Round da 46 milioni per GenG: anche Will Smith e l’owner dei Clippers investono negli esports!

Round da 46 milioni per GenG: anche Will Smith e l’owner dei Clippers investono negli esports!

Profilo di Stak
 WhatsApp

La celebre realtà dei Gen.G è una delle più blasonate e conosciute all’interno del mondo esports.
Questa storica società sud coreana è ormai attiva su tanti titoli diversi ed in ognuno di questi compete, tra molti alti e qualche basso, per le posizioni di testa delle varie classifiche.

I Gen.G sono infatti presenti con un team su League of Legends (con cui hanno vinto le Regional Finals del 2018 delle LCK), su PUBG, Clash Royale, COD ed Overwatch, nell’ultimo dei quali occupa una posizione di rilevanza mondiale.
I nero oro sono infatti rappresentati nella celebre Overwatch League dai Seoul Dynasty, franchigia che condivide la sua proprietà con quella dei Gen.G.

La peculiarità di questa organizzazione, che ricordiamo essere coreana con sede a Seoul, è che la sua dirigenza è quasi completamente a stelle e strisce: sia i 4 fondatori che il CEO ed il CGO sono tutti di nazionalità statunitense e, stando agli ultimi dati riportati su Forbes, la componente nord americana all’intero della società non farà che aumentare nei prossimi giorni.

E’ infatti di ieri la notizia relativa al fatto che il celebre attore Will Smith (insieme anche al proprietario dei Los Angeles Clippers Dennis Wong) abbia deciso di entrare negli esports, partecipando ad un nuovo round di finanziamenti per il team che sfiorerà i 50 milioni di Dollari.
Non è ancora chiaro come questi soldi verranno utilizzati dalla realtà mezza coreana e mezza della Silicon Valley ma, secondo le primissime indiscrezioni, dovremmo vedere un nuovo centro del team entro e non oltre l’estate 2019 ed ovviamente l’espansione del brand su altri titoli e/o su altre regioni di gioco.

Tra gli altri nomi celebri coinvolti in questo nuovo round di finanziamenti troviamo anche quello del calciatore nipponico, ed ex milanista, Keisuke Honda , oltre anche a Michael Zeisser e David Roger, rispettivamente ex responsabile per gli investimenti di Alibaba negli States e fondatore di Master Class.

Quale sarà la prossima grande star che sceglierà di investire parte dei suoi soldi in questo nuovo modo di vivere la competizione e l’intrattenimento sportivo?

Dev di DEADROP (gioco di Dr Disrespect) prende in giro Activision per aver copiato un’altra skin!

Dev di DEADROP (gioco di Dr Disrespect) prende in giro Activision per aver copiato un’altra skin!

Profilo di Stak
 WhatsApp

A distanza di neanche una settimana dall’imbarazzante situazione che ha visto Activision al centro di durissime accuse di “plagio”, una nuova vicenda rischia di attirare sul publisher di Call of Duty le ire degli utenti.

Qualche giorno fa è stato l’artista Saillin ad accusare per primo Activision di plagio per il nuovo modello Loyal Samoyed.

Questa nuova skin era infatti copia spiccicata di un modello creato proprio dall’artista Saillin. Una volta che le accuse di plagio sono diventate di dominio pubblico, Activision ha scelto di rimuovere il modello in questione dal negozio scusandosi con Saillin per la tragica “svista.

Oggi però sono state lanciate delle nuove accuse, questa volta direttamente da uno sviluppatore di Midnight, società di DrDisRespect che sta sviluppando il nuovo Deadrop. A parlare è Robert Bowling, altrimenti noto come FourZeroTwo, studio head di Midnight Society ed ex sviluppatore di Activision.

In passato infatti, FourZeroTwo è stato Creative Strategist e Community Manager di Infinity Ward, di fatto condividendo un percorso molto simile a quello intrapreso proprio da DrDisRespect (qui ulteriori dettagli).

FourZeroTwo sulla skin Malware: “potevate almeno dargli il mio nome”

Per quanto riguarda le accuse, FourZeroTwo ha preso in giro su Twitter Activision riguardo ad una skin che ricorda moltissimo un modello presente proprio su Deadrop. In particolare, sembra che la skin presente nel Founders Pass di Deadrop sia stata la “base” per creare il modello disponibile su Call of Duty con il Malware Ultra Skin Bundle.

Clicca qui per visualizzare il post su Twitter! 

Al momento non ci sono prove effettive che il modello di Activision sia stato copiato da quello di Deadrop. Proprio FourZeroTwo ha però commentato “almeno la potevate chiamare (riferendosi alla skin, ndr) come me”, chiaro segno che in Midnight Society non devono essere troppo felici della skin del Malware Bundle.

Voi cosa ne pensate community? La discussione, come sempre, è aperta!

Articoli correlati: 

Su Apex Legends arriverà presto una LTM storica di Call of Duty, ecco quale

Su Apex Legends arriverà presto una LTM storica di Call of Duty, ecco quale

Profilo di Gosoap
 WhatsApp

Una nuova LTM è in arrivo su Apex Legends e secondo le ultime anticipazioni sarà proprio un nuova modalità ispirata ad una storica playlist di Call of Duty, divenuta cult nel corso degli anni.

Uno degli aspetti più tipici e particolari di Apex Legends, rispetto ai suoi competitor, sono senza dubbio le LTM. Per i meno esperti o coloro che si fossero avvicinati da poco al gioco, si tratta di modalità di gioco particolari durano di solito un paio di settimane.

Quando si tratta di Sparatutto ed FPS è davvero impossibile non citare Call of Duty, saga iconica del genere che per anni ha accompagnato due generazioni di videogiocatori.

Quale è la nuova LTM in arrivo su Apex Legends?

Secondo il rapporto presentato negli scorsi giorni dal noto leaker HYPERMYST, Su Apex sarebbe in arrivo una nuova LTM chiamata Gioco delle Armi (orig. Gun Game).

Insieme al nome sono state scoperta alcune frasi dell’annunciatore: ”Attention. A team has half the points needed to win… A team has reached half the points necessary for victory… A team is five points from victory.”

La modalità Gioco delle armi su Call of Duty è una playlist di gioco Tutti contro Tutti che consiste nell’arrivare ad un numero prefissato di uccisioni. Ogni uccisione ci darà accesso all’arma successiva, di difficoltà crescente, in modo da rendere la scalata più impegnativa.

Che Apex Legends si stia preparando ad introdurre questo concept per la prossima LTM della Stagione 14? Come al solito la discussione è aperta!

Articoli Correlati:

Alpha, Charlie, Hotel: confusi dai nomi generici delle armi di COD? Vediamo perchè si chiamano cosi

Alpha, Charlie, Hotel: confusi dai nomi generici delle armi di COD? Vediamo perchè si chiamano cosi

Profilo di Stak
 WhatsApp

Armi di COD – Con l’introduzione delle armi di Vanguard su Warzone, i giocatori del BR Activision si sono ritrovati con ben 3 “pacchetti” di armi provenienti da altrettanti titoli del franchise. Nell’armaiolo sono infatti presenti le armi di Modern Warfare, quelle di Black Ops ed anche quelle di Vanguard… Molte di queste sono “copie”, e questo già confonde non poco i giocatori.

Pensate ad esempio al KAR98K, all’MP5 o all’AK47, tutte armi presenti presenti almeno in “doppia copia”. Oltre a questo però, a rendere il tutto più “assurdo” sono alcuni nomi generici che vengono dati alle armi, come “fucile d’assalto Alpha” o “SMG Charlie“, solo per fare due esempi.

I giocatori hanno sempre trovato scomodi i nomi generici delle armi, specialmente ora che esistono “3 Assault Rifle Alpha” (Vanguard, MW e Black Ops), “3 Assault Rifle Charlie” e tante altre armi simili. Non solo, perchè a rendere il tutto ancor più complicato c’è anche il fatto che alcune armi sono anche di categorie diverse. Pensate all’Aug ad esempio, che su BO veniva proposto come fucile tattico, mentre con MW addirittura come SMG.

Ma perché i devs hanno sempre deciso di ricorrere a dei nomi cosi “generici” per le armi come Alpha, Charlie o Hotel per le note della patch? Perchè è sempre molto “ostico” riuscire a consultare i bilanciamenti con questi nomi per le armi. Non a caso qui su Powned provvediamo a “modificare” il nome delle armi nella patch inserendo quelli “originali” e facilmente riconoscibili.

La risposta è molto banale ed ovvia, e ci arriva direttamente dalla sviluppatrice Sam Leichtamer… Stando a quando riportato dalla Leichtamer infatti, vi sarebbero dei “problemi legali” a riportare i nomi di alcune armi nelle patch, e per i devs questo è il sistema più “immediato” per intervenire.

La risposta di Sam Leichtamer sulla questione “nomi delle armi di COD”

Inutile dire che i giocatori non hanno preso affatto bene le dichiarazioni, ed hanno al contrario invitato Activision ad esplorare nuove “strade” per dare maggiore “unicità” a tutte le armi ed ai loro nomi.

Voi cosa ne pensate community? Activision avrebbe potuto trovare un sistema migliore per rinominare le armi? La discussione, come sempre, è aperta!

Articoli correlati: