PG Nationals LOGO

Recap day 2 week 3 PG Nationals: MOBA ROG totalmente fuori fase

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Si è da poco conclusa la terza settimana del celebre torneo italiano di League of Legends “PG Nationals”.
Le quattro partite del Lunedì hanno offerto uno spettacolo unico ed hanno dato molte conferme per i Samsung Morning Stars e per i Qlash Forge. Ci sono state anche diverse delusioni e qualche prestazioni negativa da parte di alcuni team, ma andiamo ad analizzarle nel dettaglio.

MOBA ROG-Cyberground Gaming (0-1)

I MOBA ROG confermano purtroppo il loro periodo di crisi, infatti, durante questa partita, sono stati capaci di sbagliare quasi tutto quello che potevano. A partire dalla draft, che era ben poco sinergica e fin troppo al sapore di soloQ. I punti deboli sono stati, in assoluto, i pick di Swain, Sejuani e Taric. Questi sono dei campioni ben poco mobili, ed hanno reso facilissima la vita del Lee Sin e del Kennen avversario. Nemmeno nella midlane le cose sono andate troppo bene, Vigil ed il suo Yasuo sono stati ben poco efficaci e spesso fin troppo avidi. Continua a non convincere il jungler Outlandisch che, da qualche partita, continua a fornire prestazioni brutte ed anonime che sono state confermate anche in questo game. Ora la situazione in classifica si fa dura, Paolocannone e compagni devono velocemente rimettere la “barra a dritta” per poter lottare per i playoff.

Molto più convincente la composizione dei Cyberground che, grazie a dei pick con alta mobilità e possibilità di outplay, hanno fatto molto male ai ragazzi dei MOBA ROG. Non hanno mai lasciato uno spiraglio agli Orchi, spegnendo sul nascere ogni tentativo di schermaglia. Puliti, precisi e cattivi, le Aquile hanno impressionato risollevandosi dopo una piccola crisi.

Samsung Morning Stars-Racoon (1-0)

State cercando la definizione della parola massacro? Eccola servita. I Samsung Morning Stars hanno dominato dal minuto 1, senza lasciare il minimo spazio di manovra ai poveri Racoon. E’ vero, i Procioni non hanno bannato il Sion di Acefos ed il Rengar di Kamil, perciò si sono scavati la fossa da soli, lasciando due degli avversari più forti nelle loro zone di comfort. Non c’è molto da dire su questa partita, gli SMS hanno preso troppo vantaggio ed hanno “tirato dritto” guadagnando una facilissima vittoria.

Il roster dei SMS, in una foto presa dal loro Facebook.

Sparks-Qlash Forge (0-1)

Il team Qlash Forge ha capito come si possono battere gli Sparks. In effetti questa squadra, trova la sua forza nel caos che riesce a portare nelle partita. Giocano in maniera totalmente diversa, non cercando gli obiettivi, ma optando per una serie di aggressioni abbastanza marcate. I Q4G hanno annullato questa strategia, mettendo in campo una metodicità mai vista prima in questa stagione. Hanno giocato per gli obiettivi, non permettendo agli Sparks di accedere alla loro condizione di vittoria, conquistando il controllo della mappa con facilità, come se non bastasse giocando un League of Legends da manuale. Vincendo questa partita, riescono ad agganciare proprio agli Sparks in classifica, lasciando però gli SMS solitari al comando.

iDomina-Outplayed (1-0)

Dopo la partita di ieri, tutti pensavamo che gli Outplayed fossero definitivamente usciti dalla crisi. Purtroppo per loro, le cose non sono andate come volevano. Infatti gli iDomina hanno letteralmente dominato la partita, giocando per gli obiettivi e riuscendo a conquistare ben 5 draghi elementali (2 infernali e 3 oceanici). Ben sotto la media la prestazione di DrMatt, che, con la sua Akali, ha avuto moltissime difficoltà nel gestire la midlane contro la Lissandra di Aki. Bellissima, invece, la prestazione di Rharesh che con il suo Ezreal ha distrutto i membri degli OP.

Il fortissimo Rharesh degli IDomina

Classifica

1Samsung Morning Stars5-183%
2Qlash Forge4-267%
2Campus Party Sparks4-267%
4Cyberground Gaming3-350%
4iDomina eSports3-350%
6MOBA ROG2-433%
6Outplayed2-433%
8Racoon1-517%