Recap day 1 week 6 della LEC: il ritorno dei Re e la rivalsa degli ultimi.

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Il day 1 della week 6 della LEC, si è appena concluso. Abbiamo visto alcune partite bellissime, con dei risultati inaspettati. I Rogue continuano a vincere, ma soprattutto a convincere, mentre i Fnatic hanno tirato fuori il coniglio dal cilindro. Andiamo a vedere, nel dettaglio, tutte le partite di questo day 1.

G2 Esports-F.C. Schalke 04 (1-0)

Ebbene si, dopo una piccola battuta d’arresto, i Re sono tornati. I G2 hanno giocato una partita perfetta, sia in fase di draft, sia in fase di gioco vero e proprio. Caps ha giocato una LeBlanc sontuosa, riuscendo a trovare risorse ed uccisioni soprattutto fuori dalla sua midlane. Perkz ha giocato un Jayce adc fuori di testa. Tutti insieme hanno letteralmente distrutto gli Schalke 04, non concedendo quasi nulla.

Il team tedesco non è quasi sceso in campo. E’ vero, nelle prime fasi di gioco, Upset e compagni hanno trovato qualche risorsa senza riuscire a capitalizzare. Hanno perso tutta la mappa velocemente e non sono mai riusciti ad opporre un’adeguata resistenza.

ExceL Esports-Rogue (0-1)

Descrivere questa partita in poche parole, non è per nulla semplice. E’ stato un game molto confuso, tra due squadre alcune volte confuse. Finalmente i Rogue hanno trovato una quadratura del cerchio, ed hanno capito come giocare insieme. Il loro macrogame è stato impostato sull’aggressività esasperata, facendoli cadere in errori, spesso sciocchi. Hanno conquistato gli obiettivi in maniera metodica, strozzando gli ExceL e tagliandoli fuori dalle risorse. MVP assoluto è stato Vander, da quando lui è arrivato, le azioni dei Rogue sono state precise e sempre pulitissime. Anche HeaQ pare essersi risvegliato ed è riuscito, per la prima volta in questa split, a vincere una linea.

Gli ExceL sono stati disastrosi. La loro draft non aveva senso, hanno preso Urgot per “flexarlo” giungla senza rendersi conto di quanto, quella decisione, fosse sbagliata. Non ci pare nemmeno il caso di colpevolizzare Caedrel, che con un pick del genere ha fatto ciò che ha potuto. Nel complesso, il team inglese ha giocato male, dando continuità a quelle brutte prestazioni che hanno caratterizzato gran parte dello split.

Team Vitality-Splyce (1-0)

Anche questa è stata una partita confusa. Nonostante gli Splyce avessero dominato l’early game, non sono riusciti a sfruttare questo vantaggio. I Vitality sono stati bravissimi a mettere la partita in stallo durante il mid game, riuscendo a rimettere in gioco il Draven di Attila. Una menzione particola va fatta a Cabochard e Jiizuke. I due hanno impostato uno splitpush incredibile sulle sidelane, riuscendo a tenere in scacco la base degli Splyce. Completamente fuori forma Mowgli, che ha giocato una partita bruttina ed ha regalato fin troppe risorse durante le prime fasi di gioco.

SK Gaming-Misfits Gaming (0-1)

I Misfits sono tornati alla vittoria, e già questo è un fatto. Durante questa partita ne abbiamo viste di tutte i colori, errori grossolani da entrambe le parti. Se i Coniglietti hanno costruito una draft convincente, durante le ultime fasi del game hanno rischiato, più volte, di perderla. Il team inglese ha subito impostato un dominio totale, riuscendo a mettere sotto gli SK Gaming. Questo vantaggio accumulato non è stato sfruttato nel migliore dei modi, perchè il team tedesco ha rischiato addirittura di ribaltare l’esito dello scontro.

Non si possono nemmeno colpevolizzare troppo i ragazzi degli SK, che se la sono giocata fino alla fine. Purtroppo però, i pick hanno fatto la differenza favorendo la composizione costruita da GorillA e compagni. Congratulazioni ai Misfits che si risollevano dopo un bruttissimo periodo, ma peccato per gli SK che interrompono una striscia positiva.

Fnatic-Origen (1-0)

Cercate la definizione di snowball? Questa partita è la risposta che fa per voi. I Fnatic hanno distrutto gli Origen, impostando un early game super aggressivo. E’ un modo di giocare che non avevamo mai visto da parte di questo team, che ha rinunciato alla sua metodicità e si è affidato solo alle prime fasi di gioco. Rekkles ha trovato una kill al minuto 1 su Patrik, che gli ha permesso di disintegrare la botlane avversaria. Tutti i componenti della squadra inglese hanno giocato benissimo, tornando ai loro livelli d’eccellenza. Non hanno lasciato nulla agli Origen, finendo la partita con un punteggio generale di 23 kill a 3.

Questa sconfitta si farà sentire in casa Origen. Il team spagnolo stava cavalcando un’onda di entusiasmo, ma qualcosa pare si sia rotto durante questa sfida. Durante le fasi di draft, hanno sottovalutato il pick di Galio support, perdendo la partita con le proprie mani. Speriamo che questo episodio non condizionerà Nukeduck e compagni, perchè perdere in questo modo indubbiamente ti segna nel profondo.


Recap day 1 week 6 della LEC: il ritorno dei Re e la rivalsa degli ultimi.
Mario "Rios" Cristofalo

Sono un appassionato di videogiochi sin da quando ne ho memoria. La mia crescita è stata caratterizzata delle console Nintendo (grazie ai Pokèmon), e poi dall'esplosione di Xbox anche in Italia. Nel 2018, però, mi sono avvicinato al mondo di League Of Legends di cui mi sono perdutamente innamorato. Ad oggi mi occupo di LoL, ma anche di tutto ciò che è interessante nel mondo videoludico e tech in generale. Per info e collaborazioni: [email protected]

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701