Skin/Champion in offerta dal 4/11 al 4/14

Skin/Champion in offerta dal 4/11 al 4/14

Profilo di Stak
 WhatsApp

Vediamo quali sono le offerte che la Riot propone questa settimana!

2014.04.11.articlebanner.champskinsale

Skin

  • Gangster Twitch da 975 Rp a 487 Rp
  • High Command Katarina da 750 Rp a 375 Rp
  • Chosen Master Yida da 520 Rp a 260 Rp

Champion

  • Lissandra da 975 Rp a 487 Rp
  • Nocturne da 880 Rp a 440 Rp
  • Xin Zhao da 790 Rp a 395 Rp

Riot risponde ai rumors: “la LEC non ha chiesto ad Ocelote di dimettersi”

Riot risponde ai rumors: “la LEC non ha chiesto ad Ocelote di dimettersi”

Profilo di Rios
 WhatsApp

Nella serata di ieri, lunedì 26 settembre, sono venuti alla luce dei rumors piuttosto preoccupanti sul “caso Ocelote“. Secondo quanto riportato da YusteRiot avrebbe detto ai G2 di aver messo il dirigente in un lista nera, costringendolo così a non avere a che fare con le iniziative dell’azienda ed a vendere le azioni del team.

Delle voci molto pesanti, che hanno fatto esplodere ancora di più una vicenda tanto brutta quanto intricata. Ma a calmare gli animi ci ha pensato Riot stessa, tramite le parole di Maximilian Peter Schmidt.

Il direttore della LEC ha cercato di spegnere l’incendio, affermando però che la commissione della lega ha comunque aperto un’indagine sull’operato del dirigente spagnolo.

Riot risponde alle voci sul “caso Ocelote”

Le dichiarazioni di Maximilian Peter Schmidt

“Ciao a tutti. Oggi ho letto diversi falsi rumors riguardo alla situazione dei G2 e di Ocelote, vorrei fare chiarezza: la LEC non ha chiesto a Carlos di dimettersi o di cedere la sua proprietà. Abbiamo comunque aperto un’indagine secondo le nostre regole nella scorsa settimana, ed è ancora in corso.

Situazione sempre più confusa

Nonostante Schmidt volesse, di fatto, fermare quelli che lui ha bollato come “falsi rumors” le sue dichiarazioni hanno soltanto reso tutta la situazione ancora più caotica.

Infatti, benché abbia smentito le voci, accennare ad un’investigazione in corso nei confronti di Ocelote non è per nulla rassicurante. Schmidt non ha nemmeno chiarito il perché di questa investigazione, limitandosi soltanto a citare il regolamento della LEC (che a questo punto sarebbe stato violato in qualche modo).

Insomma, c’è ancora moltissima incertezza. Onestamente non capiamo perché Riot non abbia ancora rilasciato un comunicato ufficiale, come accaduto diverso tempo fa con Reginald ed i TSM. Forse si sta aspettando la fine di questa fantomatica indagine, per dare un quadro più completo ed uniforme possibile. Purtroppo restare così tanto tempo sul vago non beneficia nessuno, anzi alimenta soltanto falsi rumors e/o speculazioni assurde.

Speriamo che tutto possa concludersi una volta per tutte, in modo da lasciarci alle spalle una storia tanto assurda quanto spiacevole.

Worlds 2022: ecco chi sostituirà Upset ed Hylissang

Worlds 2022: ecco chi sostituirà Upset ed Hylissang

Profilo di Rios
 WhatsApp

Qualche giorno fa vi avevamo parlato dei problemi dei Fnatic in ottica Worlds 2022, costretti a rinunciare ad Upset ed Hylissang (almeno per ora). I due giocatori sono stati fermati dal COVID-19, e potrebbero non disputare la prima del torneo.

Proprio per questo motivo, il team si è subito messo alla ricerca di due sostituti, optando per una soluzione interna più immediata e più semplice. Ora sembra che le cose si siano sistemate, con i due sub che hanno ricevuto tutte le approvazioni del caso da parte di Riot.

Chiaramente la partecipazione del duo titolare non è ancora esclusa del tutto, in quanto soltanto il 28 di settembre avremo una risposta definitiva.

Ecco chi giocherà con i Fnatic durante i Worlds 2022

Il comunicato di LoL Esports

“Riot games ha permesso ai Fnatic un’aggiunta d’emergenza al roster, visto che due giocatori hanno contratto il COVID-19. Il giocatore Rhuckz, dal team ERL del Fnatic “Fnatic TQ”, è stato aggiunto come settimo giocatore all’interno del roster.”

Il comunicato dei Fnatic

Rhuckz è arrivato in Messico e giocherà al posto di Hylissang nel caso in cui lui non possa viaggiare. Vi forniremo ulteriori aggiornamenti in merito ad Upset ed Hylissang nelle prossime 48 ore. Grazie per il vostro supporto e per i migliori auguri fatti ai giocatori.”

Una coppia rodata

Il clima d’incertezza che circonda i Fnatic in queste ore è davvero assurdo, quasi incredibile a tratti. Infatti, nonostante siano stati annunciati i sostituti di Upset ed Hylissang, ancora non si sa davvero se il duo titolare parteciperà o meno alle partite del play-in.

Infatti i giocatori devono rispettare un periodo di quarantena di 5 giorni e solo allora, nel caso in cui fossero negativi ai test, potrebbero arrivare in Messico il 28 di settembre, un giorno prima dell’inizio dei Worlds 2022. Tempi sicuramente ristretti, che hanno reso necessarie delle decisioni.

La dirigenza ha deciso infatti di darsi un po’ di sicurezza in questo caos, scegliendo i sostituti più ovvi: i botlaner del team accademia. Bean e Rhuckz avranno l’arduo compito di tenere in piedi le sorti della propria squadra, venendo gettati nella mischia dei Worlds con pochissimo preavviso.

Bean ormai è diventato quasi abituato a certi eventi, visto che anche durante i Worlds 2021 ha dovuto sostituire Upset, ma per Rhuckz sarà una storia diversa. I due avranno comunque qualche giorno per prepararsi ed allenarsi con la squadra, ma per loro sarà comunque una missione difficilissima.

Ocelote sarebbe nella blacklist di Riot: costretto a vendere le azioni dei G2

Ocelote sarebbe nella blacklist di Riot: costretto a vendere le azioni dei G2

Profilo di Rios
 WhatsApp

I nomi di OceloteAndrew Tate ed i G2 Esports hanno dominato le ultime settimane, con una querelle che ha raggiunto il suo apice con le dimissioni del dirigente del team. Ma sembra che ci siano ancora alcuni strascichi, dato che alcune voci continuano a farsi sentire.

Infatti, secondo quanto riportato da YusteRiot avrebbe costretto Carlos a vendere le sue azioni dopo lo scandalo, estromettendolo di fatto dal proprio mondo esports. Un episodio di una gravità enorme che, se fosse vero, andrebbe a creare dei precedenti importanti.

Insomma, sembra che la vicenda sia molto ben lontana dell’essere chiusa ed altri sviluppi arriveranno ancora nei prossimi giorni.

Gli strascichi del caso Ocelote-Andrew Tate

Una brutta storia

Se non avete seguito tutto quello che è successo nelle passate settimane all’interno del caso “Ocelote-Andrew Tate”, procederemo a fare un breve riassunto (troverete tutti gli articoli a fine pezzo). Qualche settimana fa, il proprietario dei G2, ha deciso di dare un piccolo party per l’apparizione del suo team di League Of Legends ai Worlds 2022.

Fin qui nulla di male, direte voi. Ma il punto non è la festa, bensì gli invitati presenti. Infatti, tra questi, era presente Andrew Tate, una delle figure più tossiche ed osteggiate di tutto il panorama social mondiale. Il fatto è stato anche testimoniato tramite un video, postato da Ocelote stesso sul suo profilo Twitter.

La presenza di Tate in quella brevissima clip ha acceso gli animi dei fan dei G2 Esports e degli addetti ai lavori, che si sono subito scagliati contro Carlos in modi piuttosto forti. Molti hanno addirittura fatto a pezzi o dato fuoco alle magliette della squadra, postando video e foto nei commenti del post incriminato.

Nonostante tutto questo, però, Ocelote è rimasto fermissimo sulle sue posizioni. Ha affermato che nessuno può giudicare le sue amicizie e che lui festeggia con chi gli pare. Un atteggiamento che ha acuito i dissapori, portando i G2 a prendere una decisione drastica: sospendere il dirigente.

Ma non è finita qui. Infatti, pochi giorni dopo la sospensione, Ocelote si è ufficialmente dimesso dal suo ruolo, assumendosi le responsabilità di tutta la vicenda. Una decisone che lì per lì sembrava fin troppo improvvisa, ma che ora potrebbe avere una motivazione.

I recenti sviluppi

Le motivazioni di queste dimissioni improvvise potrebbe averle trovate Yuste, giornalista di Esportsmaniacos, che durante una diretta streaming ha svelato alcune novità sul caso.

“Sembra che Riot sia andata dai G2 ed abbia detto che Ocelote era nella loro blacklist. Lui infatti non può avere nulla a che fare in niente che coinvolga anche Riot e, anche se ancora non è certo, sembra che debba vendere anche le sue azioni dei G2 Esports. Per questo nel suo video (quello in cui annuncia le dimissioni n.d.r.) ha detto di non avere più legami con i G2.”

Se queste dichiarazioni fossero successivamente confermate, sarebbe una prima volta pesantissima per Riot Games. Infatti in passato l’azienda ha sanzionato dei team colpevoli di alcuni atteggiamento deplorevoli (TSM in primis), ma non si era mai spinta a tanto.

Ricordiamo che ancora non c’è stato alcun comunicato ufficiali da nessuna delle parti coinvolte, e che quindi queste rimangono ipotesi e speculazioni da verificare. Siamo convinti che nei prossimi giorni ci saranno ulteriori novità sul caso, visto che queste dichiarazioni faranno tanto rumore.

Potrebbe interessarti