Star Guardian: il nuovo evento inizia il 14 luglio

Star Guardian: il nuovo evento inizia il 14 luglio

Profilo di Rios
 WhatsApp

Dopo aver mostrato un primo teaser che ha acceso l’hype dei fan, Riot ha pubblicato il trailer finale dell’evento Star Guardian, che inizierà il 14 luglio. Questo andrà a coinvolgere ben tre giochi, non limitandosi al classico League Of Legends.

Guardiani, infatti, avranno il loro spazio anche in Legends Of RuneterraWild Rift, dove ci saranno premi a tema per i giocatori. Un appuntamento che ci terrà impegnati per tutta l’estate e che, probabilmente, sarà diviso in due tranche.

Insomma, dovremo rimanere incollati ai nostri PC ed ai nostri smartphone anche durante la stagione calda, per evitare di perdere tutte le novità portate dagli sviluppatori.

Le novità dell’evento Star Guardian

Il nuovo trailer

Nella serata di ieri, Riot Games, ha pubblicato il trailer finale dell’evento Star Guardian, che ha rivelato ai fan la data d’inizio ed anche qualche piccola novità. Nel breve video mostrato, infatti, abbiamo avuto un piccolo assaggio di ciò che vedremo a partire dal 14 luglio, in ben 3 giochi della line-up Riot.

Gli sviluppatori ci hanno dato anche qualche nuovo indizio su una nuova collaborazione musicale, che accompagnerà l’evento in tutta la sua durata. Ma oltre a questo, abbiamo anche visto le nuove skin della linea Star Guardian, che però non saranno un’esclusiva limitata a League Of Legends.

Secondo alcuni leak che vi abbiamo mostrato in precedenza, le skin di Seraphine, Senna ed Orianna saranno disponibili solo su Wild Rift. Ci saranno anche dei contenuti a tema anche per Legends Of Runeterra, ma ancora non sappiamo quasi nulla in merito.

Infine tornerà la tanto odiata “avventura grafica” già vista e rivista durante gli eventi Fiore SpiritualeSentinelle della Luce su League Of Legends, che farà arrabbiare parecchi giocatori. Questo format non è mai piaciuto agli utenti ed agli addetti ai lavori, vista la poca interattività complessiva dei dialoghi con i personaggi protagonisti. Speriamo vivamente che gli sviluppatori abbiano rimodulato questo tipo di esperienza, altrimenti l’evento Star Guardian potrebbe essere un fallimento annunciato in partenza.

League Of Legends: Riot inizia ad eliminare gli account più inattivi

League Of Legends: Riot inizia ad eliminare gli account più inattivi

Profilo di Rios
 WhatsApp

E’ arrivato il tempo delle pulizie in casa League Of Legends, visto che Riot ha dato il via all’eliminazione degli account più vecchi ed inattivi del gioco. Chiaramente ci saranno dei criteri ben precisi da seguire, e le cose non saranno fatte completamente a caso.

Un momento che prima o poi sarebbe arrivato, inesorabilmente. Gli sviluppatori hanno voluto sottolineare che i dati appartenenti a questi account non saranno trattenuti da Riot, ma saranno cancellati per rispettare la privacy di chi non vuole più far parte del mondo di LoL.

Andiamo a leggere le parole dei devs, che ci spiegano quali saranno i criteri adottati l’eliminazione di questi profili non attivi.

Tempo di pulizie per League Of Legends

Cos’è un account inattivo?

Un account di Riot Games viene considerato inattivo quando non c’è stata alcuna attività di accesso in nessuno dei nostri giochi o proprietà web per oltre tre anni.

Ciò significa che anche se non giocate partite o non entrate nel client da un po’ di tempo, il vostro account verrà ancora considerato attivo se avete effettuato l’accesso in una delle nostre proprietà web come riotgames.com, support.riotgames.com, leagueoflegends.com, lolesports.com, valorantesports.com, ecc.

Gli account che saranno cancellati

Abbiamo adottato dei criteri molto prudenti per determinare quali account inattivi verranno eliminati. Un account deve rispettare tutti i seguenti requisiti per essere considerato idoneo alla cancellazione a causa della sua inattività.

  • L’account dev’essere inattivo (in base alla definizione riportata più su)
  • non deve aver acquistato alcuna valuta di gioco nel corso della sua esistenza
  • non deve aver ricevuto alcuna valuta di gioco nel corso della sua esistenza
  • deve aver giocato per meno di 20 ore
  • non deve possedere diritti di gioco per edizioni rare o limitate

Come potete vedere, i criteri sono molto specifici e non si applicheranno alla maggior parte dei giocatori. Il processo di cancellazione degli account inattivi avverrà in modo continuativo.

Ci sarà un avviso per gli account che rischiano di essere cancellati?

Certo! Se il vostro account è idoneo per la cancellazione a causa della sua inattività, riceverete un’email all’indirizzo collegato all’account in questione. Tuttavia, non potrete accedere ai nostri giochi, applicazioni o proprietà web a eccezione di support.riotgames.com.

Si può impedire che l’account venga cancellato?

Cominceremo ad applicare questa nuova politica di cancellazione degli account inattivi nel corso dei prossimi mesi. Se doveste ricevere un’email riguardo alla cancellazione per inattività del vostro account, potete visitare il sito del Supporto giocatori. Effettuate l’accesso e seguite le istruzioni per interrompere il processo di cancellazione!

LEC: gli Astralis potrebbero vendere il loro slot

LEC: gli Astralis potrebbero vendere il loro slot

Profilo di Rios
 WhatsApp

Dopo i Misfits Gaming, che hanno venduto il loro slot agli Heretics, anche gli Astralis potrebbero lasciare la LEC molto presto. Secondo quanto riportato da Wooloo su Upcomer, infatti, la dirigenza starebbe considerando le offerte recapitate da altre squadre.

Al momento parliamo solo di rumors, sia chiaro, ma qualche fondo potrebbe esserci. Solitamente Wooloo riporta delle voci che poi si rivelano vere e credibili, e quindi riteniamo sia possibile che gli Astralis stiano parlando con qualcuno per una eventuale vendita.

Insomma, sembra che il campionato europeo di League Of Legends debba prepararsi a grandi cambiamenti ed anche ad accogliere qualche volto nuovo.

Gli Astralis potrebbero lasciare la LEC

Un percorso non brillantissimo

Il percorso degli Astralis in LEC non è stato proprio positivo dato che, dal 2021 ad oggi, il team non ha mai raccolto dei risultati soddisfacenti. Alcune scelte scellerate della dirigenza hanno limitato le possibilità della squadra, incapace di raggiungere i playoff (obiettivo minimo di tutti) durante questi anni.

Alcuni dei roster proposti dai danesi non hanno mai realmente funzionato, e solamente nel summer split 2022 appena concluso hanno accarezzato la possibilità di un accesso ai playoff. Una storia non proprio esaltante, che ha dimostrato il poco interesse della proprietà per il mondo competitivo di League Of Legends.

I possibili pretendenti dello slot

Proprio questo progressi disinteresse e gli scarsi risultati ottenuti potrebbero spingere la dirigenza degli Astralis a considerare le offerte per la vendita del loro slot. Secondo quanto riportato da LEC Wooloo, la proprietà starebbe parlando con alcuni soggetti per capire cosa fare in futuro.

Il primo nome riportato dalle fonti di Wooloo è quello dei Karmine Corp, da tempo interessati all’approdo nel massimo campionato europeo di League Of Legends. Questa sarebbe una mossa ottimale per loro dopo una stagione deludente (qui trovate più info in merito), risollevando il morale di un ambiente totalmente sconfortato.

L’altro nome è quello dei NAVI (Natus Vincere), organizzazione ucraina da sempre presente nel settore esports, specialmente in quello degli FPS. Infine Wooloo ha dichiarato che ci sarebbe anche l’interesse di un’organizzazione nord-americana, ma non è stato ancora diffuso il nome di questo eventuale offerente. Potrebbero essere i TSM, visto l’interesse espresso dalla società per un possibile approdo in LEC (ve ne abbiamo parlato qui). Nei prossimi giorni ne sapremo di più e forse dovremo prepararci a dire addio anche agli Astralis.

Patch 12.16: Riot vuole eliminare la build tank di Diana

Patch 12.16: Riot vuole eliminare la build tank di Diana

Profilo di Rios
 WhatsApp

Riot Phroxzon ha mostrato, in anteprima su Twitter, la lista dei cambiamenti che vedremo nella patch 12.16 di League Of Legends. Questo aggiornamento inizierà a preparare il terreno per i Worlds 2022, anche se il team di bilanciamento si prenderà del tempo per valutare tutto con la 12.17.

Una patch importante, dunque, che porta specifici cambiamenti per specifici campioni. Infatti i devs hanno ulteriormente preso di mira Diana, che sta dando parecchi grattacapi a causa della sua build tank, ancora dominante in soloQ.

No manca l’ormai canonico nerf di Zeri, che non sembra trovare pace sin dal suo debutto, rimanendo un vero e proprio problema per Riot.

Anteprima senza numeri della patch 12.16 – Campioni buffati

  • Tristana
  • Zoe
  • Irelia
  • Caitlyn
  • Kai’Sa
  • Jayce
  • Vladimir
  • Malphite

Campioni nerfati

  • Zeri
  • Yuumi
  • Draven
  • Poppy

Altre  modifiche

  • Aggiustamenti ai campioni – Diana
  • Buff di sistema – Velo costante

Le dichiarazioni di Riot Phroxzon

Come detto in precedenza, per quanto la patch 12.16 sembri piccola, in realtà ha un’importanza non di poco conto. Lo ha specificato anche Riot Phroxzon nel post diffuso su Twitter, che ha aperto di fatto la strada verso l’appuntamento più importante dell’anno per League Of Legends: i Worlds 2022.

Questa 12.16 sarà infatti una sorta di apripista, getterà le basi per i progetti più importanti che vedremo poco più avanti con la 12.17. Sicuramente non sarà un percorso semplice, in quanto dal meta del gioco dipenderà tutto ciò che vedremo nella competizione internazionale per eccellenza.

“Questa è la nostra prima patch incentrata sui Worlds” ha dichiarato Phroxzon“Dato che alcune leghe si stanno qualificando ai Worlds durante questa patch, tratterremo i cambiamenti più speculativi per la 12.17. Stiamo provando ad indebolire alcuni outlier e di potenziarne altri, con i nerf che arriveranno per la build tank di Diana ed i buff per la build AP”.

Insomma, ci sarà da divertirsi. Purtroppo per ora non ci sono dati relativi alle modifiche della patch 12.16, ma durante la notte italiana tutto dovrebbe essere svelato.