Pagelle della week 7: gli SK Gaming abbattono i giganti, mentre i Vitality stentano contro gli Origen.

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

La week 7 si è appena conclusa ed è arrivato il momento delle pagelle. Per certi versi, questa settimana è stata entusiasmante, infatti i G2 hanno perso per la seconda volta, mentre i Vitality hanno dovuto fare a meno del nostro Jiizuke, che è rimasto a casa a causa di alcuni problemini di salute. La classifica continua a cambiare, e tantissime squadre sono a pari punti e cercano un posto nei playoff. Molti team si sono migliorati, mentre tanti altri si ritrovano invischiati in una crisi senza fine. Andiamo a vedere i voti di questa settimana, analizzando ogni squadra nel dettaglio.

ExceL Esports

VOTO: 5,5

Durante questa settimana, gli ExceL sono riusciti a trovare una vittoria importante contro gli SK Gaming, ma ancora non convincono a livello di gioco. Questi ragazzi non riescono ad offrire un livello di gioco convincente, risultando spesso confusionari e poco efficaci. Il midlaner, Special, non riesce ad aggregarsi al resto del gruppo, rimanendo fuori dalle azioni del team e fornisce delle partite a dir poco sotto la media. Molto convincente, invece, è il jungler Caedrel, che si sta riscattando da una stagione (2018) disastrosa. Questo team ha ancora il sapore d’incompiuto, ma siamo convinti che nel Summer Split potrà puntare a qualcosa di meglio.

VORREI, MA NON POSSO

F.C. Schalke 04

VOTO: 0

Abbiamo finito le parole per definire questo team. Veramente, da qualche settimana, non riescono più a performare come dovrebbero. Gli Schalke sono diventati tremendamente fragili, dal punto di vista tecnico, ma soprattutto dal lato mentale: ogni partita viene approcciata con talmente tanta sufficienza, che non sembra nemmeno di vedere dei professionisti. Ogni singolo membro di questa squadra sembra aver perso ogni stimolo per continuare a vincere. La sconfitta contro i Vitality di qualche settimana fa risulta aver toccato nel profondo la fibra mentale di questi ragazzi, che non sanno più dove mettere le mani. Il peggiore (a nostro avviso) rimane Upset, in assoluto quello più svogliato ed il meno performante.

BRUTTI E SVOGLIATI

Fnatic

VOTO: 10

Riprendersi dopo un inizio di split così duro era difficile, ma farlo con questa forza e con questa convinzione è assolutamente fuori dal comune. I Fnatic concludono l’ennesima settimana sul 2-0, ed agganciano la zona playoff portandosi sullo score complessivo di 7-7. Ricordiamoci che fino a qualche settimana fa questi ragazzi erano in fondo alla classifica a fare compagnia agli exceL e ai Rogue. Tutti i giocatori di questa squadra stanno giocando divinamente, anche meglio dello scorso anno in cui hanno dominato non solo in Europa, ma anche nel mondiale coreano. Questi ragazzi sanno che non possono permettersi di perdere più nemmeno un game, ed in tutte le giornate stanno dando il 110%. La loro cavalcata è assolutamente emozionante e speriamo che questo momento d’oro possa durare fino alla fine dello split.

GRANDE CUORE

G2 Esports

VOTO: 4

La settimana scorsa pensavamo che l’unico grande difetto dei G2 fosse finalmente scomparso, ma ci sbagliavamo di grosso. Infatti, Perkz e compagni sono ricaduti, ancora una volta, negli stessi errori. E’ vero, durante il day 1 hanno trovato una vittoria contro i Rogue, senza però convincere sotto il profilo mentale, infatti hanno rischiato fin troppo, sottovalutando l’avversario e regalando risorse in quantità industriale. La sconfitta subita per mano degli SK Gaming, per il modo in cui è arrivata, dimostra quanto questa squadra abbia troppa fiducia nei propri mezzi. Anche dopo aver perso, Caps e compagni ridevano e scherzavano come se nulla fosse successo, non erano per nulla dispiaciuti. Va bene aver fiducia nelle proprie capacità, ma con una mentalità del genere non si va lontano.

VITTIME DEL LORO EGO

Misfits Gaming

VOTO: 5

Cosa dobbiamo dire in più sui Misfits? Le prestazioni fornite parlano da sole. Questa squadra gioca male non solo quando perde, ma soprattutto quando vince. Veramente non riusciamo a capire cosa sia successo al team inglese, perchè sulla carta ha un roster che potrebbe ambire ai primi posti della classifica, ma al momento si ritrova a rischiare anche l’accesso ai playoff. Il risultato di 1-1 di questa settimana fa capire ancora di più quanto questo team sia discontinuo e poco abituato ad imporre il proprio gioco.

ETERNI INCOMPIUTI

Origen

VOTO: 8,5

Dopo alcune prestazioni poco convincenti, gli Origen hanno ricominciato a giocare come sanno. La loro settimana si è chiusa sul 2-0: sono riusciti a conquistare due vittorie contro due dirette avversarie nella lotta alle posizioni nobili della zona playoff. Hanno distrutto sia gli Splyce che i Vitality, mostrando un macrogame ed una strategia complessiva di livello altissimo. Le loro partite sono un piacere per gli occhi, in quanto riescono a coniugare tutto ciò che è League of Legends con una facilità estrema.

PIACERE ESTREMO

Rogue

VOTO: 3

Non c’è molto da dire sui Rogue, purtroppo la situazione è quella che è, e tutti noi la conosciamo bene. Le due vittorie guadagnate nelle scorse settimane avevano fatto ben sperare, ma le cose sono ritornate in fretta alla normalità. Sicuramente c’è bisogno di un cambiamento radicale al roster (e forse anche al coaching staff), è brutto dirlo, ma uno come HeaQ non è in grado di fare il carry e deve essere sostituito immediatamente. I margini di miglioramento ci sono, ma c’è tantissimo lavoro da fare.

CANTIERE APERTO

SK Gaming

VOTO: 7,5

Nonostante una super vittoria contro i G2, gli SK Gaming continuano a non convincere a livello di gioco di squadra. Spesso si perdono in un bicchiere d’acqua, regalando agli avversarsi partite già vinte. Sono sicuramente errori d’inesperienza, ma a questo livello si pagano cari. La sconfitta subita per mano dei Misfits è una prova a sostegno di questa tesi, in quanto il team tedesco aveva la partita in pugno e si è fatto scioccamente rimontare fino al punto di perdere. Il potenziale a livello dei singoli c’è, ed è ben visibile a tutti, ma manca ancora una strategia comune ed un’aggregazione generale, che renderebbero questa squadra molto più temibile.

FORTISSIMI MA POCO ATTENTI

Splyce

VOTO: 6

Gli Splyce continuano il loro cammino abbastanza lento, ma costante. Infatti, da qualche settimana, continuano ad inanellare una serie di 1-1, che non portano grandi stravolgimenti alla loro classifica. Si ritrovano al terzo posto, più per demeriti degli altri che per loro meriti. Infatti, la caduta libera degli Schalke 04 ha agevolato l’arrampicata delle Vipere. Ora però devono guardarsi le spalle, perché gli arrembanti Origen li stanno tampinando da vicinissimo. La sconfitta subita proprio dal team di xPeke preoccupa, perché il livello di gioco espresso dagli Splyce è stato imbarazzante. Sono comunque riusciti ad ottenere un punto importante contro gli Schalke, che li farà rimanere a galla ancora per un po’.

MEDIOCRI MA (A VOLTE) EFFICACI

Team Vitality

VOTO: 6,5

Questa settimana non è stata per nulla facile per i Vitality. Il team francese ha dovuto affrontare due partite importantissime senza il proprio midlaner titolare: Jiizuke. La squadra ha guadagnato una facile vittoria contro i Misfits, mettendo in mostra i muscoli, vincendo con forza e convinzione. La partita contro gli Origen, invece, è tutto un altro discorso. Attila e compagni sono sembrati spaesati, non avevano in mente una strategia ben precisa, ed hanno perso in maniera anche piuttosto brutta. Attualmente i Vitality sono al secondo posto, ma devono stare attenti perchè sono tallonati dagli Splyce e soprattutto dagli Origen ad una sola vittoria di distanza. Speriamo che Jiizuke si rimetta presto e che possa riprendere il suo posto da titolare, indubbiamente Saken è stato bravo, ma lo Stallone Italiano è in grado di prendere per mano questa squadra e portarla alla vittoria.

MOMENTO DI TRANSIZIONE

Fonte immagini: Lol Esports


Pagelle della week 7: gli SK Gaming abbattono i giganti, mentre i Vitality stentano contro gli Origen.
Mario "Rios" Cristofalo

Sono un appassionato di videogiochi sin da quando ne ho memoria. La mia crescita è stata caratterizzata delle console Nintendo (grazie ai Pokèmon), e poi dall'esplosione di Xbox anche in Italia. Nel 2018, però, mi sono avvicinato al mondo di League Of Legends di cui mi sono perdutamente innamorato. Ad oggi mi occupo di LoL, ma anche di tutto ciò che è interessante nel mondo videoludico e tech in generale. Per info e collaborazioni: [email protected]

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701