WORLD CHAMPIONSHIP 2017 : LA CADUTA DEGLI DEI

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

I mondiali 2017 verranno sempre ricordati per un record alquanto singolare. Per la prima volta, in questa competizione, gli Skt hanno perso una serie di partite (non era mai successo, infatti) e hanno perso, guarda un po’, proprio la finale.
Ma andiamo con ordine, che ne dite?
I mondiali 2017 si sono svolti in Cina e sono cominciati ad inizio Ottobre andando avanti per tutto il mese.

Analizziamo la fase a gironi, procedendo con ordine.

GIRONE A

Il girone A racchiudeva al suo interno gli Skt campioni del mondo in carica , i c9 (terza squadra statunitense ad entrare ai Worlds), la squadra cinese Edg e gli ahq e-sports Club, direttamente da Taiwan.

Il girone sembrava scritto già dall’inizio. Si ipotizzavano le 6 su 6 degli Skt, con gli ahq già destinati all’ultimo posto del girone e Edg e C9 a contendersi la palma di secondo e l’accesso diretto agli ottavi di finale.
I primi giorni di match vanno secondo programma. 3 a 0 netto degli Skt che vincono agilmente su i C9 e compiono due rimonte una meglio dell’altra contro ahq e Edg. Spettacolare soprattutto quest’ultima con gli Skt che al minuto 30 erano addirittura sotto di 10000 di gold e di una delle torri del nexus. I C9 non sfigurano vincendo sia contro gli Edg che contro gli ahq, assicurandosi, dopo tre partite, il secondo posto solitario nel girone con un secco 2-1. Edg invece, che sconfitti dagli ahq si attestano su un 0-3 che rimanda il discorso qualificazione alla seconda fase di incontri.

Questa si apre con la sconfitta a sorpresa degli Skt da parte degli ahq  e la vittoria degli Edg sui C9.
Seguono le vittorie degli Skt sui C9 e degli Edg sugli Ahq. Ultimi due incontri al cardiopalma. C9 costretti a vincere contro gli ahq ed a sperare che si ripeta ciò che è avvenuto l’anno prima. Le speranze dei C9 per l’accesso ai mondiali sono legate ad un filo e quel filo si chiama Faker. E come potrebbe Faker, coadiuvato da Bang e Wolf (veri protagonisti della partita contro gli EDG), dare un dispiacere al suo vecchio compagno di squadra Impact? Gli Skt battono gli Edg (che chiudono il girone 2-4) e i C9 battono gli ahq aggiudicandosi il secondo posto nel girone (3-3) e l’accesso agli ottavi di finale.

GIRONE B

Il girone B sembrava da subito uno dei più facili, I Longzhu Gaming, vincitori del Summer Split Coreano escono immacolati dal girone, fieri di un nettissimo 6-0 che lascia poco spazio alle interpretazioni. Sono loro, a detta di tutti, i veri favoriti del mondiale.
Per il secondo posto bisogna sfogliare la margherita per vedere chi rimarrà in piedi. Fnatic (Europa), Immortals (Na) e Gigabyte Marines (Vietnam) concludono il girone con lo stesso risultato: 2-4. Saranno necessari gli spareggi per vedere chi andrà agli ottavi.
E dal cilindro, arriva proprio chi non ti aspetti: i Fnatic.  In due partite riescono a battere sia i Gigabyte Marines che gli Immortals (favoriti per il passaggio del turno).

Ancora una volta sottotono le performance delle squadre statunitensi che si confermano poco preparate per i palcoscenici internazionali .

GIRONE C

Il girone C mette insieme I 1907 Fenerbache (Wild Card), i Samsung Galaxy, secondi classificati al mondiale passato, i Royal Never Give Up, con un nuovo roster completamente cinese dopo gli addii di Looper e Mata (passati rispettivamente a Echo Fox e Kt Rolster) e i campioni europei G2.
La prima “tre giorni” di incontri si chiude con il 3-0 secco degli Rng che battono anche i Samsung Galaxy in un match a dir poco emozionante. Samsung che tutto sommato, si attestano su un dignitosissimo 2-1 trascinati da uno straripante Cuvee in top e da Ruler e CoreJJ in bot che fanno sfaceli.

La seconda parte del girone si apre con la sconfitta inaspettata degli Rng ad opera dei G2, che sembrano tornati ai fasti del mondiale 2016, che li vide protagonisti fino alle semifinali.  Ma vengono poi sconfitti dai SSG. Situazione finale del girone: Rng primi (5-1), SSg secondi (4-2). Eliminati G2 (altra delusione per loro) e i 1907 Fenerbache.

GIRONE D

Ed eccoci arrivare alle note dolenti. Girone composto dai vincitori del Summer Split Na, i Tsm; dal Team We, che gioca in casa; i Flash Wolves, ed ultimi (sottovalutatissimi) i Misfits (Eu).

Equilibrio massimo in questo girone con Misfits, Tsm e Team We che chiudono tutti a 2-1 ed ultimi gli irriconoscibili Flash Wolvers, guidati da uno sbiadito Maple che chiudono, fanalino di coda, a 0-3.
Ma quando tutti ormai si aspettano che le cose vadano secondo i piani, ecco l’inaspettato. I Tsm, arrivati ai mondiali guidati da Bjergsen e Doublelift (che già parlava di quanto sarebbe stato bello essere il primo adc statunitense a vincere i mondiali), perdono due partite su tre e finiscono il girone 3-3. Il Team We le vince tutte e si classifica come primo.
I Flash Wolves chiudono 1-5 dopo aver battuto i Tsm ed aver perso con i Misfits e questi ultimi che riescono a strappare un inaspettato 3-3.

Si va agli spareggi. Tsm contro Misfits. Nessuno si aspetta il colpaccio ed il colpaccio arriva. I Tsm perdono malamente ed ancora una volta vengono eliminati alla fase a gironi. Per loro è la terza eliminazione consecutiva alla fase a gironi dopo il quarto di finale perso nella quarta Stagione, contro i Samsung White (poi vincitori del mondiale).

ELIMINAZIONE DIRETTA – OTTAVI DI FINALE : SPAZIO ALLE SORPRESE.

I sorteggi per i quarti di finale ci regalano già i primi Big Match: vengono abbinati infatti i Longzhu e i Samsung Galaxy. Gli Skt trovano i Misfits, chiudono il programma Team We – C9 e RNG – Fnatic.

Primo giorno di ottavi di finale e prima sorpresa. I Samsung giocano una serie di partite fantastiche con Ambition vero trascinatore nella jungle e chiudono la pratica Longzhu con un secco 3-0 che non lascia spazio alle interpretazioni. I Samsung ci sono e presto anche i più scettici dovranno ricredersi.

Gli Rng liquidano i Fnatic per 3 – 1 dimostrandosi una squadra di livello. Affascinante il duello tra due degli Adc più forti al momento, Uzi e Rekkles. Ahimè per il secondo, avere dietro una squadra di livello si rivela per Uzi la chiave della partita, con Caps, il mid laner dei Fnatic che non da, di certo, il meglio di se. Positiva la prova di Soaz invece, che dimostra di essere ancora uno dei giocatori più esperti e che letteralmente trascina i Fnatic all’unica vittoria di questa serie.

Team We – C9 è, dei quattro incontri, quello che sulla carta sembrava più equilibrato ed infatti finisce 3 -2 per il We con i c9 che pagano l’inesperienza di un Rookie in Jungle come Contractz e una bot lane in affanno nella maggior parte delle partite. Jensen ed Impact provano a tirare avanti il carro quanto possono, ma alla fine, China Wins.

Ultimo incontro, Skt – Misfits. Tutti si immaginavano il 3 a 0 secco dei campioni in carica, ma Dio non ama essere ripetitivo e i Misfits con una mossa Kansas City degna di questo nome riescono a portare la serie sul 2 – 1 in loro favore. Il secondo e il terzo Match vengono vinti dall Bot Lane europea che incarta Bang e Wolf con due pick fuori meta che li lasciano spiazzati.  Al 4 incontro, Kkoma (Coach degli Skt) decide di sparigliare le carte. Inserisce Peanut al posto di Blank in Jungle e riesce a portare a casa la partita.

SEMIFINALI : TUTTO A POSTO, NIENTE IN ORDINE.

Arriviamo alle fasi conclusive di questo mondiale. Ottobre sta finendo e sta per lasciare il passo ad uno dei Novembre più freddi per gli appassionati di League of Legends (ma piano con gli spoiler).
Le due semifinali vedono coinvolte: SKT – RNG e SSG – WE.
I samsung perdono il primo match della serie contro il Team We, lasciando pensare che per la squadra di casa ci sia la possibilità di una storica finale. E invece no. I samsung ritornano. Cuvee in top è una macchina da guerra. Ambition non sbaglia un gank  e Crown e Ruler uccidono e distruggono tutto quello che c’è da distruggere. 3 a 1, tutti a casa. Samsung in finale per la seconda volta consecutiva.

Gli SKT invece dimostrano una insolita fragilità. Anche contro gli RNG infatti vengono trascinati verso un dispendiosissimo 3-2. Ci si aspetta che vincano, ci si aspetta che arrivino fino in finale e sollevino ancora la coppa, per la quarta volta, la terza consecutiva. Ma qualcosa non va. Bang e Wolf, da punto di forza, si trasformano lentamente in uno dei punti deboli degli Skt. Peanut gioca terribilmente sottotono ed è soltanto il lontano parente del Jungler dello scorso anno. E a Faker servirebbe tantissimo la “Mano Destra di Dio” Bengi.  Ma Bengi non c’è più.

FINALE : ANCHE GLI DEI CADONO.

Si arriva al giorno della finale. Le squadre sono pronte.

Gli skt decidono di giocare tutti i game sul lato Red della mappa, il Blue rimane ai SSg. E via, si parte col primo game. Peanut è subito fuori dalla partita, lo si vede. Fa più Blank nei primi cinque minuti della terza partita, che Peanut nelle due precedenti.
In bot lane, il copione è lo stesso: Ruler E CoreJJ vincono, vincono e vincono ancora. Indicativo, per capire al meglio la quantità di errori commessa da Bang durante questa serie è il “Flash+Ult” con Varus al pit del Drago, durante la seconda partita.
Long story short, il terzo incontro sembrava il più equilibrato dei tre e se non fosse stato per una giocata stupenda di Ruler su Faker che ha portato al team fight risolutivo dell’incontro, la serie sarebbe andata sul 2 – 1 e ora saremo qua a parlare di un’altra partita.

Ma non è andata così, 3 – 0 Samsung. Gli Skt escono sconfitti per la prima volta dal palcoscenico mondiale e perdono, per la prima volta la finale. Per i Samsung non poteva esserci finale migliore, dal momento che sono riusciti a prendersi la rivincita dopo la finale dell’anno scorso.

La community

Fai crescere la community italiana, entra nel gruppo FB:  

Matteo "ReRosso" Addabbo

Nato e cresciuto in Sardegna, vivo e lavoro a Sofia, in Bulgaria. Appassionato di teatro e letteratura, amante dei videogame. Ho studiato doppiaggio per un breve periodo e poi ho intrapreso un corso di studi in lingue e letterature moderne. Drogato di League of Legends, più come appassionato che come giocatore (Non ho le mani, metaforicamente parlando) ho una passione sfrenata per il competitive. Forza Skt Sempre :)

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701