Renata Glasc: Riot ci da qualche insight sulla sua nascita

Renata Glasc: Riot ci da qualche insight sulla sua nascita

Profilo di Rios
 WhatsApp

Renata Glasc è arrivata sulla Landa degli Evocatori, ma Riot ha voluto rivelarci qualche informazione in più sulla sua nascita. In un recente dev blog, infatti, gli sviluppatori ci hanno fatto capire come sia saltata fuori l’idea di un campione così peculiare.

Questo personaggio ha da subito attirato l’attenzione per la sua personalità e per il suo kit, che però poi non si è rivelato essere così temibili come si pensava. Nonostante questo, il suo indiscutibile fascino rimane immutato, anche se avrà bisogno di qualche buff.

Andiamo a leggere le parole dei dev, per conoscere ancora di più i dettagli sulla nascita del nuovo campione di League Of Legends.

La nascita di Renata Glasc

Introduzione

“Se Renata Glasc vivesse nel nostro mondo, investirebbe in criptovalute e cercherebbe allo stesso tempo di manipolarne il mercato tramite Twitter. Ma, per fortuna, non è nel nostro mondo… dove abbiamo già abbastanza persone di questo tipo.

Invece, Renata Glasc è una baronessa chimica. Una capitalista che salva i poveri di Zaun con una mano, mentre con l’altra li strozza fino a soffocarli. Un’incantatrice malvagia che sfrutta la potenza del chemtech per piegare i suoi nemici alla propria volontà e “potenziare” i suoi alleati (leggete: piegare alla sua volontà anche loro).

E sinceramente, cosa potrebbe volere di più una ragazza cresciuta nel Sump di Zaun?”

Un enchanter diverso

“L’attuale formazione degli incantatori è composta da ragazze timide, un belloccio non molto brillante, una lunatica che lancia fatine e una gatta. Ma cosa resta a noi fan di Pyke che vorremmo giocare un incantatore, pur restando dei tipi loschi?

“Abbiamo discusso la possibilità di creare un incantatore dalle tinte più cupe già dalle fasi iniziali dello sviluppo”, ci ha raccontato il designer Blake “Squad5” Smith. “Così, ho iniziato a riflettere sull’obiettivo degli incantatori, ovvero proteggere i propri alleati e aiutarli ad essere efficaci, e poi ho pensato a come fare per dare un tocco più sinistro a queste meccaniche.”

All’apparenza, non sembra ci siano molte alternative per rendere malvagio un incantatore. Curare, applicare scudi e buffare sono azioni intrinsecamente altruiste: fondamentalmente, il campione dona una parte del proprio potere a un alleato senza chiedere niente in cambio (a differenza dei maghi da supporto, che vogliono le vostre uccisioni così da poter acquistare Copricapo di Rabadon). Ma scavando un po’ più a fondo, si trovano molti modi per trasformare le meccaniche degli incantatori in qualcosa di più malevolo.”

Manipolazione

“Offrire potere ad un certo prezzo, manipolare i nemici e costringere gli alleati a combattere dopo la morte. Questi sono i diversi approcci che Squad5 ha scelto di adottare per sviluppare un’incantatrice malvagia.

“Avevo deciso le meccaniche di gioco prima ancora che Renata diventasse Renata”, ha spiegato Squad5. “È piuttosto insolito per lo sviluppo di un campione, ma poiché avevamo un obiettivo tematico di gameplay molto solido fin dall’inizio, ci è stato subito chiaro il tipo di kit di cui avevamo bisogno. La sua R mette letteralmente i nemici l’uno contro l’altro.

In un certo senso, è una diversa interpretazione della provocazione, nel senso che provoca un nemico di Renata e lo costringe ad attaccare i propri alleati. Inoltre, l’abilità applica un buff che aumenta la velocità d’attacco, rendendo il bersaglio più letale mentre uccide i suoi alleati. In questo modo, si crea un momento emozionante in cui Renata può far ritorcere il potere degli avversari contro loro stessi. Alla fine, questa abilità è diventata la mia preferita nel suo kit, poiché costituisce un nuovo approccio agli incantatori che finora era assente su LoL.”

L’arma

“Ogni incantatore ha bisogno di un’arma, e guardando a quelle che gli altri membri di questa classe usano di solito, il concept artist senior Sunny “Kindlejack” Pandita si è reso conto che non ci fosse una grande varietà. C’erano un sacco di bastoni, per vento, acqua, magia. Ma tutte queste armi avevano due elementi in comune: erano grosse e avevano tante funzioni diverse.

“Credo di aver disegnato centinaia di modelli per l’arma di Renata. Volevo che fosse chiaro che ha il potere di far infuriare le persone, di renderle immuni alla morte, di danneggiare i nemici, proteggere gli alleati e far rivoltare gli avversari l’uno contro l’altro… Si tratta di molti poteri diversi”, ci ha spiegato Kindlejack.

“E poiché è un’incantatrice, volevo darle qualche elemento tratto dal campo medico, ma distorto, quindi ho provato a farle impugnare una siringa, uno strano serbatoio chimico e perfino una mitragliatrice. Ma alla fine, richiamare l’idea del caduceo mi è sembrato l’approccio più appropriato.

Da qui, il team aveva solo il semplice compito di sviluppare un intero campione che incarnasse il malvagio kit creato da Squad5… e quindi si sono chiesti quale tipo di malvagità rappresentassero queste abilità.

Il male

Su LoL, il male assume molte forme. Da un signore del male ridicolmente piccolo, a una rabbia apocalittica nata dal dolore e dalla perdita, passando per un intero elenco di demoni che non vedono l’ora di mangiarvi e torturarvi. Eppure, non c’era mai stato un tipo di male con cui i giocatori potessero quasi identificarsi. Certo, tutti ricordiamo il dolore della nostra prima delusione d’amore e la convinzione che non avremmo mai superato quella sofferenza straziante, ma pochissimi di noi hanno creato la Rovina facendo uscire la Nebbia Oscura dalla voragine che ora hanno al posto del cuore.

Come sarebbe stato se avessimo creato qualcosa di più vicino al nostro mondo? Qualcosa di un po’ più moderno.”

Capitalismo

“CEO, imprenditrice.

Nata tra i poveri di Zaun.

Renata, Renata Glasc.

Chi non ama il capitalismo? Farsi strada con le proprie forze, risalire la scala sociale ed economica e costruire un impero economico. Tutto ciò che serve per raggiungere l’obiettivo è schiacciare chi vi ha aiutato, distruggere l’ambiente ed evadere le tasse. È fantastico, vero?

Anche se conosciamo tutti molto bene il lato malvagio delle aziende, è un elemento che non avevamo mai esplorato su LoL. Tuttavia, c’era un problema: è una cosa molto reale, una creazione moderna del nostro mondo. Come potevamo creare un campione che incarnasse gli aspetti malvagi delle grandi aziende facendo parte di un mondo pieno di draghi, demoni e magia?

Conoscevamo già gli elementi principali del suo kit, sapevamo che sarebbe stata malvagia (o con una moralità “grigia”) e ora avevamo deciso di volerla rendere una ricca imprenditrice. Quindi, restava da stabilire da quale parte di Runeterra provenisse e quale fosse la sua storia?”

Zaun e Piltover

Zaun e Piltover sono uniche su Runeterra. Sono città dove regnano il progresso, la tecnologia e le disuguaglianze. Ci sono molti personaggi che ci permettono di esplorare entrambe le città e le sue sottoculture, ma nessuno di loro ci offre la prospettiva di coloro che traggono guadagno da tutta questa situazione. Beh… in realtà non è esattamente così.

Mentre riflettevamo sul tipo di personaggio che sarebbe stato adatto al gameplay, alla personalità e all’archetipo che il team stava creando, è saltato fuori il nome di Silco. Ma come ci ha già spiegato Ryan “Reav3” Mireles, responsabile del team dei campioni, Silco non arriverà su LoL.

“Abbiamo valutato Silco nelle fasi iniziali del processo creativo, ma ci è sembrato che non avesse le caratteristiche per essere un campione di LoL”, ha spiegato Reav3. “A dirla tutta, quasi tutti i personaggi di Arcane non hanno queste caratteristiche, perfino Jinx, Caitlyn e Vi.

Indossano abiti sobri e hanno personalità leggermente meno esuberanti del necessario. Tutto questo funziona bene in Arcane poiché la serie è più realistica e il pubblico deve potersi identificare nei personaggi, ma non è quello che cerchiamo su LoL. I campioni devono essere chiaramente leggibili, unici e avere fonti di potere evidenti.

Abbiamo provato a potenziare Silco affinché avesse queste caratteristiche, ma finiva per non essere più Silco, e abbiamo ritenuto che non fosse giusto nei confronti del personaggio di cui ci siamo innamorati in Arcane, e quindi alla fine abbiamo optato per muoverci in un’altra direzione.”

La Baronessa chimica

Zaun è governata dai baroni chimici, boss del crimine che traggono profitto approfittando dei cittadini più vulnerabili della città. Sono spietati. Astuti. Assetati di potere. Era semplicemente perfetto.

“Quando stavamo riflettendo su chi fosse Renata, sapevamo che doveva essere una persona manipolatrice”, ci ha spiegato Dana Luery “griddlebones” Shaw. “Qualcuno in grado di costringere gli altri a fare ciò che vuole, che non debba sporcarsi le mani e possa trasformare i nemici in alleati. Mi ricordava molto un boss del crimine, e abbiamo passato molto tempo a studiare i capi della malavita organizzata.”

“Mi sono chiesta, quale tipo di boss criminale degli anni 20 o 30 avrebbe potuto avere queste abilità? Poiché proprio come Renata, molti di questi individui volevano essere visti come dei veri uomini di affari, tanto da essere disposti a far uccidere persone a destra e a sinistra”, ha continuato griddlebones. “E quindi, cosa sarebbe successo se avessimo creato una vera donna d’affari che fa anche uccidere persone a destra e a sinistra? È da questa domanda che è nata la personalità di Renata Glasc.”

Renata ha ereditato il suo patrimonio dai genitori, due alchimisti zauniti generosi fino all’eccesso, tanto da fornire cure mediche ai più poveri della città senza chiedere nessun compenso in cambio, costringendo spesso Renata ad andare a letto affamata, infreddolita e amareggiata. Per questo non dovrebbe stupire che, una volta cresciuta, invece di seguire le orme dei genitori e fornire aiuti medici gratuiti a Zaun, decise di creare un impero economico.

Tuttavia, a differenza dei CEO e dei dirigenti del nostro mondo, Renata Glasc sa di non essere tra i buoni. Certo, magari può donare respiratori ai cittadini di Zaun dopo un disastro chimico, ma questo è il prezzo degli affari.

Il chemtech

Ogni aspetto di Renata dovrebbe essere di alta classe, come l’élite di Piltover che cerca segretamente di imitare (anche se non lo ammetterà mai). Dal suo completo bianco in contrasto con la sporcizia di Zaun, alla sua esclusiva, elegante pistola a tripla canna. Tutto ciò che Renata Glasc possiede è fatto su misura, elegante e costoso, inclusi gli strumenti che userà per uccidervi.

Gli arti prostetici non sono un’idea nuova a Zaun. Molti dei cittadini lavorano in condizioni tremende e sono vittime di orribili incidenti, che provocano lesioni traumatiche o peggio. Ma Renata affronta le cose con più… pragmatismo.

All’interno del braccio prostetico di Renata ci sono una serie di tubi e di siringhe che contengono la sua “medicina” chemtech. Renata è in grado di controllare questo potenziamento come vuole, allungandolo per afferrare oggetti, muovendo le dita per creare chiavi adatte a ogni uso, e, se necessario, iniettare un mix letale di agenti chimici in chiunque osi ostacolarla. Ma se avete il coraggio di mettere la vostra vita nelle sue mani, forse vi permetterà di avvicinarvi tanto da vedere qualcosa di bello e familiare.

“Cerco sempre di collegare i personaggi al mondo, in modo che ogni elemento del loro design assomigli a qualcosa di già visto in passato. Per il braccio di Renata, mi sono basato sul design di Orianna”, ha spiegato Kindlejack. “Probabilmente, la protesi di Renata non è stata costruita dalla stessa persona, ma è quasi sicuramente opera di un artigiano che dà più peso all’aspetto artistico ed estetico, in contrasto con lo stile più funzionale e industriale che caratterizza molti altri campioni di Zaun. Anche lo schema di colori dovrebbe richiamare campioni come Jinx e Mundo.”

Ma al di là delle apparenze di eleganza e bellezza, Renata Glasc ha sempre desiderato essere una figura potente e spaventosa nell’ambiente di Zaun. E una persona che indossa un completo fatto della migliore lana di elnuk non incute il timore che avrebbe dovuto emanare una figura come Renata.

La maschera

“Ho esaminato alcune delle altre maschere di LoL, come quelle di Urgot e Viktor, e mi sono chiesto se ci potessero essere degli stili e delle tecniche condivise dai diversi artigiani di Zaun”, ha spiegato Kindlejack. “Non volevo che sembrasse fuori posto, ma doveva dare l’idea di essere di una qualità migliore. Renata non l’ha sicuramente scelta da un catalogo, ma magari uno degli ingegneri che ha assunto per progettarla potrebbe aver condiviso i suoi appunti con Viktor. O forse era stato in classe con qualcuno che poi ha abbandonato la scuola, è finito in prigione e ha progettato la maschera di Urgot.”

Per quanto riguarda il motivo per cui Renata indossa una maschera… È per essere più intimidatoria. Non le serve per vivere (tranne quando si trova a Piltover e deve respirare quell’aria così disgustosamente pulita), ma le somministra delle piccole dosi di chemtech. Le cartucce che si trovano sul fondo funzionano come degli inalatori per l’asma e le forniscono costantemente le migliori medicine disponibili a Piltover e Zaun. (Insomma, svapa.)

Le Industrie Glasc

Ed eccola qui, Renata Glasc, una donna dal carattere dominante con l’ambizione di controllare i Cancelli del Sole e di usarli per controllare Piltover, Zaun e i commerci di tutta Runeterra. Ma le basterà davvero?

“Niente sarà mai abbastanza. Quando Renata raggiunge un obiettivo, trova sempre qualcosa di più grande a cui aspirare. Magari un giorno lancerà una macchina nello spazio o qualcosa del genere”, ha aggiunto ridendo griddlebones. “Per me, quanto meno, Renata è proprio come il capitalismo, concentrata sull’espansione costante e mai soddisfatta dei profitti attuali, spinta dal costante bisogno di avere sempre di più, a qualsiasi costo. Renata è una voragine famelica di ambizioni e avidità infinite. Non mi stupirebbe se dicesse: ‘Va bene. direi che forse è ora di assumere qualche mercenario per conquistare Noxus. Chi lo sa? È solo giovedì.'”

ReadyCheck.gg, ecco le date di tutti i tornei di Luglio per Warzone, Fifa, LoL, HS, Clash Royale, Rocket League e Magic!

ReadyCheck.gg, ecco le date di tutti i tornei di Luglio per Warzone, Fifa, LoL, HS, Clash Royale, Rocket League e Magic!

Profilo di Gosoap
 WhatsApp

ReadyCheck.gg, con un recente comunicato stampa condiviso in esclusiva con noi di Powned.it, ha finalmente annunciato tutti i tornei programmati per il mese di luglio, che riguarderanno gli appassionati di Warzone, Fifa, LoL, HS, Clash Royale, Rocket League e Magic.

In palio per ogni singolo torneo, RC metterà in palio 100€ di montepremi, fatta eccezione per i tornei di Call of Duty Warzone, che invece avranno in palio 200€.

Come ormai consuetudine (anche se ancora per poco), l’ingresso a questi tornei sarà totalmente gratuito. Tuttavia stavolta il montepremi verrà distribuito esclusivamente tra i primi 3 classificati, anziché tra i primi 8.

ReadyCheck.gg, le date di tutti i tornei per Luglio!

La programmazione di Luglio dei tornei si presenterà come segue. Ovviamente vi ricordiamo che CLICCANDO su ogni torneo accederete direttamente alla pagina dedicata, dalla quale potrete già da oggi iscrivervi per cercare di ottenere quanto più bottino possibile.

Insomma, che ve ne pare community? Per maggiori informazioni contattate il team operativo di ReadyCheck.gg sul loro canale Discord ufficiale CLICCANDO QUI.

Articoli Correlati:

Riot aumenterà i prezzi degli RP dal 19 agosto: ecco perché

Riot aumenterà i prezzi degli RP dal 19 agosto: ecco perché

Profilo di Rios
 WhatsApp

Come un fulmine a ciel sereno, arrivato durante la settimana di pausa estiva, Riot ha comunicato che aumenterà i prezzi degli RP a partire dal 19 agosto. Una scelta che ha scosso molti giocatori, che non hanno capito il perché di questa decisione improvvisa.

Gli sviluppatori hanno spiegato il tutto in un breve comunicato, che ha anche illustrato le variazioni che vedremo da qui a breve. La crisi economica internazionale si fa sentire anche in questo campo, e purtroppo andrà a colpire in primis gli utenti finali.

Insomma, una cosa non certamente piacevole, ma che è figlia di una alcune circostanze che sono al di fuori del controllo dell’azienda.

Riot aumenta il prezzo degli RP

Il comunicato

Ciao a tutti,

A partire da 19 agosto (orario del Pacifico), i prezzi di RP e monete TFT aumenteranno nella gran parte delle regioni per motivi legati a inflazione mondiale, fluttuazione valutaria, mantenimento di prezzi onesti tra e all’interno delle regioni, coerenza tra i nostri prodotti e altri aumenti dei costi associati. Anche se spesso le nostre revisioni annuali dei prezzi portano a modifiche solo in alcune regioni, l’analisi di quest’anno ha identificato cambiamenti economici su scala globale, portando di conseguenza a un impatto mondiale.

Prima di aumentare i prezzi, offriremo RP bonus e monete TFT bonus per tutti gli acquisti di RP e monete TFT in tutte le regioni dal 14 al 31 luglio (orario del Pacifico). Una volta terminata la promozione, i bundle di RP torneranno normali fino al 19 agosto come spiegato sopra.

Per l’Italia le modifiche sono:

Prezzo vecchio (EUR) Vecchia valuta totale Prezzo nuovo (EUR) Nuova valuta totale
2.50 310 4.99 575
5.00 650 10.99 1380
10.00 1380 21.99 2800
20.00 2800 34.99 4500
35.00 5000 49.99 6500
50.00 7200 99.99 13500

Media variazione di prezzo: 9.8%

Qualche nota aggiuntiva

Volevamo menzionare un paio di punti relativi alla coerenza strutturale che abbiamo corretto quest’anno, che hanno portato a una complessità maggiore rispetto alla semplice modifica di RP per bundle.

  • Prima di tutto, abbiamo corretto i casi in cui alcune regioni non avevano un modo per ottenere aspetti dei campioni da 1350 RP o aspetti arena da 1380 RP/MT con una singola transazione
  • Poi, per coerenza tra i nostri giochi, per la gran parte dei prezzi in valuta reale siamo passati al classico modello “X,99 €” che si vede nei mercati dei dispositivi mobili

Bel’Veth: le banrate del campione arrivano a livelli altissimi

Bel’Veth: le banrate del campione arrivano a livelli altissimi

Profilo di Rios
 WhatsApp

Dopo diversi nerf subiti, che non hanno sortito alcun effetto, possiamo dirlo con certezza: Bel’Veth è diventata un problema per League Of Legends. Il campione ha raggiunto percentuali di ban pericolosamente alte in soloQ, anche negli elo più alti delle ranked.

Il team di bilanciamento si ritrova una bella gatta da pelare tra le mani, e dovrà decidere come comportarsi piuttosto in fretta. Inizialmente sembrava che l’Imperatrice del Vuoto avesse successo solo in bronzo, argento ed oro, ma ora i fatti sono ben diversi.

Insomma, è chiaro che servano dei nerf ben più approfonditi rispetto a quelli “placebo” che abbiamo visto fino a pochi giorni fa.

Bel’Veth domina la soloQ di League Of Legends

Un carry da 1v9

Nonostante Bel’Veth non abbia avuto un debutto particolarmente ricco di successi su League Of Legends, con il tempo le sue percentuali di vittoria sono iniziate a salire. Inizialmente si pensava fosse un fenomeno limitato agli elo più bassi, dove i giocatori non sapevano come giocare contro l’Imperatrice lasciandola libera di farmare indisturbata nelle prime fasi di game, cosa che le permetteva di vincere quasi ogni partita da sola.

Proprio a causa di questi motivi, Riot ha rilasciato i primi nerf per il campione, che prendevano di mira proprio l’early game e le prime fasi di powerfarming. Ma qualcosa non è andato secondo i piani, visto che le winrate non si sono fermate, ma anzi sono aumentate ancora di più anche negli elo più alti.

Ed allora il team di bilanciamento ha pensato e lanciato degli ulteriori nerf nella patch 12.12b, per mettere un freno al regno della nostra Bel’Veth. Anche questa volta, però, non ha funzionato visto che le sue percentuali di ban sono aumentate fino a raggiungere quasi dei livelli da record.

Il campione attualmente vanta una percentuale di ban pari al 67.6% dal platino in su, sfondando la soglia psicologica del 50% come non accadeva da anni. L’ultimo campione a superare questo limite è stato Aphelios durante la stagione 9 oppure Kassadin e Skarner in stagione 5. Inoltre anche le sue winrate sono arrivate a livelli alti, visto che toccano il 51.38% dal platino in su con un playrate del 8.5%.

Speriamo vivamente che il team di bilanciamento possa trovare la quadratura giusta per Bel’Veth, magari evitando di distruggere il suo kit come già successo con altri campioni in passato (IreliaAkaliApheliosSamira ad esempio). Non è facile, certo, ma una soluzione rapida e convincente è necessaria.