Riot vuole dare più possibilità di personalizzazione ai giocatori

Riot vuole dare più possibilità di personalizzazione ai giocatori

Profilo di Rios
 WhatsApp

In un recente dev blogRiot ha esplicitato la propria volontà di dare maggiore personalizzazione ai profili di ogni singolo giocatore. Le novità che saranno introdotte andranno ad ampliare un sistema già ricco, approfondendo un aspetto che l’azienda chiama Identità di progressione.

Riot punta sulla personalizzazione dell’identità in LoL

Identità di personalizzazione

In LoL ci sono molti modi per mostrare che giocatore siete: stile di gioco, identità del ruolo, icone dell’evocatore, nome evocatore, livello prestigio (bordo), livello, campione preferito ecc. Veramente tanti! Raggruppiamo insieme tutti questi modi con il termine ”Identità di progressione”.

Con l’idea di aggiungere in futuro ulteriori elementi di Identità di progressione per mostrare meglio chi siete, è essenziale che ogni elemento aggiunto sia coerente con lo stile di League of Legends e rispecchi i nostri standard di qualità grafica sia dal punto di vista della fantasia che della chiarezza. Vogliamo inoltre che possiate scegliere in modo chiaro elementi che rispecchiano le vostre preferenze di gioco, senza dover fare i salti mortali per riuscirci.

Detto questo, siamo arrivati al punto in cui le attuali opzioni dell’Identità di progressione non rappresentano adeguatamente tutti gli elementi dell’esperienza di League of Legends. Ciò che lo rende speciale per ogni tipo di giocatore. Stiamo dunque ideando e progettando quella che potrebbe essere la nuova generazione di personalizzazioni. In questo articolo parleremo brevemente di alcuni dei diversi elementi identitari e degli aggiornamenti grafici che stiamo prendendo in esame per fornire un contesto e qualche anteprima dei lavori in corso, in modo che possiate darci il vostro feedback.

Gli obiettivi di Riot

“Per offrirvi le migliore scelte relative all’Identità di progressione tra una miriade di possibilità, stiamo pensando di aggiornare gli elementi di personalizzazione attualmente disponibili con queste idee in mente:

  • Dare ai giocatori più gestione della propria identità, in modo che possano mostrare in modo ancora più chiaro il loro approccio personale a LoL
  • Rinnovare alcune delle caratteristiche identitarie principali di LoL insieme a nuovi stili per il 2021 e oltre

Progetto in cantiere

Questi sono alcuni dei nostri programmi per l’anno in corso e oltre. Sono legati direttamente agli attuali componenti dell’Identità di progressione e a nuovi contenuti di sistema.

Personalizzazione dell’identità. Sono passati anni da quando abbiamo inserito paramenti classificati e livelli prestigio nell’ecosistema di LoL, e non vi abbiamo ancora dato un modo per scegliere in modo chiaro i bordi più adatti a voi. Entro la fine di quest’anno abbiamo in programma di rilasciare una personalizzazione completa dell’identità. Permetterà ai giocatori di scegliere bordi e icone, oltre a qualche nuova opzione di personalizzazione che stiamo sviluppando insieme ai nostri nuovi sistemi ancora da definire.

Riot aggiorna l’interfaccia di gioco

Insieme ad alcune importanti novità relative all’esperienza di gioco dentro e fuori partita. Vogliamo dare una rinfrescata ad alcuni degli stili più vecchi e immutati delle schermate: lobby, schermata di caricamento e schermata di fine partita. In questo modo, possiamo svecchiare il nostro stile grafico e portarlo nel 2021, e fare spazio ad alcuni nuovi e unici tipi di contenuti.

Nella bozza qui sotto potete vedere una grande influenza del vecchio stile nella lobby, con i dettagli della mappa e le immagini di sfondo rimasti relativamente immutati. Tuttavia, stiamo anche provando a ridurre l’impatto degli elementi più evidenti. Come i banner inutilizzati nelle schermate del flusso di gioco e l’ingombrante interfaccia della parte inferiore nel client, per concentrarci su componenti identitari che vi permettano di risaltare quando siete in coda con amici, compagni di squadra o state semplicemente entrando in partita.

Speriamo che concentrandoci prima su caratteristiche identitarie fondamentali come emblemi classificati, livello, nome e icone saremo in grado di portare nel prossimo futuro il resto del client o l’esperienza fuori partita a un livello soddisfacente senza troppi sforzi ulteriori. In questo modo potrete esprimere prima chi siete sulla Landa.

Emblemi delle classificate

I risultati nelle classificate sono per molti versi considerati sinonimo della propria identità in League of Legends. I bordi metallici e gli elmi elaborati sono diventati lo standard dell’abilità competitiva. I giocatori che hanno raggiunto questi difficili obiettivi vengono celebrati in un modo universale e riconoscibile.

Per questo, nel lavorare a uno stile aggiornato per l’identità classificata il nostro obiettivo principale è assicurarci di non ridurre il senso di valore e traguardo raggiunto, a prescindere da quale sia il livello. Inoltre, stiamo molto attenti ad esplorare opzioni che mantengano la riconoscibilità del livello a una prima occhiata e assicurino che il vecchio stile metallico ed elaborato si trasformi in qualcosa di ugualmente notevole.

In questo progetto potenziale, abbiamo provato a rimuovere la struttura complessa e l’allineamento di fazione che si trovano nelle attuali opzioni dei paramenti. Anche se è un approccio semplificato, rimuovere l’elemento legato a struttura e fazione ci permette di lavorare di più sui livelli classificati come elementi essenziali della vostra identità. Spostandoci di più verso l’emblematica forma ad ala ci permetterà di riutilizzarla all’interno dell’intera esperienza di gioco e combinarla con altri sistemi di gioco per raccontare una storia del giocatore più completa.

L’obiettivo di queste idee preliminari è individuare quella che crediamo sia la nuova direzione per l’identità come concetto generale, con un chiaro e attento rimando al passato. Per questo, anche se abbiamo sostituito la forma ad elmo, manteniamo la sensazione fondamentale dei paramenti con una nuova energia che mostra la crescita che si irradia dal metallo.

I livelli prestigio di Riot

I bordi dei livelli prestigio promettevano molto dal punto di vista artistico, ma per quanto riguarda la personalizzazione abbiamo sbagliato. I giocatori che avevano ottenuto qualcosa che sentivano li rispecchiasse non erano più in grado di mostrare quel contenuto quando raggiungevano un nuovo livello prestigio. Prima di tutto, vogliamo correggere questa situazione permettendo ai giocatori di selezionare il bordo del livello che preferiscono. In più, stiamo esplorando un mondo in cui questi livelli si muovono in una direzione simile alle classificate, con elementi ad ala trasferibili in tutti i punti in cui si affaccia l’identità. L’ideale qui sarebbe trovare una soluzione che non perda nulla della qualità precedente e non entri in conflitto con altre funzioni identitarie.

Contenuti nuovi di Riot

Infine, insieme ad alcuni dei nostri nuovi sistemi in programma per questo e i prossimi anni. Vogliamo inserire ulteriori tipi di contenuti esclusivi ottenibili che i giocatori possono mostrare come parte della propria identità. Questi tipi di contenuti, indicati qui sotto, rappresenteranno varie sfaccettature del vostro modo di giocare a LoL.

  • I titoli verranno ottenuti nel gioco tramite azioni uniche compiute in League of Legends nel corso del tempo. Speriamo di poter aumentare la sensazione di controllo e immersione in LoL. Offrendo titoli che rappresentano le abilità e contenuti che espandono la storia e l’universo tematico del gioco.

  • I cristalli identità. Un oggetto identitario da non confondere con le gemme che ottenete dalla creazione. Saranno un riepilogo dell’impronta generale dei giocatori in LoL, e avranno una funzione di livelli simile a quella di altri sistemi competitivi. L’idea è che il cristallo Hextech mostrato crescerà in potenza, rappresentando la vostra crescita generale in League of Legends
  • Le decorazioni degli stendardi, con i quali vorremmo sostituire gli stendardi inutilizzati nella lobby e nella schermata di caricamento, sono ancora in corso di ideazione, ma speriamo si tratti di una bella opzione di personalizzazione che permetta ai giocatori di mostrare davvero alcuni dei dettagli della loro personalità al di fuori della partita.

Conclusioni di Riot Codebear

Siamo felici di aver potuto parlare di queste modifiche in una fase così iniziale dello sviluppo. Questo ci permette non solo di avere il vostro feedback circa la direzione in cui andare, ma apre la strada ad altre conversazione man mano che ci avviciniamo al rilascio di alcune di queste modifiche.

A proposito di feedback, taggateci con @loldev su Twitter ed esprimete le vostre opinioni su quello che vi abbiamo detto oggi! Ricordate però che queste idee sono tutte espressione di lavori in corso. Ma i nostri artisti e i team di sviluppo sono ansiosi di creare l’esperienza migliore possibile, quindi discussioni e feedback costruttivi sono i benvenuti.

Come sempre, ci vediamo nella Landa!

Udyr: ecco le abilità del nuovo rework

Udyr: ecco le abilità del nuovo rework

Profilo di Rios
 WhatsApp

Finalmente, dopo anni di attesa, i fan di tutto il mondo possono ammirare il VGU di Udyr, in arrivo a breve nel roster di League Of Legends. Questo è un rework particolare, che non va a stravolgere l’identità del campione, ma anzi la mantiene aggiungendo un pizzico di modernità.

Un lavoro di fino, che però potrebbe non piacere a quei giocatori che si aspettavano un campione nettamente diverso. Questo è uno dei personaggi più iconici ed antichi del MOBA di Riot, quindi stravolgerlo sarebbe stato un peccato.

Ma non perdiamoci in ulteriori chiacchere ed andiamo a conoscere da vicino la nuova forma dell’Eremita Spirituale.

Tutti i dettagli del rework di Udyr

Introduzione

Il “più autentico” campione da corpo a corpo di League of Legends torna più in forma che mai, pronto ad affrontare la giungla e i suoi nemici con potenti posizioni. Una buona reattività e la capacità di usare le sue abilità in base alla situazione aiuteranno i giocatori di Udyr a scatenare l’universo mistico del Freljord in modi unici. 

Udyr è il più potente eremita spirituale vivente ed entra in comunione con gli spiriti del Freljord, intuendo empaticamente le loro necessità o canalizzando e trasformando le loro energie eteree nel suo stile di combattimento primordiale. Cerca di trovare il suo equilibrio con se stesso, per far sì che la sua mente non si perda tra le altre, ma anche con il mondo, poiché l’universo mistico del Freljord può prosperare solo attraverso la crescita che deriva dal conflitto e dallo scontro… e Udyr sa che vanno fatti dei sacrifici per allontanare la pace e l’immobilità.

Il Kit

Passiva – Ponte tra i mondi (Risveglio spirituale/Addestramento monastico) 

Udyr ha 4 posizioni come abilità di base, ognuna legata a un semidio del Freljord. Circa ogni 30 secondi può Risvegliare la sua posizione attiva rilanciandola per ripristinarla e ottenere effetti bonus. Dopo aver lanciato (o rilanciato) un’abilità, i successivi due attacchi di Udyr ottengono il 40% di velocità d’attacco. 

Q – Artiglio selvaggio 

Udyr assume la Posizione dell’Artiglio. Conferisce velocità d’attacco. I prossimi due attacchi infliggono danni a raffica.

Risveglio: aumenta la velocità d’attacco e i due attacchi successivi lanciano fulmini che rimbalzano fino a 6 volte (possono colpire più volte lo stesso bersaglio, se è isolato). 

W – Manto di ferro 

Udyr assume la Posizione del Manto. Ottiene uno scudo. I prossimi due attacchi ripristinano salute.

Risveglio: ripristina lo scudo, cumulabile. Recupera una grande quantità di salute massima nell’arco di 2 secondi. 

E – Carica ardente 

Udyr assume la Posizione della Carica. Ottiene un aumento della velocità di movimento. Mentre è in questa posizione, il primo attacco contro ogni bersaglio lo stordisce.  

Risveglio: aumenta la velocità di movimento, ottiene immunità agli effetti di controllo per un breve periodo. 

R – Tempesta alata 

Udyr assume la Posizione della Tempesta. Evoca una tempesta glaciale che infligge danni e rallenta i nemici vicini. I prossimi due attacchi aumentano l’area d’effetto della tempesta.  

Risveglio: la tempesta si allontana da Udyr e insegue il nemico che ha attaccato più di recente (e infligge più danni). 

Il coach che RUBAVA gli stipendi dei player dei TSM, Peter Zhang, BANNATO permanentemente dall’esport di League of Legends

Il coach che RUBAVA gli stipendi dei player dei TSM, Peter Zhang, BANNATO permanentemente dall’esport di League of Legends

Profilo di Gosoap
 WhatsApp

In un recentissimo Ruling competitivo reso pubblico nella serata di ieri, Riot Games ha ufficialmente annunciato il ban a tempo indeterminato dall’esports di League Of Legends di Peter Zhang, ex-coach dei TSM.

Durante i primi mesi di quest’anno, Zhang era stato accusato di aver illecitamente sottratto soldi dagli stipendi dei giocatori del team principale. Le indagini interne portate avanti da TSM avevano poi confermato queste accuse, portando infine alla squalifica ed alla rescissione del contratto con l’org.

L’iter burocratico di casa Riot vuole tuttavia che chi si macchia di certi tipi di reati debba essere sottoposto ad ulteriori indagini, al fine di poter dare al giocatore la giusta pena. Indagini che si sono infine concluse nella notte di ieri.

Peter Zhang, addio per sempre all’esport di League of Legends – il comunicato

Ecco i punti salienti del comunicato:

”Zhang ‘Peter Zhang’ Yi è permanentemente bandito da qualsiasi associazione o affiliazione con una squadra od organizzazione in competizioni patrocinate da Riot per aver messo in atto quello che riteniamo essere un comportamento allarmante e non etico nei confronti dei giocatori e dello staff TSM attuali e passati.”

”Peter Zhang ha violato il set di regole LCS e l’accordo di idoneità e rilascio LCS deviando parte degli stipendi dei giocatori su account appartenenti a lui e ad alcuni suoi soci, ingannando e non compensando completamente un ex giocatore TSM per la vendita della sua auto e chiedendo prestiti a giocatori e personale TSM.”

[…]’‘Tra dicembre 2021 e febbraio 2022, Peter Zhang ha dirottato su conti terzi circa $ 250.000 in pagamenti di stipendio da due giocatori di TSM. […] Inoltre, le prove suggeriscono che, durante il suo impiego presso TSM, Peter Zhang ha condiviso informazioni non pubbliche relative alle decisioni di assunzione di TSM, potenzialmente in cambio di un vantaggio personale.”

Insomma, cosa ne pensate della squalifica di Zhang da League of Legends? Giusta o giustissima? Come al solito la discussione è aperta!

Articoli Correlati:

PG Nationals: i Macko Esports si riprendono il titolo

PG Nationals: i Macko Esports si riprendono il titolo

Profilo di Rios
 WhatsApp

Dopo una stagione lunga, combattuta e ricca di emozioni, si è chiuso oggi l’ultimo capitolo del PG Nationals 2022 che ha visto i Macko tornare campioni. La squadra di coach Cristo si è ripresa il titolo dopo il brusco stop subito in primavera, battendo gli Outplayed di Brizz con un netto 3-1.

Questa vittoria permette al team pugliese di qualificarsi al main event dell’EU Masters, evitando quella fase di play-in insidiosa. Toccherà agli Outplayed cercare di districarsi in quel terreno infido, per riportare due squadre italiane nella parte più importante del torneo.

Una finale comunque spettacolare sotto ogni punto di vista, che ci ha fatto capire quale sia la reale forza di queste due compagini.

I Macko sono i campioni del PG Nationals

Più combattuta del previsto

Già alla vigilia di questa finale avevamo un chiaro favorito: i Macko. La squadra, per quanto non abbia giocato una stagione regolare particolarmente dominante, ha mostrato nei playoff tutta la sua forza e la sua superiorità rispetto a tutti gli altri.

Questo fattore si è subito visto nella serie di oggi, già dal primo game. Click e compagni, infatti, hanno devastato i loro avversari, forti di una draft costruita meglio e di una esecuzione in partita quasi perfetta. A tutto ciò aggiungeteci un ACD (MVP dello split) magnifico con il suo Gangplank, e che farà venire gli incubi al povero Stenbosse. Da non sotto valutare anche l’ottima prestazione di Rharhes con Ziggs, vero carry con un dps quasi incessante.

Nonostante questo inizio, gli Outplayed non si sono persi d’animo. Già nel secondo game della serie, infatti, la squadra ha rialzato la testa anche con una draft che inizialmente non sembrava ottimale. La squadra di Brizz aveva preso cinque campioni da hyper-scaling, senza nemmeno un pick in grado di far arrivare quella composizione alle sue condizioni di vittoria.

Ma fare i conti senza l’avversario non è mai saggio. Infatti nel game 2 i Macko hanno fatto una serie di errori infinita, regalando kill e risorse a Dehaste e compagni, agevolando uno scaling che non doveva arrivare. Ma la squadra di Cristo ha gettato il cuore oltre l’ostacolo, resistendo ben più del previsto. Gli OP però non si sono scomposti, volevano la vittoria e l’hanno presa con forza portando la serie in parità.

L’affondo dei Macko

Il game 3 è stato molto simile al precedente, con gli Outplayed capaci di prendere un enorme vantaggio in early, anche grazie agli errori commessi dai Macko. Ma questa volta, però, il risultato è stato ben diverso. ACD e compagni non muoiono mai e gli OP l’hanno imparato a loro spese.

Macko sono riusciti a rimontare un vantaggio in gold abnorme, e fight dopo fight hanno iniziato ad avvicinarsi pericolosamente alla base avversaria. I ragazzi di Brizz hanno provato a resistere coraggiosamente, ma l’avanzata dei Macko è stata disarmante. Una rimonta spettacolare, che ha dato ancora più forza al team pugliese.

Infatti game 4 è stata una pura formalità, dato che i Macko hanno subito fatto capire qual era il loro intento. La dominazione sulla partita è stata assurda, quasi paragonabile alla prima partita della serie. Gli OP non sono mai stati in grado di costruire una resistenza credibile, facendosi così travolgere dallo tsunami dei Macko vogliosi di rimettere le mani sul quel titolo del PG Nationals sfuggito in primavera.

In ogni caso rendiamo onore ad entrambi i team per le loro prestazioni. Grazie a tutti, ragazzi. Ci avete fatto vivere una stagione ed una finale incredibile. Ci vediamo ad EU Masters (qui tutte le date).