Zeros è stato permabannato dalla VCS

Zeros è stato permabannato dalla VCS

Profilo di Rios
 WhatsApp

Zeros, ex toplaner dei GAM Esports e dei Phong Vu Buffalo, è stato permabannato dalla VCS (campionato vietnamita di LOL). Il ragazzo si sarebbe lasciato andare a delle dichiarazioni abbastanza forti in un suo streaming, che hanno portato alla decisione drastica. A causa di questo avvenimento, il giocatore non potrà mai più giocare nel massimo campionato vietnamita.

Il permaban di Zeros

Una lunga carriera

Per chi di voi non fosse avvezzo al competitivo internazionale di LOL, il nome di Zeros potrebbe essere paragonabile a quello del famigerato Carneade. Nonostante questo, però, il toplaner vietnamita vanta una lunga carriera, che lo ha portato anche sul palco delle competizioni mondiali.

Il ragazzo, infatti, ha giocato con i GIGABYTE Mariners (poi diventati GAM Esports) ma è ricordato dai più per la sua apparizione al MSI del 2019 con i Phong Vu Buffalo. Quel team arrivò ultimo nel gruppo, ma riuscì a strappare ben due vittorie ai G2 Esports, rimanendo per sempre nei ricordi dei fan della squadra spagnola.

Dopo questo risultato, Zeros lasciò i Phong Vu Buffalo per tornare ai GAM Esports, con i quali vinse il titolo della VCS e si qualificò ai Worlds 2019. In quel mondiale non ebbe particolare fortuna, classificandosi ultimo nel girone B.

Negli ultimi anni, il giocatore è quasi sparito dai radar internazionali, a causa delle prestazioni mediocri avute con gli EVOS prima e con gli SBTC Esports dopo.

I motivi del permaban

Proprio la frustrazione degli ultimi split poco lusinghieri ha portato Zeros a lasciarsi andare a delle dichiarazioni piuttosto inopportune. Durante un suo streaming, il ragazzo ha sperato che la situazione legata al COVID potesse peggiorare in Vietnam, in modo tale da costringere il team vincitore della VCS a rinunciare al MSI 2021.

Una dichiarazione dannosa secondo la dirigenza della lega, che ha applicato la regola 8.2.5 del Code of Conduct, arrivando al permaban definitivo. Insomma un comportamento ben poco maturo, frutto di una serie di eventi poco positivi per il ragazzo. Grazie alla sua geniale manovra, Zeros è riuscito a chiudere in anticipo la sua carriera che già si stava avviando verso la sua naturale fine.

MSI 2022: i G2 Esports perdono il primo posto

MSI 2022: i G2 Esports perdono il primo posto

Profilo di Rios
 WhatsApp

La giornata odierna del MSI 2022 è stata un incubo ad occhi aperti per i G2 Esports, che hanno chiuso con ben due sconfitte su due game giocati. I Royal Never Give Up hanno smantellato la compagine europea, dando tutte le risorse ad un Gala che era proprio in giornata.

La differenza nella corsia inferiore è stata davvero pesante, visto che FlakkedTargamas non hanno potuto fare nulla contro i rivali cinesi. Nemmeno il pick di Riven top ha fatto tremare le gambe dei campioni della LPL, davvero spietati nel chiudere il game.

Insomma, un piccolo disastro per i G2, che per ora si devono accontentare di un secondo posto che lascia l’amaro in bocca.

Due sconfitte pesanti in questa giornata del MSI 2022

Una partita senza storia

Oggi i G2 Esports hanno vissuto un incubo in piena regola, risvegliandosi bruscamente dopo quello che era un sogno a tutti gli effetti. Nel re-match decisivo per il primo posto, giocato contro gli RNG, la compagine europea ha dovuto chinare il capo senza possibilità di poter fare nulla.

I cinesi hanno messo in campo una superiorità di gioco allarmante per tutti, dimostrando di essere il vero raid boss di questo MSI 2022. Sono stati superiori in ogni singola lane, nonostante Caps abbia provato a prendersi i suoi compagni sulle spalle e portarli verso la vittoria.

La differenza in corsia inferiore è stata abbastanza pesante per i G2, in quanto Gala è stato il fattore chiave che ha determinato l’esito della partita. Il tiratore ha trovato un vantaggio enorme con la sua Xayah, riuscendo a brillare nel mid-game, periodo in cui l’Ezreal di Flakked avrebbe dovuto fare la differenza. A questo dobbiamo aggiungere la prestazione straordinaria di Ming, che con il suo Rakan ha bloccato ogni singola iniziativa della Yuumi di Targamas (vedasi il primo sangue).

G2 comunque non devono perdersi d’animo, perché mancano ancora delle partite importanti per assicurarsi quel secondo posto. Saranno giorni di fuoco per i campioni della LEC, che dovranno dimostrare il loro reale valore dopo questa giornata storta.

MSI 2022: il PSG Talon interrompe la win-streak dei G2

MSI 2022: il PSG Talon interrompe la win-streak dei G2

Profilo di Rios
 WhatsApp

Alla fine è successo: i G2 Esports hanno perso il primo game in questo MSI 2022. Il merito va dato al PSG Talon, squadra capace d’insinuarsi all’interno delle crepe dei campioni della LEC. Per gli europei è uno scivolone pesante, dato che potrebbe mettere a rischio il primo posto nel rumble stage.

Chiaramente non tutto è perduto, visto che più tardi ci sarà il re-match decisivo con i Royal Never Give Up. Questa sconfitta deve essere una wake-up call per i G2, che ora dovranno resettarsi e non farsi trovare impreparati dai cinesi.

Insomma, perdere così fa male, specialmente contro un avversario che non aveva dimostrato di essere così irresistibile durante le partite precedenti.

La prima sconfitta dei G2 nel MSI 2022

Problemi di draft

Se dobbiamo andare a ricercare un colpevole principale di questa sconfitta potremmo puntare il dito sulla draft, un po’ troppo sinner e monodimensionale rispetto a quella del PSG Talon. I G2 avrebbero dovuto prendere un enorme vantaggio sul micro e sul macro nelle prime fasi di game, cosa che però non è successa.

Benché il macro degli europei fosse diverse spanne sopra quello dei campioni della PCS, i problemi principali si sono visti nei fight. I campioni scelti dai G2 non hanno potuto fare nulla o quasi durante le schermaglie, complice anche un’esecuzione meccanica dei singoli un po’ confusionaria a volte.

PSG Talon sono stati bravi, hanno avuto pazienza ed hanno atteso le loro condizioni di vittoria. Ad un certo punto hanno iniziato a vincere tutti i fight quasi in automatico, disintegrando i loro avversari volta dopo volta senza problemi. Questa sconfitta potrebbe essere comunque utile ad i G2, che non dovranno più adagiarsi sugli allori durante le prossime partite. Nella giornata di oggi si giocheranno comunque il primo posto con gli RNG, vogliosi di prendersi una cruenta vendetta dopo la sconfitta dell’andata.

Bel’Veth: ecco il kit ed un primo video di gameplay

Bel’Veth: ecco il kit ed un primo video di gameplay

Profilo di Rios
 WhatsApp

Purtroppo i leak colpiscono sempre i nuovi contenuti di Riot, ed è successo anche Bel’Veth, il nuovo campione di League Of Legends. Infatti, lo streaming spagnolo del MSI 2022 ha mostrato per errore un video che mostra il gameplay dell’Imperatrice del Vuoto.

Un errore madornale, indubbiamente, ma che ci permette di dare un primo sguardo al kit di questo mostro della jungle. A primo acchito sembrano confermati i leak che vi avevamo precedentemente mostrato (qui trovate più info), anticipando di fatto il materiale ufficiale.

Ci troviamo difronte ad un personaggio estremamente pericoloso, molto mobile e capace di rimanere a lungo incollato ai propri avversari.

Bel’Veth in azione

Un campione mobile ed elusivo

Come possiamo vedere nella clip qui sotto, Bel’Veth risulta essere un campione molto mobile, capace d’inseguire facilmente i propri nemici e restare a lungo all’interno dei fight. Potremmo essere difronte ad un combattente duro e puro, davvero ostico da tenere fermo e difficilissimo da uccidere.

Nel video vediamo chiaramente che Bel’Veth usa entrambe le forme viste nella cinematica rilasciata ieri da Riot, ma ancora non è ben chiaro come funzionerà questo dualismo a livello di gameplay. Sicuramente la sua forma da mostro sarà rilasciata quando l’Imperatrice userà la sua suprema, diventando una creatura gigantesca e terrificante.

Da ciò che possiamo vedere, inoltre, possiamo confermare che Bel’Veth prenda letteralmente a schiaffi i suoi avversari. L’animazione del suo attacco base è davvero particolare, e rispecchia quanto visto nella cinematica di ieri.

Il kit

Death in Lavender (P)

L’abilità passiva di Bel’Veth fa sì che i campioni, i minion della giungla e i superminion rilascino Essenza del Vuoto quando muoiono. L’Imperatrice può raccoglierle per accumulare delle stack che può attivare, guadagnando così il rubavita contro i mostri della giungla. Inoltre può inviare uno sciame del vuoto contro le torri. Lo sciame può attaccare le torri e curare Bel’Veth.

Void Surge (Q)

Void Surge, è uno scatto che la spinge in avanti in una delle quattro direzioni bersaglio. Sotto la sua figura, si possono vedere delle frecce viola che indicano quali specifici direzioni sono disponibili. Infligge danni agli avversari e li rallenta se li attraversa, riducendo il tempo di ricarica dello scatto successivo.

Above and Below (W)

Bel’Veth spara un raggio in linea retta, che lancia in aria tutti i nemici nella zona bersaglio. I campioni lanciati in aria sono anche storditi per un breve periodo di tempo.

Royal maelstorm (E)

Bel’Veth inizia a canalizzare un vortice, che compromette i suoi movimenti e trascina i nemici verso di lei, danneggiandoli per ogni secondo in cui stanno nel vortice. Mentre usa la E, l’Imperatrice subisce meno danno e converte una percentuale di tutti i danni subiti in danni inflitti ai suoi nemici. Quando usa Royal maelstorm durante Endless Banquet (R)Bel’Veth infligge una percentuale di danno puro e crea un’esplosione AoE alla fine dell’abilità.

Endless banquet (R)

La suprema dell’Imperatrice potenzia tutte le sue abilità e la trasforma nella sua vera forma per qualche secondo, una durata che può essere estesa in combattimento. Quando usa Endless banquet, Bel’Veth guadagna HP, resistenza magica, armatura e danno. Quando è nella sua vera forma, Bel’Veth si cura di una percentuale di HP basata sulle stack raccolte dalla passiva. Può usare le sue stack per creare uno sciame di pesci mostruosi, danneggiando i campioni vicini. Lo sciame morirà dopo un breve periodo di tempo, ma la sua durata può essere aumentata uccidendo i nemici (campioni probabilmente).