PG Nationals LOGO

Sparks in finale del PG Nationals dopo un netto 3 a 0 contro gli Outplayed

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

I Campus Party Sparks battono, con un netto 3 a 0, i campioni in carica degli Outplayed e approdano in finale del PG Nationals Vigorsol Beats. Con questa vittoria, gli Sparks confermano l’eccellente periodo di forma, che dura dall’inizio dello Split e tutta la loro preparazione.

Gli Outplayed dopo questa sonora sconfitta, dovranno pensare bene alle strategie future. Se vorranno tenere il passo di team come Qlash Forge, Morning Stars e Sparks, dovranno inventarsi qualcosa.

Proprio Qlash Forge e Morning Stars si giocheranno il restante spot per la finale nella seconda semifinale. Una partita che si prospetta accesissima.

Vediamo come è andata la serie.

Game 1

In fase di Pick & Ban gli Sparks, optano per una team comp fortemente orientata al team fight. Con la solidissima combo di engage Jarvan – Galio ed Orianna, Kalista ed Ornn a condire il tutto. In cambio lasciano il power pick di Neeko on hit nelle mani degli avversari.

La partita inizia con le due squadre che si studiano. Tuttavia, con un perfetto pathing di giungla, il Jarvan di Rawbin IV (e quel “IV” non è li per caso) riesce a prendere un enorme vantaggio sul Gragas di StylEE. Intorno al minuto dieci gli OP accendono la partita. Dopo un’ottima azione in botlane i campioni in carica riescono a conquistare tre uccisioni.

Tuttavia gli Sparks sono bravi a mettere in pratica la winning condition principale della loro comp, cercare costantemente team fight. Grazie a delle schermaglie ben eseguite, gli Sparks riescono ad acquisire sempre più vantaggio fino alla vittoria finale. 1 a 0 Sparks.

Game 2

In fase di P&B gli Outplayed, riescono ad aggiudicarsi tre power pick del meta attuale: Morgana, Zoe e Sylas e decidono di bannare il Jarvan di Rawbin IV. Gli Sparks optano per una comp con fortissimo potenziale di kill a single target con un Nocturne capace di divare la backline nemica e il duo Kalista – Corki chiamato a fare danno.

Anche questa volta first blood nelle mani degli Outplayed dopo un’ottima gank della Sejuani di StyllEE in corsia inferiore. Tuttavia come nel game precedente gli Outplayed non riescono a mettere a frutto il vantaggio acquisito nelle prime fasi perdendo la gara di rotazioni e di lumi durante la transizione tra early e mid-game. Proprio dalla gestione magistrale di queste fasi di partita si nota tutta la preparazione degli Sparks e l’ottimo lavoro di Coach Cristo.

Grazie, quindi, all’ottima gestione della mappa e degli scontri di squadra gli Sparks riescono ad acquisire sempre più vantaggio fino alla conquista del secondo game della serie. Match Point per gli Sparks che si trovano ad una sola fatica dalla finale di PG Nationals.

Game 3

Ad un passo dal baratro gli Outplayed decidono di draftare dei comfort pick per provare a ribaltare la serie: Brizz con Zilean, Zvene con un hypercarry da corsia superiore e Chrisberg con Vayne, suo miglior campione. La loro winning condition è senza dubbio quella di trovare vantaggio nelle solo lane durante le fasi iniziali.

First Blood questa volta nelle mani degli Sparks, con un uccisione su Vayne grazie ad un’ottima gank di Rawbin IV. Dopo un early game nelle mani degli avversari gli Outplayed provano a stallare la partita, in attesa degli spikes dei carry. Tuttavia gli Sparks giocano la mappa in maniera proattiva e gli Outplayed non riescono a tenere il passo. Il sogni degli Outplayed cadono in frantumi e gli Sparks approdano in finale dei PG Nationals.

La finale

In attesa di conoscere l’avversario che uscirà dalla sfida tra Qlash Forge e Morning Stars, gli Sparks staccano il biglietto per la finale dei PG Nationals che andrà in scena il 7 Aprile al Teatro Ciak di Milano. Sarà un ottima occasione per vivere un’ottima esperienza dal vivo all’interno del teatro dove va in scena XFactor, per dirne una.


Sparks in finale del PG Nationals dopo un netto 3 a 0 contro gli Outplayed
Giuliano "Yushiiko" Maenza

Ex-giocatore agonistico di calcio, negli eSports ho ritrovato tante di quelle componenti che mi hanno fatto innamorare proprio di questo sport. Seguo il competitive di League of Legends da ormai quattro anni e gioco, divisione scapoli e ammogliati, da cinque. Laureato triennale con una tesi sugli eSports e Twitch.TV, attualmente studio Marketing & Digital Communication a Roma per la magistrale.

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701