Problemi per la divisione esport del Besiktas: mancano soldi e stipendi!

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

E’ recentemente scoppiata sui social una durissima polemica tra la nota realtà calcistica del Besiktas ed alcune sue ex giocatrici della divisione esport.

A far trapelare la notizia dei problemi finanziari tra la società ed i suoi professionisti è stata proprio Natalie ‘Stratospanda” Kristiansen, giocatrice di League of Legends entrata a far parte del Besiktas nell’Ottobre dello scorso anno, insieme ad altre 4 professioniste in un roster composto unicamente da donne.

Il post su Twitter

In un post pubblicato su Twitter Stratospanda ha fatto sapere che la situazione del team non è affatto incoraggiante e che la società deve ai giocatori (lei compresa) diverse mensilità arretrate. Natalie ha spiegato che la situazione nel Besiktas è stata difficile fin dai primissimi giorni, e che fin dal primo stipendio mensile si sono iniziati ad accumulare dei ritardi che oggi si sono trasformati in mensilità e mensilità mai pagate e solo promesse.

Ad aggravare il tutto vi è anche la presunta determinazione del team a tenere segreta la situazione: sembra infatti che il Besiktas abbia cercato di evitare in tutti i modi la fuga di notizie, arrivando anche a minacciare i giocatori ai quali è stato imposto il silenzio stampa in cambio della speranza di ricevere, forse un giorno, i soldi che si erano meritatamente sudati.

L’intervento di Komedyja

Alla giocatrice hanno poi fatto eco anche alcune sue ex compagne (Stratospanda non fa più parte del Besiktas dallo scorso Giugno, ndr), che hanno ribadito quanto fossero state false molte delle promesse della società all’inizio di questa avventura, come il lavoro quotidiano sui media o i bootcamps.

Al momento non vi è stata alcuna replica del Besiktas, anche se le recenti notizie riguardo il forte indebitamento del team turco non fanno sperare nulla di buono per il futuro negli esport di questa importante realtà calcistica europea.

Marco "Stak" Cresta

Sono un appassionato di videogiochi fin da quando ne abbia ricordo e credo nella bontà del progresso che scaturirà grazie agli eSports anche a livello sociale. L'altra mia grande passione è da sempre stata l'attualità e la storia, motivo per il quale ho concluso il mio percorso di studi con la laurea in Scienze Politiche nell'Università calabrese di Cosenza.