, con il nome di Mercury, dal suo regnante Zuras a combattere il Deviante Warlord Kro, che in quel periodo era un dittatore in Prussia con il nome di Rudolph Hendler. Dopo averlo inizialmente sconfitto, Makkari continuerà a combatterlo durante la seconda guerra mondiale con l’identità di Hurricane.

Poteri e Abilità

Makkari possiede le abilità di tutti gli Eterni: ha la capacità di manipolare la materia e l’energia, è dotato di forza e resistenza molto superiori a quelle di un normale essere umano, ha campo di forza a contatto con la pelle che si attiva per proteggerlo, ha una capacità di guarigione rapidissima, può respirare sott’acqua, può levitare, può esercitare limitata telepatia e non invecchia.

Makkari possiede inoltre abilità che gli altri Eterni non hanno. Può correre, muoversi e pensare a una velocità prossima a quella della luce: quando lo fa, infatti, i colori davanti a lui tendono al rosso, dietro di lui tendono al blu. Può inoltre comunicare con i Celestiali: dopo aver avuto questo dono, Makkari è stato anche in grado di riportare in vita un morto, segno dei poteri divini che Tiamut ha voluto donargli.

Detto questo, spero che questo racconto sulle origini di Makkari vi sia piaciuto… Ricordandovi che nei prossimi giorni la rubrica si arricchirà con tante nuove storie sui protagonisti del meta di Marvel Snap.

Articoli correlati: 

Marvel SNAP: chi è X-23? La storia del personaggio

Marvel SNAP: chi è X-23? La storia del personaggio

Profilo di maretta72
17/06/2024 20:06 di  "maretta72"
 WhatsApp

Storia X-23 – Continua la rubrica riguardante la storia dei personaggi, più o meno conosciuti dell’universo Marvel! Oggi la puntata è dedicata a X-23.

Creata nel Agosto 2003 da Craig Kyle, Chris Yost, Steven E. Gordon e Kimberly Bowles, appare per la prima volta in ‘NYX’ numero 3.

X-23: la storia dietro la carta di Marvel Snap

Una task-force segreta di scienziati si associò con l’intento di ricreare l’originale Arma X e riprodurre il genoma del mutante Wolverine, tuttavia fino a quando non si unì al progetto la genetista Sarah Kinney tutti i prototipi fino ad allora creati si rivelarono un fallimento.

La dottoressa cominciò a lavorare sui resti di DNA appartenenti ad Arma X proponendo di creare un clone femminile visto che il materiale genetico non era sufficiente a ricreare un clone dell’originale, ma la sua proposta fu bocciata. Segretamente Sarah si iniettò un embrione da lei creato colmando le lacune genetiche dell’originale con il proprio, in modo che ad esperimento in corso i suoi superiori non ebbero altra scelta se non approvarlo.

Il Clone di Wolverine

Dopo il parto la chiamò il clone Laura mentre per Facility, l’agenzia per la quale lavorava, la piccola fu denominata X-23. Durante i sette anni successivi Laura fu rinchiusa in una cella imbottita dalla quale usciva solamente per essere addestrata nelle arti marziali e nell’uso delle armi.

Durante la crescita venne addestrata in modo da reagire ad un attivatore, una sostanza capace di farla cadere in un trance in cui la sua coscienza e la sua volontà vengono soppresse lasciando spazio solo al massacro. Per rientrare dei capitali spesi nella sua creazione e far aumentare i fondi di Facility, X-23 fu usata dai suoi creatori come assassina a pagamento.


Durante una missione, Zander Rice, figlio di uno dei tecnici che parteciparono alla creazione dell’originale Arma X ed in seguito assassinato da Wolverine decise di vendicarsi della piccola abbandonandola in una base HYDRA piena di soldati: X-23 sopravvisse e tornò alla base.

Tempo dopo uccise il rapitore della cugina Megan e fu utilizzata in segreto da Rice per uccidere l’intera famiglia Sutter. Venuta a conoscenza di ciò, Sarah decise di uccidere tutti i componenti di Facility e scappare con Laura da Xavier. Il loro piano fu però ostacolato ancora una volta da Rice che, sospettando un tradimento di Sarah, le applicò di nascosto qualche goccia di attivatore. Al momento della fuga, l’odore fece andare fuori controllo X-23 che la uccise. Le ultime parole di Sarah furono per la figlia e con solamente qualche foto di Xavier e Wolverine che avrebbero potuto aiutarla.

Poteri e abilità

Essendo un clone di Wolverine, X-23 possiede come principale abilità mutante un accelerato fattore di guarigione capace di rigenerare tessuti, organi, ossa e quant’altro sia stato danneggiato. Il fattore di guarigione accelera e potenzia anche le sue difese immunitarie, rendendola praticamente immune alle malattie, alle droghe ed alle infezioni esterne.

Oltre a ciò, possiede sensi, agilità, forza e riflessi superumani. Come Wolverine, possiede artigli protrattili rivestiti d’adamantio, ma al contrario dell’uomo, i suoi tre artigli sono divisi fra le nocche di entrambe le mani (due lame) e i piedi (unica lama). Laura possiede solo artigli d’adamantio, non l’intero scheletro come Wolverine: ciò la rende meno resistente e più soggetta alla frattura degli arti.

Detto questo, spero che questo racconto sulle origini di X-23 vi sia piaciuto… Ricordandovi che nei prossimi giorni la rubrica si arricchirà con tante nuove storie sui protagonisti del meta di Marvel Snap.

Articoli correlati: 

Marvel SNAP: chi è Sersi? La storia del personaggio

Marvel SNAP: chi è Sersi? La storia del personaggio

Profilo di maretta72
11/06/2024 17:08 di  "maretta72"
 WhatsApp

Storia Sersi – Continua la rubrica riguardante la storia dei personaggi, più o meno conosciuti dell’universo Marvel! Oggi la puntata è dedicata alla carta in arrivo questa sera, Sersi.

Creata nel gennaio 1950 da Werner Roth e Jack Kirby, appare per la prima volta in ‘Venus’ Volume 1 Numero 9.

SERSI: la storia dietro la carta di Marvel Snap

Nata ai tempi di Elio e Perseo, Sersi è un membro della terza o quarta generazione degli Eterni. Da bambina, Sersi accompagnò Utnapishtim, sperando di scoprire se costui fosse un Eterno o meno: in questo periodo ebbe anche un breve incontro con Capitan America, che aveva viaggiato nel passato, ed il suo compagno Eterno, il Dimenticato.


Anche se Sersi ha sempre amato la ricerca del piacere, ed è famosa per le sue indimenticabili feste sin dai tempi dell’antica Grecia. Allo stesso modo, Sersi è sempre stata devota al proprio lavoro. Avendo trascorso secoli nello sviluppo delle sue capacità di ridisposizione psionica e trasmutazione della materia, ha raggiunto una padronanza in questa disciplina superiore a quella di ogni altro Eterno.

Aveva già perfezionato le proprie abilità psichiche al tempo del suo incontro con Odisseo (l’eroe chiamato Ulisse dai Romani) nel 13° Secolo A.C. Di ritorno dalla Guerra di Troia, infatti, Ulisse e la sua ciurma approdarono sull’isola del Mediterraneo dove viveva Sersi.

Negli ultimi anni, Sersi ha vissuto principalmente a Manhattan. Preso in affitto un ampio appartamento nel West Side ed un enorme loft a Soho, divenne famosa nei circoli sociali di New York ed altrove nel mondo come ospite di feste sontuose e bizzarre. Ma quando gli Eterni ed un’altra derivazione genetica dell’umanità, i Devianti, decisero di rivelare la propria esistenza al resto della razza umana, Sersi ammise pubblicamente di essere un’Eterna: il grande pubblico, comunque, decise di non credere all’esistenza di queste razze segrete di esseri superumani.

Poteri e abilità

Come tutti gli Eterni della Terra, Sersi ha un controllo completo della propria fisiologia, così da risultare immortale, con un alto fattore rigenerativo ed immune a tossine, malattie e radiazioni.

E’ in grado di manipolare l’energia cosmica per ottenere vari effetti quali il controllo dell’energia, il volo, il teletrasporto, la telepatia e la generazione di illusioni. La capacità tipica di Sersi è la manipolazione della materia ed è in grado quindi di modificare la forma di quasi tutte le creature viventi o gli oggetti.

Detto questo, spero che questo racconto sulle origini di Sersi vi sia piaciuto… Ricordandovi che nei prossimi giorni la rubrica si arricchirà con tante nuove storie sui protagonisti del meta di Marvel Snap.

Articoli correlati: